Mostra di Rodin a Treviso: perchè visitarla

LA MOSTRA DI RODIN A TREVISO: 50 SCULTURE DA NON PERDERE

La mostra di Rodin a Treviso propone 50 sculture25 opere su carta.
Un’occasione unica per esplorare tutte le tappe del percorso artistico dello scultore francese.

Che questa mostra fosse unica lo avevo già scritto nel post Rodin a Treviso: date, orari e biglietti della mostraperché non capita spesso di vedere le opere più famose di questo artista strepitoso tutte insieme.
A meno che non si vada al Musee Rodin di Parigi, ma in questo caso è proprio il prestigioso museo parigino ad aver deciso di portare le opere in Italia per concludere le celebrazioni per i cento anni dalla scomparsa di Rodin.

La mostra di Rodin a Treviso: perché vederla 

Auguste Rodin | Paolo e Francesca

Auguste Rodin, Paolo e Francesca tra le nuvole, 1904-1905.

La mostra di Rodin a Treviso è ricca di capolavori tra cui il “Pensatore” e “il Bacio” ( su questo capolavoro ti consiglio anche di leggere il post di approfondimento Il Bacio di Rodin: cosa rappresenta e dove vederlo), ma è esposta anche una grande e famosa tela di Edvard Munch del 1907, che ritrae la statua del “Pensatore nel giardino del dottor Linde (importante collezionista sia di Rodin che di Munch) a Lubecca” e un suggestivo quadro di Monet, “Reti da pesca a Pourville”, del 1882, presente nella celeberrima mostra Monet/Rodin che si svolse a Parigi nell’estate del 1889 nella galleria di Georges Petit. Esposizione che vide presenti anche tre delle sculture di Rodin comprese nel percorso della mostra di Rodin a Treviso.

La mostra descrive tutte le tappe del percorso artistico di Auguste Rodin, in cui è evidente il suo interesse per Michelangelo e per la scultura rinascimentale italiana, così come la capacità dell’artista di trasformare e rendere sensuale il marmo, il gesso e il bronzo.
Basterebbe già questo come buon motivo per andare a vedere la mostra, ma c’è di più.
E’ un percorso unico per approfondire la conoscenza di un artista che è stato fondamentale per la scultura e che ancora è in grado di influenzare gli artisti contemporanei.
Perché la lezione di Rodin non si è conclusa con la fine della sua vita, ma prosegue e a me le sculture esposte sono sembrate più moderne di molte realizzate oggi, a oltre un secolo di distanza!

Il progetto della mostra di Rodin a Treviso prevede anche un confronto con Arturo Martini, il grande scultore italiano (originario di Treviso).
La mostra è infatti collegata a un grande “Omaggio ad Arturo Martini” che coinvolge il Museo Luigi Bailo.

Rodin | Bacio

LA MOSTRA DI RODIN A TREVISO

RODIN. Un grande scultore al tempo di Monet
24 Febbraio 2018 – 03 Giugno 2018
Treviso, Museo Santa Caterina

LEGGI ANCHE – Treviso, cosa vedere: alla scoperta di Treviso e dintorni

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *