Arte contemporanea: le mostre da non perdere in Agosto 2017

ARTE CONTEMPORANEA: LE MOSTRE DA NON PERDERE AD AGOSTO 2017

Dopo il post con le mostre da vedere ad agosto in Italia è venuto il momento di scoprire cosa propongono le gallerie italiane per l’ arte contemporanea.
Anche questo mese Alice Traforti ci accompagna attraverso le proposte contemporanee
sparse in giro per l’Italia, per allietare le nostre vacanze anche con un po’ di bellezza!


Ben ritrovati amici del contemporaneo!
Siete pronti per un elenco fatto tutto di musei?
Li ho conservati proprio per questo mese di agosto, quando molte gallerie e realtà private
sono impegnate, dietro le quinte, a progettare le attività della nuova stagione.
Perciò niente inaugurazioni, ma tante belle mostre che proseguono e qualcuna che
chiude.

5 MOSTRE D’ARTE CONTEMPORANEA PER UN AGOSTO AL MARE !

  • Il passo sospeso. Esplorazioni del limite
    Siete in vacanza in Versilia o in altro litorale o borgo toscano?
    Non dimenticate di fare tappa a Lucca per una mostra che oltrepassa le pareti della
    Fondazione, invadendo il centro storico e le mura della città intera!
    Dal comunicato stampa: “Limiti, confini, frontiere, da molto tempo alla ribalta della cronaca mediatica, sono indagati nelle loro declinazioni culturali, geopolitiche e storico-identitarie in una serie di opere di artisti internazionali all’interno della mostra”
    A cura di Alessandro Romanini.Artisti in mostra: Marina Abramović, Gustavo Aceves, Bas Jan Ader, Roberto Barni, Alighiero Boetti, Marcel Broodthaers, Enrico Castellani, Sandro Chia, Michelangelo Consani, Leone Contini, Vittorio Corsini, Gino De Dominicis, Aron Demetz, Giuseppe Donnaloia, Mario Fallini, Roberto Fanari, Davide Ferrario, Lucio Fontana, Luca Gaddini, Peter Greenaway, Emilio Isgrò, William Kentridge, Joseph Kosuth, Markus Lüpertz, Piero Manzoni, Marisa Merz, Igor Mitoraj, Jonathan Monk, Alexey Morosov, Luigi Ontani, ORLAN, Mimmo Paladino, Giulio Paolini, Massimiliano Pelletti, Marc Quinn, Enrique Ramirez, Bernardí Roig, Wael Shawky, Santiago Sierra, Giuseppe Uncini, Sophia Vari, Massimo Vitali, Guido van der Werve, Kan Yasuda

Quando: fino al 9 settembre
Dove: Fondazione Ragghianti e città, Lucca

Veduta sulla piazza San Michele con l’opera “Sadovasomaso” di Roberto
Barni

  • Roberto Cuoghi. perla pollina, 1996-2016
    Dalle spiagge di Napoli potete facilmente raggiungere il museo della città per visitare la personale di Roberto Cuoghi, mostra retrospettiva di metà carriera che presenta 20 anni di ricerche in 70 opere, attraversando le dinamiche inventive e produttive dell’artista.
    Esemplificativo di questi processi creativi è lo stesso titolo della mostra “perla pollina”, che è il risultato curioso di una errata correzione automatica di parole!

Quando: fino al 18 settembre
Dove: Museo Madre, Napoli

Progetto per invito, 2017 – courtesy Roberto Cuoghi – foto © Alessandra Sofia

  • Ponte di Luce: vetri di Oki Izumi
    Se non conoscete le splendide sculture dell'artista giapponese Oki Izumi e necessitate di aria di mare, dal porto di Genova potete andare direttamente al Museo Chiossone e lasciarvi sorprendere dal puntuale rigore della tecnica applicato alla fragilità e trasparenza del vetro, in un’atmosfera magica in bilico tra antichità orientali e Giappone contemporaneo. Il mondo di Oki Izumi vi rapirà il cuore!

Quando: fino al 01 ottobre
Dove: Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone, Genova

Oki Izumi: Passato – Presente – Futuro, 1992 – vetro e marmo, 40x60x30cm

  • Matematica e Bellezza, Fibonacci ed il numero aureo
    Il curatore Antonio Zichichi indaga il legame tra ragione e sentimento creando un dialogo tra opere di artisti contemporanei e riproduzioni di maestri aurei del passato, sulle quali è disegnato il rapporto matematico che sta alla base dell'armonia del quadro.
    Sulle opere attuali, invece, tale rapporto emerge grazie a un approccio ludico interattivo proposto al visitatore.
    Vietato poltrire in riva al mare senza passare da questa mostra!

Quando: fino al 31 ottobre
Dove: Museo Diocesano, Gallipoli

Matematica e Bellezza, Fibonacci ed il numero aureo

  • Intuition
    Le sale di Palazzo Fortuny presentano reperti antichi, opere moderne e contemporanee fino a realizzazioni attuali, tutte centrate sul tema dell'intuizione, per evidenziare le diverse influenze che ha avuto sull'arte.

Quando: fino al 21 novembre
Dove: Palazzo Fortuny, Venezia

ESTATE IN CITTA’: ARTE CONTEMPORANEA A PADOVA E ROMA

  • NATURE FOREVER. Piero Gilardi
    60 opere presentano il percorso, nella vita e nell’opera, tra arte, ecologia, impegno sociale e attivismo politico, dagli anni ’60 a oggi.
    “Ha ricreato porzioni di natura in forma di tappeti, ha riprodotto volti di politici e industriali in maschere satiriche, ha coinvolto i manifestanti di un corteo a spingere tutti insieme un gigantesco masso e ha costruito sassi che battono al ritmo del nostro cuore.
    Crede in un’arte militante, democratica, libera dal mercato, motore positivo di
    trasformazione sociale. È Piero Gilardi”.

Quando: fino al 15 ottobre
Dove: MAXXI, Roma

Piero Gilardi: ANGURIE, 1967 – poliuretano espanso, 200×200 cm – courtesy
Collezione Fondazione Gilardi, credit Piero Gilardi

  • Bruno Munari: aria | terra
    Questo è l’anno di Bruno Munari, perciò tutti tra le mura medievali di Cittadella a godersi il focus aria | terra che affianca i capolavori del Maestro e i processi creativi del fare.
    Il visitatore viene guidato verso una consapevole capacità di reinventare, proprio attraverso la scoperta delle regole tecniche e creative alla base del processo artistico, diminuendo le distanze tra artista e uomo.
    «L’arte, che un tempo era privilegio di pochi uomini sta diventando una espressione possibile a ciascuno di noi? Si sta riducendo positivamente la distanza tra l’artista e l’uomo normale?» (Artista e designer, 1971)

Quando: fino al 5 novembre
Dove: Palazzo Pretorio, Cittadella (PD)

Bruno Munari: Proiezioni dirette, anni ’50 – credit Aldo Ball

  • VISIONI GEOMETRICHE. Opere dalla collezione MACRO #5
    Nelle Sale della Collezione, il quinto appuntamento propone un allestimento di 25 opere all’insegna della geometria e dello schema strutturale per una totale autonomia dell’opera rispetto al reale e alla rappresentazione, attraverso le realizzazioni di grandi Maestri a partire dagli anni ’60.
    Ovviamente, visitate anche le sale delle mostre temporanee e fatemi sapere!

Quando: fino al 23 novembre
Dove: MACRO, Roma

VISIONI GEOMETRICHE. Opere dalla collezione MACRO #5

MOSTRE IN CHIUSURA !

Se non siete già passati, avete ancora un po’ di tempo per vedere 2 delle mostre che vi ho
già segnalato e che chiudono proprio in agosto sul mare!

  • Jack Jano – Law of Superposition
    fino al 11 agosto da One Contemporary Art, Venezia
  • Caterina Arcuri. Transforma
    fino al 30 agosto al Museo MARCA, CatanzaroProseguono anche:
  • The hidden dimension – chapter 2
    fino al 9 settembre da Marignana Arte, Venezia
  • Vincenzo Agnetti. A cent’anni da adesso
    fino al 29 settembre a Palazzo Reale, Milano
  • Lo spettatore in gioco: dall’azione dell’occhio all’interazione robotica
    fino al 29 ottobre al Museo MACA, Acri (CS)Trovate i dettagli nelle mostre di luglio.
    E ora è proprio il caso di dirlo:

buone vacanze a regola d’arte!

Post a cura di: Alice Traforti.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *