Kenny Random e O-Six: quando la Street Art incontra la moda

Perché un brand dell’occhialeria dovrebbe associare il proprio nome e la sua ultima collezione ad uno street artist e alle sue opere?

La nuova collezione O-Six nasce per cambiare prospettiva e ha parecchie cose in comune con le opere di Kenny Random, considerato il Banksy italiano, ma nelle cui opere più che l’ironia dell’artista britannico si trova il romanticismo e la poesia.
La Street Art di Kenny Random ci ricorda di osservare il mondo in modo diverso, che è necessario guardare oltre i vicoli di pietra e i passi carrai delle nostre città.
E’ per questo che l’AD del marchio O-Six ha scelto proprio i graffiti di Kenny Random per la nuova campagna eyewear, per cambiare prospettiva!

Ho fatto alcune domande a Riccardo Piazza, AD di O-Six per capire perché ha deciso di puntare sulle opere di Kenny Random per la nuova collezione di occhiali.

LEGGI ANCHE: Bansky #WithSyria

Caterina Art post Blog: Come nascono gli occhiali O-SIX Eyewear e qual è il legame con l’arte?

Riccardo Piazza: O-SIX è un brand che parte da molto lontano, la sua storia comincia infatti più di 20 anni fa.
Il brand ha avuto un’evoluzione che l’ha portato ad essere una vera e propria alternativa italiana ai famosi designer francesi dell’occhialeria, che sempre si sono distinti per le particolari scelte di colori e forme.
Nel 2016 Thema Optical ha deciso di investire forte su O-SIX acquisendo il brand e nominando come brand manager il suo CEO storico Massimo Mancini.
Thema e Mancini hanno da subito lavorato per ridare un’identità ben precisa al brand sia in termini di prodotto che di comunicazione.
Fondamentale è stato in tal senso l’aiuto di Andrea Zampol, un ottico, un amico di Thema e grande appassionato e curatore d’arte.
Vista anche la vicinanza con Venezia e la possibilità di una collaborazione forte con GAAF che gestisce Palazzo Mora e altri 3 palazzi che ospitano la Biennale in laguna, la scelta è stata quella di coinvolgere i giovani artisti stimolandoli ed incentivandoli con una sorta di mecenatismo moderno, dando vita al progetto O-SIX for Art.

I risultati sono stati sorprendenti soprattutto per chi, come me, vive di occhiali 24/h.
La cosa più piacevole è stato soprattutto vedere le loro idee libere da qualsiasi pregiudizio tecnico o commerciale prendere forma ed esser prodotte.
Oltre ad O-SIX for Art, Thema ha deciso di incentrare la campagna per la collezione 2017 sulla Street Art, puntando sulle opere del padovano Kenny Random.

LEGGI ANCHE: Biennale Venezia 2017 – 57. Esposizione Internazionale d’Arte.

Caterina ApB: La campagna pubblicitaria 2017 di O-SIX Eyewear è stata realizzata in collaborazione con l’artista e writer italiano Kenny Random.
Perché avete scelto proprio questo artista e dove si trovano le sue opere usate per la campagna pubblicitaria?

R. P.: Dobbiamo ringraziare anzitutto i ragazzi di Larin che ci hanno suggerito questa opzione.
Sono personalmente sempre molto incuriosito dai contrasti e le opere di Kenny Random ne sono piene!
Si trovano in un contesto urbano atipico in quanto Padova non è la tipica città dove ti aspetteresti di incontrare street art di questo genere.

E’ molto affascinante vedere come Kenny Random riesca a inserire i suoi personaggi nella città, un po’ anche nascondendoli e mimetizzandoli in angoli inaspettati per incuriosirti e poi conquistarti con dettagli di colore, un po’ come vuole fare O-SIX con i suoi occhiali. Approfitto anche per ringraziare l’artista per la sua disponibilità.

LEGGI ANCHE: Cosa vedere a Padova senza spendere un centesimo.

Caterina ApB: Durante le giornate di inaugurazione della Biennale di Venezia avete premiato i vincitori di O-Six for Art Award 2017.
Ci racconti un po’ del premio e dei suoi obiettivi.

R. P.: Come anticipato prima, l’obbiettivo era quello di dare una possibilità a questi ragazzi. Secondo noi più che la somma che hanno ricevuto, l’opportunità di essere esibiti per tutta la durata della Biennale d’Arte nello stesso Palazzo che espone Yoko Ono (cito solo la più popolare) credo sia davvero notevole, nonché di essere presenti in esposizione permanente al Museo dell’Occhiale di Pieve di Cadore.
Non solo le opere dei ragazzi premiate ma tutte quelle ricevute, ci hanno aiutato a vedere il mondo dell’occhiale sotto uno sguardo più puro e incontaminato che sicuramente ci servirà per dare alla collezione ancor più personalità.

Inoltre, producendo in edizione limitata i sei modelli, i nostri clienti hanno la possibilità di proporre un prodotto davvero unico che sono sicuro possa dare agli store motivo in più di interesse.
O-SIX sta già lavorando con GAAF per offrire nuove opportunità ai giovani artisti e designer, ne sentirete parlare molto presto!

LEGGI ANCHE: Biennale 2017 biglietti, come visitare la Biennale Arte di Venezia.

LINK
Il sito del marchio O-Six: http://www.o-six.it/index.php

Il sito web ufficiale di Kenny Random: http://www.kennyrandom.com/kennyrandom/Hompage.html

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *