Tibet Pavilion. Venezia Biennale

TIBET PAVILION– by Ruggero Maggi
On 6th July the Tibetan Pavillon partied the birthday of the Dalai Lama, the spiritual guide of tibetan population, 100 people, some of them are artists, critics, historical-art men and intellectuals have realized an artwork all together. They created, with a spectacular performance, Con-ta-ci, a huge salt Mandala (wheel of prays). The drawings for the Mandala beginned in the core and it was lead freely by the participants, expanding in many colours, shapes and paths. The Mandala once completed was destroyed and transformed in a gift donated to the ones who was there. In My opinion it was a memorable experience, that switched a simple contemporary art pavillon in a place find out a National Pavillon and it expressed a part of his mixed culture.  


PADIGLIONE TIBET – ideato e curato da Ruggero Maggi

Il 6 luglio il Padiglione del Tibet ha festeggiato il compleanno del Dalai Lama, guida spirituale del popolo tibetano. 100 persone, tra cui artisti, critici e storici d’arte, intellettuali hanno realizzato un’opera condivisa. Hanno creato, con una perfomance spettacolare, Con-ta-ciovvero un enorme Mandala di sale (ruota della preghiera). Il disegno del Mandala è partito da un centro ed era condotto dai partecipanti liberamente, espandendosi in un trionfo di colori, forme e percorsi. Il Mandala una volta completato è stato distrutto trasformandosi in un dono e regalato ai presenti. Per me è stata un’esperienza toccante e profonda, che ha trasformato un semplice Padiglione di arte contemporanea in un luogo dove il Tibet ha trovato l’ufficialità di un Padiglione Nazionale e ha espresso una parte della sua ricca cultura. 

Tibet Pavilion, for the Venice Biennale, is a great artistic event dedicated to the 100 tibetan martyrs who sacrifice themselves for other’s freedom. It is a unique theme combined with painting, sculpture, performance, video to create a distinct great art event that underlines the deep sense of spirituality of this people and to a major knowledge about this people. Artists support and contribute to built this particular pavilion by the art of Mandala’s composition.

Il Padiglione del Tibet, in occasione della Biennale di Venezia, è un grande evento artistico dedicato ai 100 martiri tibetani, che si sono immolati per la libertà di altri. Un solo tema declinato nei modi della pittura, della scultura, della performance, del video per realizzare un grande evento che sottolinei il profondo senso di spiritualità del mondo tibetano e per indurre una maggiore conoscenza di questo popolo. 

Tibet Pavilion: Mandala (also called wheels of prayer or wheels of law) are Buddhist prayer tools, exlsusive Tibetan, for spiritual growth. They consist of a ceramic cylindrical structure, designed by artists and realized in Albisola’s laboratoires, specific art ceramic place. Tibetans spin the wheel of prayer to invoke a good karma for all the living beings, making this practice more than a simple turning movement. Inside each wheel there is roll up a mantra (a Buddhist pray) written by monks.

Padiglione del Tibet: I Mandala (chiamati anche ruote della preghiera o della legge) sono strumenti dia reghiera buddista, esclusivamente tibetani, per la crescita spirituale. Si tratta di strutture cilindriche progettate dagli artisti partecipanti e realizzate in ceramica nei laboratori di Albisola, luogo di eccellenza della ceramica artistica. I Tibetani fanno girare le ruote della preghiera per invocare un buon karma per tutti gli esseri, rendendo questa pratica più di un semplice movimento circolare. All’interno di ogni ruota realizzata per il Padiglione si trova arrotolato un mantra (preghiera buddista) scritto dai monaci.

 

 

 

 

 
 
 
 

 

All the pictures of the event / Tutte le immagini dell’evento:  http://instagram.com/artpostblog/#

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *