Le opere del Guggenheim Museum di New York da vedere assolutamente

Guggenheim New York

LE OPERE DEL GUGGENHEIM MUSEUM DI NEW YORK DA VEDERE ASSOLUTAMENTE VEDERE

Cosa vedere e quali opere del Guggenheim Museum di New York bisogna assolutamente conoscere?
Ecco la lista dei capolavori da non perdere se visiti quello che, quando fu inaugurato, fu il museo che cambiò per sempre il mondo dell’arte moderna e ora è un punto di riferimento per chi ama l’arte del XX secolo e le nuove tendenze contemporanee.

Opere del Guggenheim Museum di New York

Guggenheim | Musei New York

OPERE DEL GUGGENHEIM MUSEUM

Il Guggenheim Museum di New York fu inaugurato nel 1959 ma in realtà i musei Guggenheim nel mondo sono più d’uno e sono tutti collegati alla stessa fondazione.
A Venezia c’è la Collezione Peggy Guggenheim, c’è il Guggenheim di Bilbao, di Berlino e di Abu Dhabi. Tuttavia, solo in quello di New York si percepisce tutta la storia di questo speciale gruppo di musei.

L’edificio del Guggenheim Museum è già di per sé un capolavoro.
Ideato nel 1943 dall’architetto Frank Lloyd Wright, ha un design modernissimo ancora oggi. Il museo espone una delle più importanti collezioni d’arte del XX secolo e mostra le tendenza dell’arte contemporanea del XXI secolo.

Ecco allora quali opere del Guggenheim Museum di New York devi conoscere e vedere, appena puoi.

MOULIN DE LA GALETTE DI PICASSO

Quando Picasso realizza questo dipinto aveva solo diciotto anni, era appena arrivato a Parigi e dipinge ispirandosi allo stile dei pittori Impressionisti e del post-impressionismo.

La scena dell’opera è ambientata nel famoso locale parigino Moulin de la Galette, pieno di gente che balla o che è seduto ai tavoli. Picasso dipinge le persone con grandi macchie di colore e tutt’intorno le luci artificiali sembrano fluttuare nell’aria.
Le due donne che si baciano sembrano uscite da una qualsiasi delle opere di Toulouse-Lautrec.

Picasso | Moulin de la Galette

Moulin de la Galette di Picasso

NUDO DI MODIGLIANI

Tra le opere del Guggenheim Museum di New York si può ammirare uno dei 26 nudi di Amedeo Modigliani.
L’opera, dipinta nel 1917, è molto sensuale. La donna è sdraiata sul cuscino, con le braccia piegate dietro la testa e sembra ispirarsi ai nudi come la Venere di Urbino di Tiziano e la Maja desunta di Goya.

I nudi di Modigliani sono stati speso considerati pornografici perché descrivono chiaramente i peli del corpo, ma anche perchè l’artista era considerato un depravato a causa delle sue frequentazioni e della sua abitudine a ubriacarsi. Il suo soprannome, Modi, riprende infatti la parola francese maudit (maledetto), un nome che molto probabilmente ha acquisito a causa del suo stile di vita.

Modigliani | Nudo

Nudo di Modigliani

COMPOSIZIONE VIII DI KANDINSKY

Questo dipinto olio su tela, realizzato nel 1923 da Kandinsky, è una rappresentazione delle forme geometriche elementari che si intrecciano in maniera apparentemente casuale.
Si riconoscono dei cerchi e delle linee rette ma anche trapezi, cunei e linee curve.

Kandinsky attribuisce un significato preciso a forme e colori, definita nel suo libro più famoso, Lo Spirituale nell’Arte.
In questo dipinto ogni linea ha un significato psicologico: le linee triangolari rappresentano tensione, quelle orizzontali un sentimento di calma, quelle circolari movimento. Per Kandinsky ciascuna forma e ciascun colore avevano un legame con la musica e quindi è possibile osservare e ascoltare l’armonia che creano le forme, i colori e i suoni.

Kandinsky | Composizione VIII

Composizione VIII di Kandinsky

IL VIOLINISTA VERDE DI CHAGALL

Realizzata nel 1924 realizzata da Marc Chagall, l’opera raffigura un violinista che sembra danzare sopra ai tetti.
Le dimensioni del violinista sono enormi rispetto a tutto il resto e con questo dipinto Chagall volle rappresentare la condizione degli Ebrei nel mondo: una vita instabile come quella del musicista che deve suonare stando in equilibrio su un tetto.

Le case che si vedono sono quelle di Vitebsk, il paese di origine dell’artista, e sono il simbolo del suo attaccamento alle tradizioni. Nel quadro troviamo anche delle figure umane, in particolare un uomo che vola.
Il dipinto è considerato l’ispirazione per il musical russo Il musicista sul tetto (Fiddler on the Roof).

violinista verde | Chagall

Il violinista verde di Chagall

 

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *