Arte contemporanea: le mostre da non perdere a giugno 2017

ARTE CONTEMPORANEA: 6 MOSTRE A GIUGNO

Uno dei post che leggete con più interesse ogni mese è quello dedicato alle mostre da vedere in Italia (l’ultimo pubblicato è dedicato alle mostre di giugno), ma spesso gli eventi dell’arte contemporanea non riesco ad inserirli e accontentare invece chi tra voi apprezza questo tipo di appuntamenti.
Ho chiesto quindi ad Alice Traforti, che già avete imparato a conoscere leggendo alcuni suoi articoli che ho pubblicato, come quello sulla mostra Flow e quello più provocatorio su cosa sia l’arte contemporanea.
Le ho chiesto di stilare una lista di eventi imperdibili perché lei è la vera esperta del contemporaneo.
Ecco cosa ci consiglia per il mese di giugno.

Ed eccoci qui per un appuntamento (al buio) con l’arte contemporanea.
Vi presento la mia lista di mostre, quelle che vi consiglio di vedere per un approccio consapevole all’arte contemporanea di oggi: non solo business art, ma arte di ricerca, più o meno recente.

Affrettatevi: mostre di giungo in chiusura!

Inizio segnalandovi queste 4.
Non fate come me, che mi lascio sempre sfuggire da sotto il naso le mostre più interessanti, soprattutto quando conosco le ricerche esposte: mea culpa!

Ennio Ludovico Chiggio | Lumen – Quella di Chiggio è una ricerca poliedrica e continua, iniziata negli anni ’60 e proseguita fino al nuovo millennio. Dopo lo scioglimento dello storico Gruppo N di Padova (fondato nel 1959 insieme a Biasi, Costa, Landi e Massironi) l’artista ha spaziato con personalissima luce su temi legati al design, alla grafica, alla poesia visiva, al concretismo fotografico, alla musica elettronica, toccando anche la didattica come “momento di conoscenza collettiva e di consapevolezza sociale.

[…] Dalla fonologia musicale NPS alle Alternanze Bianco Rosso con macchine ottiche ludiche, le sperimentazioni di ricerca di Ennio Ludovico Chiggio continuano in un viaggio che non ha fine, pronto sempre alla trasformazione e a nuovi traguardi.” (dall’interessante testo di Massimiliano Sabbion nel catalogo della mostra in galleria).

Quando: 23 maggio – 15 giugno
Dove: Rossovermiglio Arte, Padova

About noise/Attorno al rumore. Tributo a Luigi Russolo – La città di Portogruaro omaggia il proprio illustre concittadino Luigi Russolo a 70 anni dalla sua scomparsa.
La mostra raccoglie attorno alla figura del Maestro, inventore di macchine “leonardesche” che producevano suoni nuovi, gli sviluppi artistici più recenti di questa sua grande intuizione, descritta anche nell’Arte dei Rumori del 1913 (pubblicato nel 1916 a Milano).
Ecco l’elenco degli artisti dell’epoca: Giacomo Balla, Enzo Benedetto, Tullio Crali, Fortunato Depero, Filippo T. Marinetti, Pippo Oriani, Osvaldo Peruzzi, Enrico Prampolini, Luigi Russolo, Gino Severini.
E degli sviluppi successivi: Anne-James Chaton, Italo Antico, Andrea Rossi Andrea Ground Plane Antenna, Fabrizio Basso/Bartolomeo Migliore, Mary Bauermeister, Luciano Bertoli, Giuseppe Chiari, Henri Chopin, Paul De Vree, Bernard Heidsieek, Ale Guzzetti, Joe Jones, Ugo Nespolo, Simon Ostan Simone, Peter Vogel.
A cura di Boris Brollo

Quando: 22 aprile – 18 giugno
Dove: Galleria Comunale di Arte Contemporanea “Ai Molini”, Portogruaro

Mirko Baricchi – Derive
Sono esposte opere su carta e su tela che raccontano la produzione degli ultimi 10 anni, affiancate dai lavori recenti site specific a dimostrare come sia presente una fonte di derivazione comune a tutti i lavori, influenzata da fattori personali e strettamente connessi alla ricerca, ma anche da fattori ambientali e non sempre prevedibili.
A cura di Daniele Capra

Quando: 18 marzo – 18 giugno
Dove: CAMeC – Centro Arte Moderna e Contemporanea, La Spezia

Paolo Scirpa. La forma della luce, la luce della forma
Questa mostra è una tappa significativa dell’indagine sul panorama artistico siciliano portata avanti da FAM.
Paolo Scirpa, nato a Siracusa nel 1934, conduce una ricerca sorprendente sulla luce e lo spazio fin dal 1972, anno del suo primo Ludoscopio al neon (molto prima di Ivan Navarro!)
In mostra sono presenti molti lavori recenti e anche una vasta rassegna sui progetti ambientali del Maestro, nonché qualche scultura.
A cura di Marco Meneguzzo

Quando: 29 aprile – 25 giugno
Dove: FAM – Fabbriche Chiaramontane, Agrigento

3 mostre da vedere in giugno: arte contemporanea a Milano e Gallarate

Calixto Ramirez – Cuatro pasos | Milano
Si tratta della prima personale a Milano dell’artista (nato a Reynosa, classe 1980).
Il titolo allude alle lunghe passeggiate che l’artista percorre per esplorare le architetture, i suoni, i colori, le atmosfere di una città per poi tradurle nelle sue opere.
Catalogo bilingue con testo critico di Giuseppe Virelli.

Quando: 26 maggio – 21 luglio
Dove: MAAB Gallery, Milano

Marcello Morandini Il bianco il nero
Questo è sicuramente l’anno di Marcello Morandini, artista, designer e architetto di fama internazionale. La mostra è la prima della Fondazione appena nata e vuole presentare la vasta produzione dell’artista attraverso una narrazione lenta delle forme a lui care, che si incontrano, si raccontano e si connettono attraverso il tempo e lo spazio.
A cura di Marco Meneguzzo ed Emma Zanella

Quando: 12 marzo – 16 luglio
Dove
: MA*GA – Museo Arte Gallarate, Gallarate (VA)

La sfinge nera
Un viaggio in Africa attraverso le recenti produzioni artistiche dal Marocco al Madagascar.
Da territori così lontani e diversi da noi, densi di tradizioni, costumi e anche conflitti, arrivano significativi contributi non convenzionali all’arte contemporanea.
Artisti in mostra: Abdoulaye Konaté, Mounir Fatmi, Nidhal Chamekh, Yesmine Ben Khelil, Hassan Musa, Julien Creuzet, Emo de Medeiros, Ouattara Watts, Rowan Smith, Cameron Platter, Vitshois Mwilambwe Bondo, Moffat Takadiwa, Joël Andrianomearisoa

Quando: 18 maggio – 24 luglio
Dove
: Primo Marella Gallery, Milano

Massimo Gasperini – Città Analog(ic)he – “Il lavoro di Massimo Gasperini traccia un percorso verso la ricerca di un nuovo rapporto tra artificio, struttura e natura. Connessioni e concatenazioni architettoniche, forme e geometrie, disegni come prefigurazione di spazio reale, quello che viene prima della materia.
I suoi Quaderni neri, repertori densi di appunti, frasi, pensieri e disegni, narrano di figure reali o artificiali ricercate con ossessione nelle pagine bianche. Un progressivo radicamento dell’esperienza. Sperimentali provocazioni figurative.”
Catalogo con testi critici di Gianni Pettena
Quando: 03 – 25 giugno 2017
Dove
: Galleria La Linea, Montalcino

Aspetto i vostri suggerimenti e le vostre impressioni su queste mostre o su quelle che avete visitato voi!

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *