Natura morta, Caravaggio e la Canestra di Frutta

Caravaggio | Canestra di Frutta

Image source: ArteWorld.it

NATURA MORTA, CARAVAGGIO E LA CANESTRA DI FRUTTA

Natura morta Caravaggio. La Canestra di Frutta di Caravaggio è considerata la prima natura morta italiana, un genere pittorico che esisteva già ed aveva una lunga tradizione alle spalle, di cui i maestri indiscussi erano stati i fiamminghi.

In Italia l’uso della natura morta era limitato a ornare e decorare, ma con Caravaggio diventa finalmente un soggetto completamente nuovo e rinnovato, cosa a cui l’artista non era nuovo dato che per tutta la vita non fece altro che realizzare capolavori che rinnovavano l’arte.

In questo post vi spiego perché.

Se ami Caravaggio non puoi perdere la mostra “Dentro Caravaggio” a Milano fino al 28 Febbraio 2018 e “L’eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio” dal 10 febbraio al 17 giugno 2018 a Forlì.

Continua a leggere

Il Vedutismo

Canaletto | Venezia

Il Campo di Rialto, Canaletto. Image source: Wikipedia.it

VEDUTISMO: COS’E’ E CHI E’ L’ARTISTA PIU’ IMPORTANTE

Uno dei più affascinanti momenti della pittura europea è la nascita e lo sviluppo del vedutismo nel Settecento, di cui il principale rappresentante è il veneziano Giovanni Antonio Canal, detto Canaletto.
Si tratta di una fase che corrisponde all’invenzione della camera ottica che come in tutti i momenti simili, in cui il progresso tecnologico interessa l’arte (un altro momento importante coincide con l’invenzione dei colori acrilici), si assiste alla nascita di nuovi generi e questo è il caso della corrente del Vedutismo.

Le vedute di Canaletto della città di Venezia, ma anche di Londra, erano richieste soprattutto dai collezionisti anglosassoni, che amavano i paesaggi urbani, ma trovavano nelle opere di Canaletto delle immagini dettagliate e realistiche di quello che si vedeva e si viveva nelle città settecentesche, che ne hanno fatto il principale artista del Vedutismo.

Continua a leggere

Artisti del Rinascimento: la bottega di un artista

Image source: http://sagitta55.blogspot.it

ARTISTI DEL RINASCIMENTO: COME FUNZIONAVA LA BOTTEGA DI UN ARTISTA

Guardando un capolavoro si ammira l’opera di una grande artista, ma anche gli insegnamenti che ha ricevuto da chi lo ha preceduto.
Questo accade se si osserva il Cenacolo di Leonardo, ma anche una delle tante opere di Tiziano, tutti artisti che fin da quando erano bambini hanno frequentato le botteghe degli artisti e imparato i segreti del mestiere.

Come avveniva questo passaggio di conoscenze e tecniche tra gli artisti del Rinascimento?
Ve lo spiego in questo post 🙂

Continua a leggere

Art Déco: uno stile di vita chiamato Déco

Vaso Gio Ponti | Art Deco

Gio Ponti: La casa degli Efebi, 1924-1925, Richard-Ginori, otre in maiolica dipinta a mano in marrone, ocra, nero e blu. Sesto Fiorentino, Museo Richard-Ginori della Manifattura di Doccia

ART DÉCO: UNO STILE DI VITA 

L’ Art Déco è uno stile che caratterizza un periodo ben preciso: gli anni Venti del ‘900.
Non si tratta di un movimento artistico, ma di uno stile di vita, che investe tutte le dimensioni dell’esistenza, dagli abiti agli accessori per la casa, dai piatti di ceramica alla forma delle automobili, dall’arredamento d’interni ai gioielli.

L’ Art Déco è frivola, leggera, inconsapevole di ciò che stava accadendo al mondo, la borghesia del tempo non si voleva rendere conto che stavano arrivando i totalitarismi e che si trovava in un periodo di passaggio della storia, stretto tra le due grandi Guerre Mondiali.
Nonostante la sua apparente superficialità il periodo Déco è stato il momento in cui è nato quello sarà definito decenni dopo come il Made in Italy.

Con l’Art Déco nasce il gusto italiano.

LEGGI ANCHE: Visita al Vittoriale degli Italiani: una giornata nella casa di D’Annunzio

Continua a leggere

Colori acrilici: cosa sono e chi li usa

COLORI ACRILICI: COSA SONO E CHI LI USA

Il progresso tecnologico della produzione dei colori ha permesso lo sviluppo di nuovi materiali e di conseguenza di nuovi movimenti artistici, che hanno potuto inventare nuove tecniche e nuovi modi di esprimersi.
Se per i pittori impressionisti fu fondamentale l’invenzione dei tubetti di colore, che potevano essere trasportati facilmente, con l’invenzione dei colori acrilici si sono sviluppate la Pop Art e l’espressionismo astratto che hanno permesso la creazione di nuove immagini.

Continua a leggere