Helmut Newton fotografo: chi era il cattivo ragazzo della fotografia

Self-Portrait with Wife and Models from the series Big Nudes – Vogue Studio, Paris 1981
© Helmut Newton Estate

HELMUT NEWTON FOTOGRAFO E RIBELLE: CHI ERA IL CATTIVO RAGAZZO DELLA FOTOGRAFIA 

Helmut Newton è stato uno dei protagonisti piu’ discussi della fotografia mondiale.
Intorno alle sue foto e alle sue mostre il dibattito è sempre acceso perché i suoi scatti sono ancora oggi provocatori, nonostante siano passati anni dal loro primo esordio.

Per alcuni è stato un genio che ha trasformato la fotografia di moda rendendola arte, per altri è stato un uomo che odiava le donne e le usava creando immagini inaccettabili.
Lui stesso ha giocato con la sua fama di “bad boy” della fotografia, che il mondo gli ha cucito addosso.

Chi era Helmut Newton?

Saddle I from the series Sleepless Nights – Paris 1976
© Helmut Newton Estate

Helmut Neustätder, in arte Helmut Newton, nasce a Berlino il 31 ottobre del 1920 da una ricca famiglia di origine ebrea. L’ambiente borhese in cui vive gli permette di seguire le proprie passioni e di avvicinarsi al mondo della fotografia,
A soli 12 anni acquista la sua prima macchina fotografica.

La sua famiglia lascia la Germania nel 1938, dopo l’approvazione delle leggi razziali, e dopo qualche anno Helmut Newton si arruola con l’esercito australiano per combattere nella II Guerra Mondiale.
Nel 1946 ottiene la cittadinanza australiana e nel 1948 conosce e sposa l’attrice e fotografa June Brunnell (in arte June Browne o Alice Springs), alla quale resterà legato per oltre 50 anni.

LEGGI ANCHE: Grandi fotografi, Berenice Abbott.

HELMUT NEWTON FOTOGRAFO

Helmut Newton lavora come fotografo freelance a Melbourne, collaborando con diverse riviste tra cui Playboy, ma è dal 1961, quando si trasferisce a Parigi, che inizia il successo.
Le sue foto vengono pubblicate sulle più famose riviste di moda come Vogue, Elle, GQ, Vanity Fair e Marie Claire, ed esposte in tutto il mondo.

Nel 1976 pubblica il suo primo volume di fotografie “White Women”, 84 immagini in cui per la prima volta il nudo e l’erotismo entrano nel mondo della moda.
Si tratta di fotografie innovative e provocanti che rivoluzionano il concetto di foto di moda e testimoniano la trasformazione del ruolo della donna nella società occidentale.
Da questo momento in poi la sua ricerca estetica si accompagna al lavoro con le grandi firme della moda come Chanel, Versace, Blumarine, Yves Saint Laurent, Borbonese e Dolce&Gabbana.

Anche i suoi libri fotografici successivi, “Sleepless Nights” e “Big Nudes” ruotano attorno alle donne e ai loro corpi. Newton trasforma le immagini da foto di moda a ritratti, e da ritratti a scene sensuali e provocanti, suggerendo un uso della fotografia di moda come pretesto per realizzare qualcosa di completamente nuovo e molto personale.

Per saperne di più sui libri storici del fotografo, ti consiglio di leggere il post che avevo scritto in occasione della mostra di Helmut Newton a Venezia.

Tied Up Torso from the series Big Nudes Ramatuelle 1980
© Helmut Newton Estate

Sfidando le convenzioni, le foto di Helmut Newton entrano nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo, diventando uno dei principali fotografi del secondo Novecento.

Muore il 23 giugno del 2004, a 83 anni, in un incidente stradale a bordo della sua Cadillac.
Le sue foto sono ancora considerate provocanti e sensuali, e tu cosa provi guardando questi scatti?

LEGGI ANCHE: Elliott Erwitt, il fotografo della commedia umana.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *