L’Annunciazione di Beato Angelico: un capolavoro d’arte e devozione

Beato Angelico | Annunciazione | Museo del Prado

Ti sei mai soffermato davanti all’Annunciazione di Beato Angelico e ti sei chiesto quale fosse il significato profondo di questa opera d’arte sacra?
Quando ci imbattiamo nel tema dell’Annunciazione, la nostra mente spesso associa questa narrazione biblica all’iconica opera del Beato Angelico. Questo capolavoro non è solo un capolavoro ma è anche un simbolo della devozione cristiana. In questo post scopriamo i dettagli che la rendono un’opera senza tempo.

L’Annunciazione di Beato Angelico: un capolavoro d’arte e devozione

Beato Angelico | Annunciazione

Le tre Annunciazioni di Beato Angelico

L’artefice di questo capolavoro è Fra’ Giovanni da Fiesole, meglio conosciuto come Beato Angelico. Nato a Firenze nel 1395 circa, il Beato Angelico è stato beatificato nel 1982 da Papa Giovanni Paolo II.
La sua opera più famosa è indubbiamente l’Annunciazione, realizzata per il convento di San Domenico.

A differenza di altri artisti monastici, come Filippo Lippi, Angelico era un frate con una vera e propria vocazione religiosa, e vedeva la pittura come un’estensione della sua fede.
Formatosi nell’ambiente fiorentino tardogotico, Beato Angelico iniziò la sua carriera artistica come miniatore. Questa formazione è evidente nel suo stile, che spazia dal meticoloso dettaglio alle tonalità brillanti, fino all’uso della luce che quasi elimina completamente le ombre.

TUTTE LE VERSIONI DELL’ANNUNCIAZIONE DI BEATO ANGELICO

L’Annunciazione di Beato Angelico non è un unico capolavoro, ma una serie composta da tre diverse opere. La versione più famosa, conosciuta come l’Annunciazione del Prado, è conservata al Museo del Prado di Madrid. Altre due versioni importanti sono l’Annunciazione di Cortona e l’Annunciazione del convento di San Marco, a Firenze.

Tutte e tre le opere descrivono il momento in cui l’arcangelo Gabriele rivela a Maria che darà alla luce il figlio di Dio.

L’ANNUNCIAZIONE DI BEATO ANGELICO DEL PRADO

L’Annunciazione di Beato Angelico è sicuramente la più celebre delle tre versioni conosciute dell’artista.
L’opera è stata eseguita con tempera su tavola e mostra una commistione di elementi tipici dell’arte del Rinascimento e dello stile gotico. Ad esempio, il dipinto presenta dettagli architettonici classici, ma fa anche uso abbondante di oro e aureole dorate.
Sullo sfondo la scena di Adamo ed Eva, espulsi dal Paradiso, suggerisce la redenzione attraverso la nascita di Cristo.

Il giardino in cui la scena si svolge è un richiamo al tipico “hortus conclusus” biblico e si rivela ricco di simbolismi. Da rose bianche e rosse che simboleggiano rispettivamente la purezza e il sacrificio, a quadrifogli che rimandano alla croce, ogni elemento ha un significato preciso.

Maria è seduta con le mani sul grembo, mentre l’Arcangelo Gabriele è inginocchiato e rivolto verso di lei. Entrambi sono sotto un loggiato ornato da colonne corinzie e archi a tutto sesto. Da notare la rondine che appare sulla sbarra di ferro del portico, che è un riferimento temporale all’Annunciazione.
Un raggio di luce divina scende dall’alto, passando attraverso una colomba, simbolo dello Spirito Santo, che illumina Maria che accetta umilmente il suo destino.

Beato Angelico | Annunciazione

Beato Angelico, Annunciazione (dettaglio)

L’Annunciazione di Beato Angelico non è solo un capolavoro dell’arte cristiana, ma è anche un’opera che amalgama tecnica artistica e simbolismo profondo. Si tratta di un vero testamento della fede e della devozione, non solo dell’artista, ma anche della tradizione culturale e religiosa che rappresenta.

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *