Fornasetti: 100 anni di Follia pratica / 100 Years pratical Madness

Courtesy: P.Poletto
Come promesso ecco le foto della mia visita alla più incredibile mostra del 2013: “100 anni di Follia pratica”. Una mostra dedicata al genio creativo di Fornasetti, che mi ha entusiasmata perché era un personaggio che amava andare controcorrente, rifuggiva definizioni di epoche e stili, si avvicinò all’arte con il disegno, ma dopo soli due anni di frequenza dei corsi all’Accademia di Brera fu espulso per insubordinazione perché, come diceva, “non mi insegnavano quello che volevo imparare”. Mi ha accompagnata una fotografa d’eccezione, Paola Poletto, che ha realizzato degli scatti meravigliosi e che già vi avevo anticipato nel post 100 anni di Follia pratica / 100 Years pratical Madness.

 

As promised here are the pictures of my visit to the most incredible exhibition of 2013, “100 Years of pratical Madness.” An exhibition dedicated to the creative genius of Fornasetti, and I was excited because it was a character who loved to go against, shunneddefinitions of periods and styles, approached art with the design, but after only two years of attending the courses at the Academy Brerawas expelled for insubordination because, as he said, I do not teach what I learn.” I was accompanied by a photograph of exception,Paola Poletto, who created the wonderful shots andI told you that alreadyin the post 100 anni di Follia pratica / 100 Years pratical Madness.

Il 10 novembre Piero Fornasetti avrebbe compiuto 100 anni. Si tratta di uno dei più vulcanici e sorprendenti artisti del XX secolo e la Triennale Design Museum in occasione del centenario dalla nascita gli dedica  la prima grande e inedita mostra, con oltre 1.000 pezzi provenienti in gran parte dallo straordinario Archivio curato dal figlio Barnaba Fornasetti, che prosegue ancora oggi l’attività del padre e curatore dell’esposizione. Il percorso allestito in Triennale è affascinante e attraversa tutta la carriera di quello che è stato, tra gli esponenti storici del design italiano, il più surreale e visionario. Si passa dagli inizi come pittore, alla collaborazione con Giò Ponti, attraversando gli ornamenti e gli oggetti creati negli anni come piatti, paraventi, portaombrelli, tessuti, lampade. Una creatività strabordante, che mi ha immersa in un mondo in cui i riferimenti al Surrealismo, al Rinascimento, all’Arcimboldi si mescolano con una produzione artigianale raffinata. Ho visitato questa mostra avvicinandomi  per la prima volta alle opere di Fornasetti e mi sono resa conto di quanto siano ancora presenti nella nostra vita le sue immagini e le sue creazioni, perché tutt’ora riprodotte e che solo uno spirito libero come Fornasetti poteva ideare.

On November 10, Piero Fornasetti would have turned 100 years old. It is one of the most volcanic and amazing artists of the twentieth century and the Triennale Design Museum on the occasion of the centenary of the birth devotes the first major and unprecedented exhibition, with more than 1,000 pieces coming largely from the extraordinary Archive cared for by his son Barnaba Fornasetti that continues to this day his father’s business and curator of the exhibition . The path set in the Triennale is charming and runs through the career of what has been , among the exponents of Italian design , the most surreal and visionary. From the beginning as a painter, in collaboration with Gio Ponti, and poigli ornaments and objects created over the years as plates , screens, umbrella stands, fabrics, lamps . An overflowing creativity , which I was immersed in a world in which references to Surrealism , to the Renaissance, Arcimboldi blend with a refined craftsmanship . I visited this exhibition approaching for the first time the works of Fornasetti and I realized how much our lives are still present in her images and her creations , because they still reproduced and that only a free spirit like Fornasetti could devise .

 

 

 

 

 

 

 

Courtesy: P.Poletto

 

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *