La quotidiana poesia di Chagall

Chagall mostra

 29x18xbandiera 0inglese.jpg.pagespeed.ic.B4zuCIsWey I pittori di domani 

Chagall. Ciao a tutti! Dedico un secondo post alla mostra di Chagall in corso presso il Palazzo Reale di Milano, perché è una mostra che offre una panoramica completa sulla vita e sulle opere di questo artista e perché mi ha colpito in modo particolare il grande amore che lo legava alla prima moglie.
Sono molte le opere più note di Chagall che ritraggono l’amatissima moglie Bella.

LEGGI ANCHE: Chagall. Sogno di una notte d’estate.

Chagall mostra 1

E’ la moglie la donna con i capelli corvini ritratta ne “La passeggiata” (1917-1918) e nell’opera “Compleanno” (1915). Quest’ultimo dipinto in particolare ha una storia, che la stessa Bella raccontò in un suo libro e che spiega l’origine del quadro.
Un giorno, mentre lei decorava la casa con dei fiori per festeggiare il compleanno del marito, lui le chiese di fermarsi, la baciò e disse che voleva ritrarla così, mentre dimostrava il suo amore con quel gesto delicato. Tutto questo accadeva prima della guerra, prima della persecuzione nazista, e Chagall bloccò in uno splendido istante ciò che anni dopo non sarebbe stato mai più.
Senza dubbio è uno spaccato di felicità casalinga e di complicità all’interno di una stanza colorata, dove i due sono sospesi nell’aria, immersi nel loro amore tra oggetti comuni come tessuti, tendine, suppellettili.
Marc e Bella si conobbero a San Pietroburgo, lui aveva ventitré anni ed era un pittore in cerca di fortuna, lei invece aveva solo quindici anni e proveniva da una ricca famiglia di commercianti. Entrambi provenivano da famiglie ebree osservanti ed era forse l’unica cosa che avevano in comune, ma dal primo incontro si amarono alla follia.
Chagall racconterà nella sua autobiografia che Bella aveva la pelle d’avorio e dai grandi occhi neri che lo hanno affascinato da subito. Bella parlerà di un colpo di fulmine per quel ragazzo dai riccioli spettinati e gli occhi azzurri.

Bella sarà il grande amore di Chagall, la sua musa e la prima fonte di ispirazione per le sue tele. Ne “Gli amanti in blu” (1914) Marc e Bella sono viso a viso, immortalati in un attimo tenerissimo e sembrano fondersi uno nell’altra.
Quando questo amore porterà la nascita della loro figlia Ida, anch’essa da quel momento farà parte delle tele di Chagall e osservando le sue opere mi da la sensazione di sbirciare attraverso la serratura della porta di casa di una famiglia che vive nell’intimità delle proprie mura e qui trova la felicità senza desiderare null’altro che se stessa.

Dopo la morte della moglie, Chagall si risposerà ma Bella rimarrà sempre il suo grande amore. Credo capiti raramente, tra gli artisti, di trovare chi come Chagall abbia saputo dimostrare come la fonte della propria arte possa essere un amore sincero, semplice e duraturo. Tutto questo non fa che rendere ancora più poetico il mondo fatto di sogni, favole e fantasie di Marc Chagall.
Voi conoscevate questo aspetto della vita e delle opere di Chagall? Raccontatemi cosa ne pensate nei commenti <3

Chagall mostra 3

INFO
“Marc Chagall. Una retrospettiva 1908-1985″
17 settembre 2014 – 1 febbraio 2015
Palazzo Reale. Piazza Duomo, 12 – Milano

LINK
http://www.mostrachagall.it/

Se hai un minuto per leggere di più ti consiglio..
Marc Chagall a Milano

Marc Chagall 3

 

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *