Tuttomondo: il murales di Keith Haring

Keith Haring | Tuttomondo | Pisa

Image source: All Around Kaarl.com

TUTTOMONDO: IL MURALES DI KEITH HARING

Sulla parete della Chiesa di Sant’Antonio Abate, a Pisa, si trova l’ultima opera pubblica realizzata da Keith Haring.
E’ un grandioso murales che l’artista ha realizzato nel 1989 e intitolato Tuttomondo e l’artista lo ha dedicato alla pace universale.

Già sapete quanto mi piaccia Keith Haring.
Ho visitato la mostra “Keith Haring. About art” con l’entusiasmo di una bambina al parco giochi e l’eccitazione che si prova andando ad un concerto rock.
Perché Keith Haring è l’artista che più di altri interpreta la mia vita ed esprime il mio desiderio di felicità.
In questo post vi descrivo Tuttomondo e spero che tutti andiate a Pisa per ammirarlo.

Keith Haring | Pisa

Keith Haring è per me l’artista della felicità, della gioia di vivere e nel post (e nel video) che ho realizzato con le 5 cose da sapere su Keith Haring vi ho descritto la sua vita, che nel periodo in cui ha realizzato quest’opera non era proprio serena.
Pochi mesi dopo sarebbe morto di Aids.
Eppure questo non gli ha impedito di accettare l’invito a venire in Italia da parte di uno studente pisano a New York.

Keith rimane impressionato dalla vitalità e dai colori di Pisa e decide di realizzare la sua ultima opera pubblica.
Alla realizzazione del murales parteciparono in tanti: studenti, artisti, curiosi, bambini e sacerdoti.
E’ così che da un muro anonimo è nato il mondo, anzi Tuttomondo, di Keith Haring.

Le opere di Haring di solito venivano realizzate in un unico giorno, Tuttomondo prese forma in una settimana e a differenza della maggior parte delle sue opere ha un titolo.
Il messaggio di pace è espresso da tutti i personaggi e in questo breve video vi mostro tutte la parti di cui è composto.

LEGGI ANCHE: Le città più belle del mondo, 5 città di pittori famosi da vedere.

Related Post

Condividi su

4 pensieri su “Tuttomondo: il murales di Keith Haring

  1. Per chi ama Keith Haring consiglio la mostra a Palazzo Reale a Milano, aperta fino al 18 giugno.
    E’ veramente splendida, emozionante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *