Arte barocca: gli artisti del periodo barocco

ARTE BAROCCA: GLI ARTISTI DEL PERIODO BAROCCO

Credo veramente che gli artisti dell’arte barocca ai giorni nostri sarebbero dei registi di film dagli effetti speciali spettacolari.
Mi capita spesso di osservare un’opera e di immaginarmi chi potrebbe essere oggi l’artista che l’ha realizzata.
Potrebbe essere un artista come Damien Hirst oppure un architetto con il vizio del design come Zaha Hadid o magari altro?
Quando però ho davanti agli occhi un capolavoro dell’arte barocca colloco sempre gli artisti di quel periodo nel mondo del cinema.

Verso la fine del ‘500 l’arte diventa, nelle mani della Chiesa e delle monarchie europee, un grande strumento di propaganda e di persuasione, in grado di stupire ma anche di trasmettere i dogmi della fede dopo lo scisma protestante.

In questo post i nomi degli artisti che hanno reso l’arte barocca un potente mezzo di comunicazione.

Gli artisti dell’arte barocca

Gian Lorenzo Bernini (1598 -1680) è stato uno dei maggiori artisti dell’età barocca. Architetto, scultore, pittore e anche scenografo fu al servizio del Cardinale Scipione Borghese, che gli commissionò quattro sculture che ancora oggi sono considerate i massimi capolavori dell’arte barocca: Enea e Anchise, il ratto di Proserpina, il David, Apollo e Dafne (conservate presso la Galleria Borgese a Roma) che ho descritto in un post dedicato a Bernini.
Bernini era mondano, forse la prima archistar della storia, tanto geniale quanto arrogante ma allo stesso geniale.

Francesco Borromini (1599-1667) è l’altro grande architetto del Barocco insieme a Bernini, con cui collabora per il progetto del baldacchino di San Pietro a Roma ma con cui sarà in aperto conflitto per tutta la vita.
Perfezionista e dal carattere introverso, per tutta la vita la personalità di Bernini rischiò di metterlo in ombra.

LEGGI ANCHE: Cosa a vedere a Roma.

Caravaggio (1571-1610) è il pittore più importante dell’età barocca. Inventore della Natura morta italiana, le sue opere hanno uno stile inconfondibile e hanno influenzato in modo determinante tutta l’arte successiva. Pur non avendo mai avuto una bottega e degli allievi, furono molti artisti che si ispirarono direttamente al suo stile e per questo vengono detti “caravaggisti”.

La sua pittura è caratterizzata da 3 elementi:

  • il realismo, che lo porta a dipingere scene popolate da personaggi che sembrano usciti dalle strade di Roma di quegli anni;
  • uso del chiaroscuro, che modella volti e corpi che danno la sensazione che siano tridimensionali;
  • la teatralità delle scene, con una particolare attenzione al momento più drammatico.
Caravaggio | Deposizione nel sepolcro

Caravaggio, Deposizione nel sepolcro (1600-1604 circa). Immagine da it.wikipedia.org.

Andrea Pozzo (1642 – 1709) è stato un architetto, pittore, decoratore, ma soprattutto il teorico dell’arte barocca. Il suo trattato Perspectiva pictorum et architectorum, scritto tra il 1693 e il 1698, fu uno dei primi manuali sulla prospettiva e di fatto è stato il punto di partenza per la realizzazione di tutte le architetture e decorazioni con effetti ottici di sfondamento spaziale e prospettico, che sono caratteristiche dell’arte barocca.

Pietro da Cortona (1596 – 1669) è stato uno dei principali artisti e architetti di Roma nell’epoca barocca insieme a Bernini e Borromini.
Suo è il progetto per il Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo così come lo vediamo oggi.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *