Palazzo Pitti. Donne protagoniste del 900

Galleria del Costume di Palazzo Pitti

In occasione dei 30 anni della Galleria del Costume di Palazzo Pitti, lo scorso novembre è stato inaugurato il riallestimento del museo dedicato alle “Donne protagoniste nel Novecento”. Si tratta di un percorso favoloso attraverso la moda del XX secolo e presenta abiti e accessori appartenuti a donne che sono state icone del gusto del loro tempo e si sono messe in evidenza nel corso del Novecento e continuano a distinguersi in discipline e campi diversi. E’ stato incredibile vedere le splendide tuniche realizzate da Fortuny appositamente per Eleonora Duse e gli abiti di Maria Cumani, che ispirò il marito Salvatore Quasimodo, e Antonella Cannavò Florio che indossava romantici abiti di Schuberth, il “sarto delle dive”. Incredibile è poi la donazione di alcuni abiti di Patty Pravo indossati durante tre edizioni del Festival di Sanremo (del 1984, del 1987 e del 2002). Ecco alcune foto dell’allestimento, che mi ha incantata.

———————

On the occasion of the 30 years since the founding of the Costume Gallery in the Pitti Palace, last November was opened the redevelopment of the museum dedicated to “Women protagonists in the twentieth century.” A fabulous journey through the fashion of the twentieth century, which features clothes and accessories that belonged to women who are icons of the taste of their time and were highlighted during the twentieth century and continue to distinguish themselves in various fields and disciplines. It ‘was amazing to see the beautiful tunics made by Fortuny specifically for Eleonora Duse and the clothes of Maria Cumani, who inspired her husband Salvatore Quasimodo, and Antonella Reedy Florio who wore romantic dresses Schuberth, the “tailor to the stars.” Incredible is then donating some clothes Patty Pravo worn during three editions of the Sanremo Festival (1984, 1987 and 2002). Here are some photos of the installation, which enchanted me.

English translation powered by Google

 

 

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *