Le stanze delle Muse

rancesco Noletti, detto il Maltese (già Francesco Fieravino, detto il Maltese)   (La Valletta? 1611 circa - Roma 1654)  Composizione con tappeto, canditi, cesto di frutta e vaso di fiori  1650 circa

rancesco Noletti, detto il Maltese (già Francesco Fieravino, detto il Maltese). Composizione con tappeto, canditi, cesto di frutta e vaso di fiori. 1650 circa

Sembra essere il periodo delle mostre sui grandi collezionisti! Vi ricordate sicuramente il post sulla mostra dedicata alla collezione di Giuseppe Panza di Biumo. La Galleria degli Uffizi, invece, mette in mostra “Le stanze delle Muse” con cento dipinti della collezione di Francesco Molinari Pradelli, noto direttore d’orchestra e musicista bolognese che ha coltivato, a partire dagli anni Cinquanta, la sua  passione per la pittura collezionando dipinti dell’Ottocento, opere barocche e con un’attenzione particolare per le nature morte. La raccolta di Francesco Molinari Pradelli  ha rivestito le pareti della sua residenza bolognese e della sua villa a Marano di Castenaso, acquistando una notorietà internazionale che confermava il suo intuito di collezionista e di conoscitore della pittura barocca.

———————

It seems to be the period of the exhibition on the great collectors! Certainly remember the post about the exhibition dedicated to the collection of Giuseppe Panza di Biumo. The Uffizi Gallery, instead, shows “The rooms of the Muses” with one hundred paintings from the collection of Francesco Molinari Pradelli, known conductor and musician from Bologna who has cultivated, since the fifties, his passion for painting collecting paintings of the nineteenth century, baroque works, and with particular emphasis on still lifes. The collection of Pradelli Francesco Molinari has covered the walls of his residence in Bologna and his villa in Marano di Castenaso, gaining an international reputation which confirmed his intuition as a collector and connoisseur of Baroque painting. – (English translation powered by Google).

Sebastiano Ricci  (Belluno 1659 - Venezia 1734)  Apoteosi di un santo (Vittore?)   1695 circa  Francesco Molinari Pradelli al pianoforte, 1932

Sebastiano Ricci – (Belluno 1659 – Venezia 1734). Apoteosi di un santo (Vittore?) 1695 circa. Francesco Molinari Pradelli al pianoforte, 1932

Alessandro Turchi, detto l'Orbetto Ratto d'Europa  1625-1630

Alessandro Turchi, detto l’Orbetto – Ratto d’Europa. 1625-1630

Carlo Magini  (Fano 1720-1806)  Natura morta con verdura, pane, testa di vitello e oggetti da cucina  1760-1800 circa

Carlo Magini (Fano 1720-1806) – Natura morta con verdura, pane, testa di vitello e oggetti da cucina. 1760-1800 circa

Luca Forte  (Napoli 1605 circa - 1660 circa) Natura morta di frutta e fiori  1640-1650 circa

Luca Forte – (Napoli 1605 circa – 1660 circa) Natura morta di frutta e fiori. 1640-1650 circa

Jacopo Chimenti, detto l'Empoli  (Firenze 1551-1640)  Dispensa con pesce, carne, uova sode e fiasca di vino  1625 circa

Jacopo Chimenti, detto l’Empoli – (Firenze 1551-1640). Dispensa con pesce, carne, uova sode e fiasca di vino. 1625 circa

 

Le stanze delle Muse. Dipinti barocchi dalla collezione di Francesco Molinari Pradelli

Galleria degli Uffizi. 11 febbraio – 11 maggio

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *