Arte contemporanea: le mostre da non perdere a Ottobre 2017

Anche questo mese la selezione di mostre e inaugurazioni redatta da Alice Traforti.


Rieccomi in questo ottobre ricco di esposizioni.
Tra mostre sul territorio ed eventi più o meno vicini, sono costretta a seguirne molti a
distanza, perciò questa selezione è per voi, ma anche per me: per ricordarmi tutto quello
che non vorrei perdermi.

TRE INAUGURAZIONI DI OTTOBRE

  • È solo un inizio. 1968
    Avreste mai pensato a una mostra per il 50° del ’68? La fine e l’inizio di molto, verso una nuova conformazione politica, culturale, artistica.
    A cura di Ester Coen, con un catalogo-giornale ricco degli interventi, oltre che della
    curatrice stessa, di Franco Berardi Bifo, Achille Bonito Oliva, Luciana Castellina, Germano Celant, Goffredo Fofi, Franco Piperno, Rossana Rossanda, Lea Vergine.

Artisti in mostra: Vito Acconci, Carl Andre, Franco Angeli, Giovanni Anselmo, Diane
Arbus, Alighiero Boetti, Pier Paolo Calzolari, Carla Cerati, Merce Cunningham, Gino De Dominicis, Walter De Maria, Valie Export, Luciano Fabro, Rose Finn-Kelcey, Dan Flavin, Hans Haacke, Michael Heizer, Eva Hesse, Nancy Holt, Joan Jonas, Donald Judd, Allan Kaprow, Joseph Kosuth, Jannis Kounellis, Yayoi Kusama, Sol LeWitt, Richard Long,
Toshio Matsumoto, Gordon Matta-Clark, Mario Merz, Marisa Merz, Maurizio Mochetti,
Richard Moore, Bruce Nauman, Luigi Ontani, Giulio Paolini, Michelangelo Pistoletto,
Emilio Prini, Mario Schifano, Carolee Schneemann, Gerry Schum, Robert Smithson,
Bernar Venet, Lawrence Wiener, Gilberto Zorio.

Artisti dalla Collezione: Gianfranco Baruchello, Daniel Buren, Mario Ceroli, Christo, Tano
Festa, Giosetta Fioroni, Eliseo Mattiacci, Pino Pascali, Andy Warhol

Opening: 03 ottobre 2017
Quando: fino al 14 gennaio 2018
Dove: GNAM – Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma

È solo un inizio. 1968 – GNAM – Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma

  • Alberto Garutti “Il mio colore è il vostro…”
    La mostra presenta una selezione di opere dagli anni ’70 ai primi 2000 per mettere in luce il percorso artistico che ha portato Garutti alla creazione dei celebri orizzonti.
    A cura di Massimiliano Sabbion, catalogo in galleria.

Opening: 07 ottobre 2017
Quando: fino al 02 dicembre 2017
Dove: RossovermiglioArte, Padova

Alberto Garutti “Il mio colore è il vostro…” – RossovermiglioArte, Padova

  • Boetti Ontani Salvo
    Un interessante focus sull’equilibrio tra parola e immagine che i tre artisti hanno declinato in maniera molto personale: Boetti con i quadratini, Ontani con i tableaux vivants, Salvo con le lapidi.
    Catalogo in galleria.

Opening: 14 ottobre 2017
Quando: fino al 10 dicembre 2017
Dove: Galleria Conceptual, Bergamo

Boetti Ontani Salvo – Galleria Conceptual, Bergamo

ALTRE MOSTRE DA VEDERE: ARTE CONTEMPORANEA A MILANO; BARI; VENEZIA

  • Walter Leblanc e la Neo-Avanguardia Europea
    La mostra presenta un confronto tra la produzione artistica di Leblanc (Anversa 1932 – Silly 1986) e le ricerche di artisti contemporanei alla sua generazione nell’ambito della Neo-Avanguardia Europea, tra Milano, Roma, Losanna, Berna, Basilea, Düsseldorf, Monaco, Francoforte, Londra, Rotterdam, Amsterdam, Anversa, Copenaghen, Zagabria.
    Denominatore comune sotteso a tutte le poetiche coinvolte, è il perseguimento di un
    azzeramento della soggettività autoriale in favore di un’autonomia dell’opera d’arte.
    A cura di Francesca Pola, in collaborazione con la Fondation Walter & Nicole Leblanc.

Artisti in mostra: Walter Leblanc + Getulio Alviani, Marina Apollonio, Alberto Biasi,
Agostino Bonalumi, Davide Boriani, Alberto Burri, Antonio Calderara, Enrico Castellani,
Gianni Colombo, Dadamaino, Gabriele Devecchi, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Heinz
Mack, François Morellet, Bruno Munari, Henk Peeters, Ivan Picelj, Otto Piene, Antonio
Scaccabarozzi, Günther Uecker, Grazia Varisco, herman de vries

Quando: fino al 21 ottobre 2017
Dove: Cortesi Gallery, Milano

“Walter Leblanc e la Neo-avanguardia Europea” installation view, Cortesi Gallery,
Milano | photo by Bruno Bani, Courtesy Cortesi Gallery London/Milano/Lugano.

  • Lost into a Nurse’s Dream – He Wei
    “ […] la prima grande mostra personale di He Wei, un ardito progetto site-specific di
    indagine delle forme e dei colori, che muove dall’investigazione digitale alla schizofrenia grafica, in cui l’artista ci invita ad abbandonare le certezze accogliendo il dubbio, costringendoci ad andare oltre il dato reale del visibile.”
    Non avrei saputo dirlo meglio!

Quando: fino al 10 novembre
Dove: Primo Marella Gallery, Milano

He Wei, Such certainty is beautiful, but uncertainty is more beautiful still, 2017 –
courtesy Primo Marella Gallery, Milano.

  • Man Ray. L’uomo infinito
    Forse l’avete capito: ho un debole per Man Ray. Purtroppo non riuscirò a vedere questa mostra, perciò chiunque di voi l’abbia vista o la visiterà, mi mandi una cartolina, grazie!
    Più di 100 opere in 5 sale per analizzare la vastità della ricerca tra pittura, fotografia,
    video, scultura, contaminazioni e sperimentazioni, a cura di Vincenzo de Bellis con
    Eugenia Spadaro.

Quando: fino al 19 novembre 2017
Dove: Castello aragonese, Conversano (BA)

Man Ray. L’uomo infinito – Castello aragonese, Conversano (BA).

  • Osvaldo Licini – I segni dell’angelo
    40 opere per omaggiare Osvaldo Licini (1894-1958) in un percorso che attraversa i
    principali cicli produttivi della sua ricerca, dagli “olandesi volanti” alle “amalasunte” e agli “angeli ribelli”, dai quadri astratti degli anni ’30 fino alla produzione ultima.
    A cura di Walter Guadagnini.

Quando: fino al 30 novembre 2017
Dove: Galleria Tega, Milano

Osvaldo Licini: Olandese volante, 1945, olio su carta intelata, 23x29cm – courtesy
Galleria Tega, Milano.

  • The Struggle for Raw. Verónica Vázquez
    A cura di Ilaria Bignotti, la prima personale (in Italia) della scultrice uruguayana si è aperta lo scorso 23 settembre e ci terrà compagnia con una nuova ricerca sui materiali “trovati” e intrecciati per dare piena forma a nuove narrazioni materiche, impresse di memoria gestuale che trasforma la materia pura in materia emozionale.

Quando: fino al 23 dicembre 2017
Dove: Marignana Arte, Venezia

The Struggle for Raw. Verónica Vázquez – Marignana Arte, Venezia

SPECIALE ARTVERONA

ArtVerona quest’anno propone una valorizzazione del panorama italiano con il main theme Viaggio in Italia #backtoitaly, accompagnato da talk e iniziative collaterali dentro e fuori
la fiera, che si connota con forza sempre maggiore tra gli appuntamenti italiani da non
mancare.
Le iniziative proposte sono tante, di diverso tipo e per tutte le tasche, ma il mio focus oggi
è centrato sulle mostre OFF.

  • Il mio corpo nel tempo Opalka, Lüthi, Ontani è la mostra curata da Adriana
    Polveroni a Palazzo della Ragione, che inaugura lo stesso 13 ottobre alle 19.30 e
    prosegue fino al 28 gennaio 2018.
    “Si tratta della messa in scena, e della messa a nudo verrebbe da dire, della
    Aletheia, della verità senza veli, offerta allo sguardo del visitatore come puro
    mostrarsi del tempo e di se stessi.
    Un percorso in tre sale, ciascuna dedicata a un artista, in cui scorrono le loro
    immagini. Dall’inizio fino ad oggi, ciascuno secondo il proprio linguaggio.
    Rigorosamente formale e quasi minimalista, nel caso di Opalka. Libero e con
    accenti ironici, che spazia dalla fotografia all’installazione per Lüthi. Quasi barocco,
    saturo di colori e volutamente citazionista per Ontani.”
  • ICONOCLASH. Il conflitto delle immagini inaugura sabato 14 ottobre alle 19.30
    al Museo di Castelvecchio e prosegue fino al 07 gennaio 2018.
    “Una mostra dedicata all’immagine, al suo uso e alle sue potenzialità, spesso
    negate, attraverso le opere di un gruppo di artisti, tra i quali Paola Angelini, Nazgol
    Ansarinia, Jesse Ash, Luca Bertolo, Francesco Carone, Flavio Favelli, Ryan
    Gander, Elad Lassry, Davide Trabucco, che entreranno in dialogo con le collezioni e
    gli spazi espositivi del Museo di Castelvecchio.”
  • Il Festival Veronetta prevede iniziative fuori dai circuiti canonici dell'arte, sparse per il quartiere Veronetta.
    La seconda notte di quiete: “prevede la costruzione di una “mostra-non mostra”, di
    un sistema espositivo non tradizionale, in cui le installazioni degli artisti vivano e
    crescano all’interno di un ecosistema “precario”, effimero, transitorio, della durata di
    appena tre giorni, sulla base di alcuni criteri-guida, quali il rispetto per l’identità e la
    storia del luogo, l’accoglienza, la collaborazione, le relazioni e l’opera d’arte intesa
    come “stato”.”
    Path Festival: “un fitto programma di live performance, dj set, workshop, talk e
    installazioni dislocati in altrettanti luoghi carichi di significato, a suggerire l’idea di un
    percorso in cui gli echi del contemporaneo entrano in risonanza con la storia e con
    l’identità della città, per la quarta edizione di Path, un festival di musica
    d’avanguardia, organizzato dall’Associazione Morse, che da alcuni anni porta a
    Verona alcune tra le proposte più interessanti dello scenario musicale
    contemporaneo.”

Preview riservata: venerdì 14 ottobre 2017, ore 11.00 | al pubblico dalle ore 14.00
Quando: da venerdì 13 a lunedì 16 ottobre 2017 – venerdì dalle 14.00 alle 19.30 – sabato e domenica dalle 11.00 alle 19.30 – lunedì dalle 10.00 alle 14.00
Dove: Veronafiere | padiglioni 11 e 12 Ingresso: Re Teodorico, Viale dell’Industria – Verona

PROMEMORIA: MOSTRE ANCORA DA VISITARE!

Sono ancora visitabili alcune delle mostre che vi avevo segnalato in precedenza.

  • Arte interattiva. Lo spettatore in gioco: dall’azione dell’occhio all’interazione
    robotica.
    Fino al 29 ottobre al Museo MACA, Acri (CS)
  • Nanni Balestrini. PERISCOPE
    Fino al 03 novembre da MAAB Gallery, Milano

Nella sezione dedicata alle mostre del 2017, trovate in fondo anche la
sezione di arte contemporanea, mese per mese, per recuperare le selezioni dei mesi
scorsi e scoprire quali sono le mostre che proseguono ancora.

E anche questo mese, buona arte a tutti!

Post a cura di: Alice Traforti.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *