Il Toro della Galleria di Milano

Toro | Galleria Milano

Il Toro della Galleria di Milano. Se vi recate presso la Galleria di Milano troverete sempre qualcuno che osserva il Toro rappresentato sul pavimento.

Il motivo è semplice: è un portafortuna!
In questo post vi spiego perché.

LEGGI ANCHE: Cosa visitare a Milano, i Musei da vedere.

Galleria Milano | pavimento

La Galleria di Milano, intitolata a Vittorio Emanuele II, è uno dei simboli della città fin dalla sua inaugurazione, tanto da essere soprannominata il “salotto di Milano”.

LEGGI ANCHE: Il post che ho scritto su “Rissa in Galleria” di Umberto Boccioni, che rappresenta un tafferuglio all’interno di uno dei monumenti simbolo della Milano moderna dei primi del Novecento: la Galleria di Milano.

Quando fu realizzata, tra il 1865 e il 1877, si decise che la decorazione del pavimento doveva rappresentare il simbolo di Milano e delle più importanti città italiane: la lupa per Roma, il giglio per Firenze, e tutte le altre.
Il simbolo di Torino era il Toro, che fu rappresentato con dei grossi attributi e subito si diffuse la voce che portasse fortuna.
Per gli uomini divenne un’usanza fare alcuni giri con la scarpa ben puntata sugli attributi del Toro della Galleria di Milano, ma anche le donne iniziarono ad accarezzarlo perché si diceva avesse poteri legati alla fertilità.

Il continuo pellegrinaggio di milanesi e turisti in cerca di fortuna ha usurato quella particolare parte del Toro e ora rimane solo un buco, ma non ha perso il suo potere di attrarre curiosi e scaramantici.
Io ci sono stata e tu? 😀

LEGGI ANCHE: Piazza Duomo a Milano, 5 cose da sapere.

Galleria Vittorio Emanuele II | Piazza Duomo | Milano

 

Related Post

Condividi su

2 pensieri su “Il Toro della Galleria di Milano

  1. La versione originale, nasce tra la rivalità delle due città Milano e Torino. I milanesi per fare torto ai torinesi, non hanno trovato di meglio da fare che stargli sulle p… e di chi se non del toro che simboleggia la città? da qui lo sfregamento del tallone sulle parti raffigurate del toro. Lo sfregamento continuo ha provocato un buco vero e proprio. E ancora oggi è usanza farlo, ma dico, se questo si può ancora continuare a sentire….!!!

    • Questa versione non la conoscevo 🙂 Comunque è una vera attrattiva. Quando ho scattato le foro di questo post mi trovavo a Milano per l’inaugurazione della mostra di Boccioni. Era un martedì mattina e c’erano almeno 10 persone che aspettavano di girare il loro tallone su quel buco. L’ho fatto anch’io … non sono scaramantica, ma non si sa mai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *