La Basilica di San Marco

Basilica di san marco

La Basilica di San Marco

Un viaggio a Venezia, anche della durata di un solo giorno, non può terminare senza aver visto la Basilica di San Marco.
Arrivando anche con un semplice vaporetto si intravede un edificio orientaleggiante, tra il Palazzo Ducale e il Campanile, con le sue cupole e le sue decorazioni d’oro.
La Basilica di San Marco è la principale Chiesa di Venezia e uno dei monumenti simbolo dell’Italia nel mondo.

L’edificio è il frutto di varie edificazioni e costruzioni che si sono succedute nei secoli, perché in questo luogo una Chiesa c’è sempre stata ma quando Venezia è diventata una delle città più potenti al mondo l’edificio è diventato uno scrigno di tesori e meraviglie.

Cavalli San Marco

Originariamente nel luogo in cui ora sorge la Basilica si trovava la cappella personale del Doge, che viveva con la sua famiglia nel vicino Palazzo Ducale, ed era dedicata a San Teodoro. Tuttavia, quando nell’ 820 due mercanti veneziani trafugarono ad Alessandria d’Egitto il corpo di San Marco per portarlo a Venezia, il Doge di allora, Giustiniano Partecipazio, decise di erigere una Chiesa per conservare le reliquie del Santo.
Nasce così il primo nucleo di quella che sarà la Basilica di San Marco.
Nel corso del tempo si susseguono ricostruzioni, incendi e rimaneggiamenti e l’edificio che vediamo oggi risale alla ricostruzione del 1063, che ripropone la pianta e la forma architettonica della Basilica dei Santi Apostoli di Costantinopoli (distrutta poco dopo la conquista ottomana di Costantinopoli nel 1453).

La Basilica di San Marco ha una pianta a croce greca con cinque cupole e con porte d’ingresso che ricordano archi di origine orientale. Tutte le decorazioni, le colonne, i marmi e le sculture ricordano i Palazzi di paesi lontani.
Tutto questo sembra strano ma dobbiamo ricordare che i rapporti tra Venezia e il Medio Oriente erano strettissimi, sia per ragioni economiche che politiche e che gli artisti veneziani conoscevano benissimo le tecniche e gli stili usati in paesi apparentemente lontani, ma che per una potenza navale come Venezia erano come “vicini di casa”.

La facciata risale al Duecento con mosaici, bassorilievi e moltissime decorazioni provenienti dalle conquiste veneziane nel Vicino Oriente e in particolare durante l’epoca delle crociate.
I mosaici, che risplendono e si fanno ammirare da Piazza San Marco, rappresentano le vicende che hanno portato il corpo di San Marco a Venezia, mentre il mosaico centrale rappresenta il Giudizio Universale.
Vi sembrerà strano vedere su una Chiesa quattro cavalli, ma si trovano lì per farvi capire quanto potente sia Venezia.

Questa quadriga (gli originali sono esposti all’interno, nel Museo della Basilica di San Marco) proviene da Costantinopoli e sono una parte del bottino di guerra conquistato da Venezia durante la IV crociata.
Sono stati collocati in modo tale che tutti, cittadini e sovrani di ogni angolo del mondo in visita a Venezia, potessero ammirare l’importanza militare, navale e politica di Venezia.
Sono lì a raccontarci che Venezia è tanto potente da mostrarti la conquista di una città importante come Costantinopoli attraverso uno dei simboli di quella città.

Guardando la facciata, sul lato destro verso il Palazzo Ducale si nota una scultura in profido rosso che rappresenta tre personaggi: i Tretrachi.
Opera del II secolo e proveniente anch’essa dal saccheggio di Costantinopoli della IV crociata, raffigura i due cesari ed i due augusti dell’Impero Romano d’Oriente e d’Occidente.

Abbastanza vicino ai Tetrarchi noterete dei Pilastri che sembrano in una posizione anomala e quasi provvisori, come se debbano essere spostati da un momento all’altro.
Questi sono i Pilastri acritani, trafugati dalla Basilica di San Polieucto (Costantinopoli) e collocati qui sempre con l’intento di dimostrare dove potesse arrivare a Venezia con il suo esercito.
L’intento era dimostrare che si riusciva a saccheggiare e depredare i simboli stessi di un popolo e di una cultura antica, facendoli diventare veneziani a tutti gli effetti.

Se l’esterno della Basilica di San Marco è fatto per sorprendere e intimorire principi, sovrani e ambasciatori che arrivavano a Venezia (ma lascia senza fiato anche noi oggi!), l’interno è spettacolare.
Ma questo ve lo racconto in un altro post 🙂

san marco | basilica Venezia Basilica San Marco | cupole san marco | tetrarchi | Venezia

INFO
Basilica di San Marco

Piazza San Marco, Venezia

LINK
http://www.basilicasanmarco.it/WAI/ita/visite/visite.bsm

 

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *