Boccioni al Mart

Bocconi | Gisella

Umberto Boccioni, Gisella (1907) – Galleria Naz. Cosenza.

BOCCIONI AL MART: GENIO E MEMORIA DAL DIVISIONISMO AL FUTURISMO 

Boccioni al Mart. Il 2016 è l’anno di Umberto Boccioni perché ricorre il centenario della morte dell’artista e perché questo evento è stato celebrato con una serie di iniziative, che hanno avuto inizio con la grande mostra di Milano Umberto Boccioni. Genio e Memoria di cui vi ho raccontato la mia visita.

L’ultima tappa di quest’anno dedicato a Boccioni è Rovereto, che prosegue il racconto iniziato con la mostra I pittori della luce. Dal Divisionismo al Futurismo, che fino al 9 ottobre potete ancora vedere e in questo post vi spiego perché le due mostre sono collegate.

Bocconi | Ritratto di scultore 2

Umberto Boccioni, Ritratto di scultore – Valerio Brocchi (1907) – Patrimonio Unipol Gruppo.

Dopo la mostra di Milano, dal 5 novembre 2016 al 19 febbraio 2017 è il Mart di Rovereto a celebrare Umberto Boccioni.
La mostra non è una copia esatta di quella che si è svolta a Milano, perché al percorso espositivo originario si aggiungono i capolavori presenti nelle collezioni che si trovano proprio al Mart, capace di dialogare con la vicina Casa d’Arte Futurista Depero (museo che ho inserito tra i più importanti da vedere in Trentino) e che prosegue il racconto iniziato con la mostra I pittori della luce. Dal Divisionismo al Futurismo, di cui vi ho descritto il percorso e a cui ho dedicato una mini guida, realizzata in collaborazione con il Mart e Visit Rovereto (scarica e leggi la guida QUI e ricevi anche le prossime mini guide).
Tutte le foto di questo post, tra l’altro, sono state scattate ai dipinti di Boccioni esposti proprio in occasione della mostra “I pittori della luce”.

Boccioni al Mart

Il messaggio più forte che la mostra I pittori della luce. Dal Divisionismo al Futurismo comunica è che non esiste il Futurismo senza il Divisionismo. E’ lo stesso Manifesto tecnico dei pittori Futuristi che proclama che “non può esistere pittura senza divisionismo”.
La maggior parte dei pittori futuristi sono stati all’inizio divisionisti e hanno preso l’essenziale di ciò che era stato fatto fino ad allora per realizzare una rivoluzione: la rivoluzione futurista, di cui ho dato una definizione in un post dedicato proprio al Futurismo.
Essere divisionisti era uno stile di vita e un modo di vedere il mondo, che ha portato questi artisti a scrivere una pagina nuova nella storia dell’arte.

LEGGI ANCHE: come prenotare con Visit Rovereto uno dei Weekend al Mart con “I pittori della luce” e ottenere UNA VISITA GUIDATA GRATUITA alla mostra.

Umberto Boccioni è uno dei protagonisti di questa pagina straordinaria e la presenza dei suoi capolavori e di documenti importanti nelle collezioni del Mart permette non solo di seguire il suo percorso nel passaggio dal Divisionismo al Futurismo, ma di integrare il percorso espositivo di Milano.
Ecco perché la mostra di Boccioni al Mart va vista anche dopo averla visitata a Milano, perché è diversa, perché presenta opere nuove che a Milano non c’erano, perché fa parte di un progetto più ampio che ricolloca Rovereto al centro del dibattito sulla modernità dell’arte in Italia.

Umberto Boccioni | Nudo di spalle | Controluce

Umberto Boccioni, Nudo di spalle (Controluce), 1909 – Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Bocconi | Treno che passa

Umberto Boccioni, Treno che passa (1908) – Collezione città di Lugano.

Bocconi | moglie di Balla con la figlia

Umberto Boccioni, La moglie di Balla con la figlia (1906) – Mart Rovereto.

Bocconi | costruzione spiralica

Umberto Boccioni, costruzione spiralica (1913) – Museo del Novecento, Milano.

Boccioli | ritratto di Sophie Popoff

Umberto Boccioni, Ritratto di Sophie Popoff (1906) – Collezione Laureati Briganti.

INFO
Mart Rovereto
I pittori della luce. Dal Divisionismo al Futurismo
25 Giugno 2016 / 9 Ottobre 2016

Umberto Boccioni (1882-1916). Genio e Memoria
5 Novembre 2016 / 19 Febbraio 2017

LINK
mart.trento.it

 

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *