Museo Luigi Bailo

Museo Bailo | Musei Treviso

Partecipare a eventi e inaugurazioni è per me sempre una grande emozione, ma quando si tratta della riapertura di un Museo chiuso da anni mi sento come una bambina che aspetta di scoprire che regalo gli ha portato Babbo Natale 🙂
L’ultima volta che mi sono sentita così elettrizzata è stata per l’inaugurazione del Museo Bailo a Treviso!

Una rinascita dopo quasi 12 anni di chiusura e che ha reso un edificio ormai inagibile in un luogo di grande suggestione.

 

Museo Bailo | Musei Treviso

Storia del Museo Bailo

Il Museo intitolato a Luigi Bailo, docente del Liceo e bibliotecario di Treviso, è la più antica tra le sedi museali civiche.
Le altre sono Casa Robegan / Casa da Noal e il complesso di Santa Caterina.

Il Museo Bailo si colloca lungo la direttrice di un kardo della centuriazione romana ancora evidente nella conformazione della città di Treviso e si trova proprio a ridosso delle mura romaniche.
L’edificio che oggi ospita il museo era già esistente nel 1437 perché ospitava il convento dei Gesuati, a cui subentrarono dal 1668 altri ordini religiosi che dedicarono sempre questi ambienti alle attività di preghiera e di insegnamento.
Nel 1886 inizia la fase pubblica con l’acquisizione dell’intero complesso da parte del Comune di Treviso che decide di destinare l’edificio all’uso scolastico e ospitando prima il Liceo Ginnasio pubblico, poi un convitto studentesco e l’asilo infantile, infine la biblioteca e il Museo civico.

Il Museo nasce nel 1879 per iniziativa di Luigi Bailo e all’inizio occupa alcuni ambienti della biblioteca con un’esposizione di epigrafi antiche.
Successivamente l’aumento delle raccolte, grazie a lasciti, acquisti e recuperi portò all’occupazione degli spazi dell’ex convento e l’apertura al pubblico nel 1888.
Le collezioni civiche testimoniano la vitalità artistica di una Treviso che subisce certamente la grandezza della vicina Venezia, ma che riesce anche ad esprimere artisti di grande livello.
Nei decenni seguenti la collezione crebbe ancora e si dovette pensare ad una revisione dell’architettura e degli allestimenti, in particolare dopo i gravi danni provocati dalla seconda guerra mondiale.

La collezione venne incrementata dalle opere degli artisti trevigiani del Novecento, ma le criticità strutturali erano ancora irrisolte e non consentivano più una fruizione adeguata delle collezioni (basti pensare che non c’era un impianto di riscaldamento e condizionamento!).
Nel 2003 il Museo dovette chiudere perché considerato ormai inagibile, le collezioni vennero ricollocate nel complesso di Santa Caterina e iniziò una lunga fase di restauro.
Alla fine del 2014, con la riapertura del Museo, gli ambienti risultano completamente rinnovati e funzionali, pronti ad affrontare le sfide di uno spazio espositivo che rafforza il suo legame con la città.

Il progetto di restauro che riporta a nuova vita questo il Museo Bailo è moderno e innovativo perché si apre alla città, alternando pareti di vetro che permettono di vedere la città dall’interno e consentono a chiunque di osservare gli ambienti dall’esterno; ridisegna gli spazi valorizzando le strutture antiche; infine introduce nuovi elementi per rendere omaggio alle opere d’arte esposte.
Vi lascio alcune immagini e aspetto di sapere se anche voi come me pensate che la riapertura di un Museo sia una grande occasione per tutti 😉

Museo Bailo | Musei Treviso Museo Bailo | Musei Treviso Museo Bailo | Musei Treviso

Museo Bailo | Musei Treviso

Museo Bailo | Musei Treviso Museo Bailo | Musei Treviso

INFO
Museo Luigi Bailo – musei civici di Treviso
Borgo Cavour, 24 – Treviso

Orari: da martedì a domenica 10.00 – 18.00

LINK
www.museicivicitreviso.it

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *