Palermo e dintorni: i 13 borghi più belli da visitare tra arte e storia

PALERMO E DINTORNI: I 13 BORGHI PIU’ BELLI DA VISITARE

Cosa vedere a Palermo e dintorni e quale percorso seguire per immergersi nei borghi siciliani.
Ecco un itinerario per scoprire i 13 borghi più belli del palermitano.

Palermo e dintorni: i 13 borghi più belli da visitare 

Gangi
Per un viaggio alla scoperta dei borghi più belli nei dintorni di Palermo si parte da Gangi, luogo magico dove si scoprono le mummie della “Fossa di parrini”, il carcere borbonico e i palazzi nobiliari oggi museo, i racconti delle confraternite, ma soprattutto un borgo con una vocazione per il turismo.

Castelbuono
La vocazione turistica non manca neppure a Castelbuono, da sempre borgo letterario e intellettuale che ha aperto il Castello dei Ventimiglia all’arte contemporanea, ha restaurato chiese e palazzi, si inchina alla straordinaria cappella serpottiana di Sant’Anna ma conduce anche per sentieri e foreste alla ricerca di funghi.

Polizzi Generosa
L’alta moda è il simbolo di Polizzi Generosa, forte è infatti il legame con Domenico di Dolce & Gabbana. Tuttavia è l’arte a sorprendere in questo borgo e sono tantissime le chiese colme di opere d’arte. Senza dimenticare il museo dedicato all’Abies Nebrodensis, una delle piante più rare al mondo che cresce, con pochi esemplari, solo in Sicilia, tra i monti delle Madonie.

Vicari
Il viaggio alla scoperta di Palermo e dintorni e dei borghi di questo territorio non può dirsi completo se non si visita il borgo di origine araba di Vicari, arroccata sotto i resti del maniero fortificato dei Chiaramonte, dove ci sono ancora i laboratori golosi del dolci di mandorla, ma si può visitare la Cuba araba, una struttura architettonica che testimonia l’insediamento delle popolazioni arabe in questo territorio.

Geraci Siculo
Il Castello dei Ventimiglia e la Cappella Palatina, i conventi  e i chiostri sono il vero tesoro di Geraci Siculo. Qui il tempo sembra essersi fermato ed è possibile incontrare i pastori che partecipano alla Carvaccata di Vistiamara, a luglio: l’antica festa del ringraziamento dei pastori di Geraci Siculo.

San Mauro Castelverde
L’unico borgo con tre chiese monumentali è quello di San Mauro Castelverde.
Una particolarità di questo borgo sono gli Orologi solari. Sono circa una decina, tutti di tipo verticale, impropriamente chiamati meridiane, e si trovano posizionati a parete,  o per meglio dire sull’ intonaco di pareti di chiese e di edifici privati

Petralia Soprana
Si tratta del comune più alto della provincia di Palermo, con chiese piene di opere d’arte, gli artigiani che ancora oggi sbozzano sculture a soggetto sacro, i palazzi nobiliari dei Pottino, la cerimonia tradizionale del “matrimonio baronale”; e l’affascinante miniera di salgemma con il suo museo, che da sola vale il viaggio.

Petralia Sottana
Cappelle antiche, santuari e il sentiero degli agrifogli giganti. Questo è il borgo dove si possono incontrare gli ultimi scalpellini e liutai.

Caccamo
Il castello, il vicino lago Rosamarina e la salsiccia Pasqualora, questo è un borgo bellissimo da visitare se ti trovi a Palermo e dintorni. Da Caccamo si parte anche per seguire l’itinerario San Teotista, sui passi del monaco del IX secolo.

Lercara Friddi
Visitando questo borgo sii cammina, invece, sulle tracce di Frank Sinatra. Infatti proprio qui si trova la casa dei nonni del grane cantante e attore italo-americano a cui è dedicato un museo.

Roccapalumba
Qui si intrecciano ancora vimini, spighe e canne e si preparano conserve e sughi con il fico d’India. Da Roccapalumba parte un itinerario sui siti bellici e qui si trova il Museo del ferroviere, ma è l’ottocentesco mulino ad acqua Fiaccati che permette un tuffo nella storia.

Godrano
Si trova ai piedi della Rocca Busambra e ai margini del bosco di Ficuzza, dove vi erano gli antichi feudi di re Ferdinando IV di Borbone, che qui aveva la sua riserva di caccia e sedeva sul “pulpito del re” scavato nella roccia.

Castronovo di Sicilia
Un borgo green con  le grotte di Capelvenere e i boschi Cumuni e di Santa Caterina, tra antiche fonti e lavatoi.

La Sicilia è arte, tradizioni e molto altro. Se vuoi sapere cos’altro puoi fare e vedere nell’isola più bella del Mediterraneo ti consiglio di leggere il post Sicilia cosa vedere: esperienze, località e itinerari da non perdere.

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *