Una domenica al Museo: Museo Correr di Venezia

Dogi di Venezia | Museo Correr

Una domenica al Museo: Museo Correr di Venezia

Museo Correr Venezia. La mia domenica al museo questo mese è dedicata al Museo Correr, che attraverso la sua ricca collezione è in grado di raccontare la millenaria storia della città di Venezia.

Il museo è nato dalla collezione del nobile veneziano Teodoro Correr, che nel 1830 lascia alla città il suo Palazzo e la sua raccolta d’arte, libri e documenti, il Museo offre diversi percorsi attraverso cui è possibile conoscere Venezia da più punti di vista.
Dalla Reggia neoclassica alle sculture di Canova, dalla Quadreria ai bronzetti riascimentali, dai simboli della potenza navale ed economica della città fino alle opere dei più famosi artisti veneti, qui tutto parla di Venezia.
Dalle grandi finestre, che guardano Piazza San Marco, si ammira il centro di Venezia e il palcoscenico in cui si sono svolte molte delle storie che il museo racconta.

Museo Correr | sala colonne

Con le cronache delle mie domeniche al museo vi ho già raccontato del Castello di Miramare a Trieste, del Museo d’Arte Orientale a Venezia , di Villa Pisani sulla Riviera del Brenta a Strà, della Galleria Doria Pamphilj a Roma e dei Musei Civici agli Eremitani di Padova.
Con questo post vi presento il Museo Correr, a cui sono molto legata, perché nella sua biblioteca ho passato molte giornate, durante gli anni l’Università (questa è una di quelle storie che meritano un post a parte però).

La raccolta che conserva questo museo è strepitosa e per uscire da qui soddisfatti vi consiglio di seguire dei temi.
Il primo percorso da cui vi potete partire è quello Neoclassico, che si snoda lungo l’Ala Napoleonica e che ospita le Sale canoviane, recentemente inaugurate, con le opere di Antonio Canova.
Il secondo percorso è quello del Palazzo Reale, al cui interno si trovano gli appartamenti di Sissi, ovvero le sale adibite a residenza per l’Imperatrice Elisabetta d’Austria.
Il terzo è quello dedicato alla Civiltà Veneziana, dalle istituzioni alle feste cittadine e alle vicende più importanti della Repubblica Serensissima.
Al secondo piano del Museo Correr si trovano, invece, le raccolte d’arte e in cui è possibile ammirare i dipinti più preziosi ed i capolavori dei famosi artisti veneziani. Un viaggio nella storia dell’arte dalle origini al Cinquecento: Vittore Carpaccio, Jacopo Sansovino, Giovanni Bellini, Lorenzo Lotto, Tiziano Vecellio, per citarne alcuni.

Raccontarvi in un solo post tutto ciò che potete ammirare in questo museo è impossibile e chissà che non riesca a organizzare un evento e possa portarvi ad ammirare queste sale.
Tenete d’occhio la sezione degli eventi per restare aggiornati.

Mi soffermo brevemente solo sugli appartamenti di Sissi, che per sette mesi abitò a Venezia (tra l’ottobre del 1861 e il maggio del 1862). Le sue stanze sono state riaperte nel 2012 e conservano l’atmosfera d’un tempo, con i mobili neoclassici e in stile Impero originali.
Si può provare a immaginare come potesse essere la vita di Sissi in queste sale e cosa pensasse guardando Venezia dalle finestre della Sala del Trono oppure dalla Sala delle Udienze, oppure come fosse la sua quotidianità nel boudoir o nella stanza da letto, anche se quello che vediamo esposto non è il letto dell’Imperatrice, ma di Eugenio Beauharnais, figliastro di Napoleone Bonaparte, vicerè d’Italia tra 1806 al 1814.

Ma, come sempre, un museo non conserva solo oggetti, ma soprattutto storie e quella di Napoleone ve la racconto in un altro post 🙂

Museo | Venezia

Musei Piazza san Marco

Correr | Museo civiltà veneziana

Museo Correr | Musei Venezia

Leda | Museo Correr | Venezia

INFO
Museo Correr, Venice
St Mark’s Square

LINK
http://correr.visitmuve.it

 

LEGGI ANCHE: Un percorso in quattro post dedicato al progetto “Sublime Canova”:

– Le sale canoviane del Museo Correr di Venezia

– I disegni di Canova al Museo Correr

– Canova da Venezia a Roma

– Dedalo e Icaro di Antonio Canova

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *