Marcello De Angelis

Marcello was born in 1977. In 2001 he starts developing his original pictorial technique, which consists of painting by means of a syringe for injections, a technique called “Injection painting”. 

With my art I am trying to harness color in a logical and rational order. The starting point in my art is a drawing, a sketch that is re-elaborated by a graphical modeling computer program. In this way, I create vector grids made up of lines and tangent curves, sort of geometric shapes which are then transferred on to canvas. From this ordered structure, I realize a dense network of aligned colors. The results in a kind of labyrinth created injecting acrylic color on the canvas through an injection syringe needle, a technique called “injection painting”. Using this technique, I outline dynamic surfaces consisting of changing effects that change depending on the light. Marcello De Angelis 

 

Marcello è nato nel 1977. Nel 2001 sviluppa una tecnica pittorica originale, che consiste nel dipingere attraverso iniezioni con una siringa, una tecnica chiamata “Injection painting”. 

La mia ricerca è rivolta al tentativo di imbrigliare la materia pittorica entro un ordine razionale, metafora del flusso mentale e delle logiche del pensiero. Punto di partenza dei miei lavori è un disegno, un bozzetto che viene successivamente rielaborato al computer mediante un programma di modellazione grafica. Nascono così delle griglie vettoriali costituite da linee e curve tangenti, forme geometriche che vengono successivamente trasferite sulla tela. Da questa struttura ordinata creo una fitta trama di tratti di colore allineati. Questa sorta di labirinto è realizzato iniettando il colore acrilico direttamente sulla superficie della tela tramite l’ago di una siringa da iniezione, tecnica ribattezzata “injection painting”. Si delineano così superfici dinamiche costituite da effetti cangianti che mutano al variare della luce. Marcello De Angelis 

Marcello De Angelis 
Website
 
Galleria PoliArt
Website

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *