Cosa vedere a Villach: il centro storico, musei e dintorni

Villach

COSA VEDERE A VILLACH: IL CENTRO STORICO E I SUOI MUSEI

In questo post ti racconto cosa a vedere a Villach, città che ho visitato durante il periodo dei mercatini di Natale e che offre parecchie cose interessanti da fare se sei un amante della montagna, un appassionato delle vacanze al lago, ma soprattutto che coinvolge noi, appassionati di storia e arte.

Ecco cosa fare a Villach e dintorni, passeggiando per il centro storico e dintorni.

Villach

Villach si trova a pochi chilometri dal confine italiano, a Nord-Est, e può essere raggiunta facilmente in auto, bus o treno.
In fondo al post trovi le informazioni su strade, autostrade e orari dei mezzi per raggiungere Villach.
Io l’ho raggiunta in treno usando il nuovo treno veloce delle ferrovie austriache e ti ho raccontato la mia esperienza nel post dedicato ai treni che collegano Venezia a Vienna ogni giorno .

Tra la primavera e l’autunno le montagne e i laghi offrono ampia scelta su cosa fare a Villach, mentre il periodo invernale regala alla città un’atmosfera unica, soprattutto quando le vie e le piazze sono illuminate dalle luci dei mercatini di Natale.

COSA FARE A VILLACH: IL CENTRO STORICO

Il centro storico di Villach è il cuore della città.
La piazza principale e le viuzze laterali sono i luoghi da dove partire per scoprire la città e ti accorgerai subito che di edifici storici ce ne sono pochi.

Durante la Seconda Guerra Mondiale Villach fu quasi rasa al suolo, poiché la sua ferrovia era un punto strategico importante.
Fu così che, oltre alla stazione del treno e ai binari, venne colpito anche il centro storico provocando la distruzione di oltre 1.300 edifici e cancellando le testimonianze del suo lungo passato.

Le origini di Villach risalgono infatti all’epoca romana e il momento di maggior splendore fu durante il XV e il XVI secolo.
Nella piazza centrale trovi uno dei pochi esempi rimasti di edificio rinascimentale.
Si tratta dell’Hotel Post, sede dell’ufficio postale in epoca asburgica, che presenta una facciata rinascimentale bianca e logge in pietra scolpita.
Poco più in là però c’è anche la Paracelsushouse, una casa del ‘400 in cui abitò lo scienziato Paracelso che visse a Villach per alcuni anni.
Guardano verso l’altro non potrai non notare anche il campanile della chiesa di St. Jakob, uno dei monumenti religiosi più belli della città, che conserva alcuni elementi dello stile gotico.

Per ammirare Villach dall’alto devi assolutamente salire i 240 scalini del campanile di St. Jakob!

A pochi passi dalla chiesa potrai ammirare anche l’unico pezzo rimasto delle antiche mura della città e che era parte dell’antico anello di mura che circondava e proteggeva la città.
La distruzione delle mura però non ha a che fare con le vicende della Seconda Guerra Mondiale ma è stata provocata da un violento terremoto nel 1348.

COSA FARE A VILLACH: I MUSEI

Tra i musei di Villach non perderti il Museo Civico, che attraverso le sue collezioni racconta la storia, l’arte e la cultura nell’area di Villach, compresi documenti e cimeli del famoso medico, filosofo e scienziato Paracelso, oltre a una farmacia antica e oggetti d’arte del XV secolo.

Un museo interessante è anche il Fahrzeugmuseum, che ospita una collezione di veicoli d’epoca del Novecento (dal 1927 al 1977).
Mentre ti stupirà visitare nel parco Schillerpark, il plastico geografico più grande d’Europa che riproduce fedelmente il paesaggio della Carinzia.

LEGGI ANCHE: Europa da vistare, 5 musei nei paesi più piccoli d’Europa.

COSA FARE A VILLACH E DINTORNI

Una meta imperdibile è il museo del “Nötscher Kreis”, nel centro di Nötsch, dove si trova il museo  dedicato alla vita e alle opere dei pittori del Circolo di Nötsch, fondato da Franz Wiegele con altri artisti.

Se sei a Villach con i bambini vista il museo delle bambole “Elli Riehls Puppenwelt” a Treffen, presso il lago di Ossiach.
Troverai 700 bambole fatte a mano con ritagli di stoffa!

Altra tappa importante è il parco minerario “Terra Mystica”, a Bad Bleiberg, per visitare  due miniere, che costituivano la principale fonte di ricchezza per la zona di Villach in passato.

Ultima tappa, in direzione del lago Ossiach, è un colle panoramico che domina la città e dove si trova il’imponente Castello di Landskron.
Costruito nel 1351 e circondato da mura con torri di guarda e un bastione, la principale attrazione del castello di Landskron è l’Adler Arena, uno spazio esterno dove si svolgono spettacoli con diverse specie di uccelli rapaci: grifoni, falchi pellegrini, gufi e aquile.
Alle pendici del castello si trova il Monkey Mountain, lo zoo  più grande dell’Austria!

LEGGI ANCHE: Le città europee da visitare per vedere la street art.

Villach Natale

COME ARRIVARE A VILLACH

IN AUTO: dall’Italia prendi l’autostrada A23 per Udine e il valico di Tarvisio, quindi prendi l’autostrada A2 fino a Villach.
Da Nord prendi l’autostrada A10 Tauernautobahn via Monaco e Salisburgo.
Da Est per Vienna e Graz con l’autostrada A2 Südautobahn.
Da Sud per Lubiana e l’autostrada A11 Karawankenautobahn oppure il passo Wurzenpass.

IN TENO: dall’Italia con ÖBB Railjet che parte da Venezia ogni giorno alle ore 9.55 (arrivo a Villach alle ore 13.11) e alle ore 15.55 (arrivo a Villach alle ore 19.11).

Da Vienna con ÖBB Railjet che parte parte da Vienna ogni giorno alle ore 6.25 (arrivo a Villach alle ore 10.50) e alle ore 12.25 (arrivo a Villach alle ore 16.49).

LEGGI ANCHE: Cortina, cosa vedere, 5 cose su Cortina d’Ampezzo.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *