Zurigo capitale dell’arte nel 2016

Zurigo | Dada

Cosa vi viene in mente se pensate a Zurigo?
Cioccolato, latte, mucche e orologi a cucù … ma a me viene anche in mente Arte.

Sì, perché Zurigo è la città in cui si svolge l’edizione n. 11 di “Manifesta”, una delle Biennali d’arte contemporanea più importanti del mondo, ma è anche una città con una grande vocazione per il commercio di opere d’arte grazie anche alle numerose gallerie ed è il luogo in cui è nato il movimento DADA.

Nel 2016 Zurigo sarà la capitale dell’arte e tutto il mondo si concentrerà in questo piccolo angolo d’Europa.

 

Zurigo capitale dell’arte nel 2016

Se non ci siete ancora andati allora vale la pena di programmare una gita a Zurigo nel 2016, perché sarà l’anno di “Manifesta” e perché si celebra il centenario DADA.

Zurigo è forse una di quelle città in cui non si pensa mai di andare a visitare per una vacanza, eppure si trova al centro dell’Europa ed a sole 4 ore di treno da Milano.
La sua offerta culturale è elevatissima con più di 50 musei e oltre un centinaio di gallerie d’arte, che si inseriscono perfettamente in un ambiente con tante proposte interessanti sia per i grandi che per i più piccoli.
Nasce qui il movimento DADA nel 1916, che rifiutava le convenzioni artistiche del primo Novecento e si esprimeva con l’umorismo e con espressioni volutamente stravaganti.

Il dadaismo è stato concepito da un gruppo di artisti presso il locale Cabaret Voltaire, che ancora oggi esiste e dove risuonano ancora gli echi di quel 14 luglio 1916 in cui venne declamato il  primo manifesto Dada.
Nasce, quindi, nel centro d’Europa e durante la Prima Guerra Mondiale un movimento artistico che negava la tradizione, rifiutava il concetto di bellezza e la corsa al progresso per manifestare la propria disapprovazione con l’irrazionalità e l’anarchia creativa.

Zurigo | Cabaret Voltaire | Dada

Il Cabaret Voltaire oggi

Diventa quasi d’obbligo pensare a Zurigo come una delle prossime città da visitare 🙂

LINK

http://manifesta.org

 

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *