Georges de La Tour: 5 cose da sapere sulla sua vita

Georges de La Tour | San Giuseppe

Georges de La Tour, San Giuseppe falegname – Louvre

GEORGES DE LA TOUR: 5 COSE DA SAPERE SULLA SUA VITA

In tutto il mondo le opere attribuite a Georges de La Tour sono poco più di trenta, nessuna è conservata in Italia. Eppure i suoi dipinti hanno in sé lo stesso dramma e la stessa teatralità delle opere di Caravaggio.

Si sono conosciuti Georges de La Tour e Caravaggio oppure l’artista francese ha visto in Italia le opere di Michelangelo Merisi?
Poco si conosce della vita di questo artista e dalla carriera ricca che sembra essere stata ricca di successi.
In questo post ti racconto la sua biografia, o almeno quello che si conosce, in 5 punti.

La vita di Georges de La Tour in 5 punti

Maddalena penitente | Georges de la Tour

Georges de la Tour, Maddalena penitente (Louvre).

1. QUANDO E’ NATO GEORGES DE LA TOUR

Georges de La Tour è nato a Vic-sur-Seille, in Lorena, nel 1593.
Sappiamo poco sulla sua vita ma una delle poche certezze è che la sua era una famiglia di fornai.
Non sappiamo dove si formò come artista ma si ipotizza che inizi l’apprendistato agli inizi del Seicento 1605, forse presso l’incisore Alphonse de Rambervilliers della città di Vic e probabilmente ebbe contatti con l’artista Jacques Bellange.

2. L’INFLUENZA DELLA PITTURA DI CARAVAGGIO

Molti studiosi, infatti, ipotizzano che Georges de La Tour abbia visto da vicino le opere di Caravaggio grazie a un viaggio in Italia.
In realtà non sappiamo se ciò avvenne ma fu certamente affascinato dagli effetti drammatici delle luci e delle ombre che poteva ammirare nelle copie e nelle stampe delle opere di Michelangelo Merisi, il Caravaggio appunto, e dei suoi seguaci.
La fama di Caravaggio e delle sue opere si stava diffondendo in tutta Europa proprio nei primi anni del Seicento, permettendo a molti artisti di sperimentare e perfezionare la tecnica dell’equilibrio tra luci e ombre nei dipinti.

3. IL SUCCESSO DI GEORGES DE LA TOUR

Nel 1617 sposò Diane Le Nerf, che apparteneva a una ricca famiglia di argentieri di Lunéville e si stabilì nella città natale della moglie.
Fu a Lunéville che l’artista aprì il suo studio a partire sicuramente dal 1626, lavorando per committenti importanti e anche con la corte reale in Lorena.
Tra il 1638 e il 1639 l’artista fu anche chiamato a Parigi per realizzare delle opere per il cardinale Richelieu e per Luigi XIII.

4. QUANDO MORI’ GEORGES DE LA TOUR

Georges de La Tour ebbe una carriera di successo ma breve.
Infatti morì il 30 gennaio 1652, a sole due settimane di distanza dalla moglie, probabilmente a causa di un’epidemia.

5. LA RISCOPERTA DELLA SUA ARTE E DELLE SUE OPERE

Dopo la sua morte Georges de La Tour è stato dimenticato per molto tempo finché, nel 1915, il tedesco Hermann Voss pubblicò un articolo sulla sua opera.
La riscoperta di de La Tour è quindi novecentesca.
Sembra quasi impossibile che sia stato ignorato per due secoli e che le sue opere fossero pressoché sconosciute ma, finalmente, ora è possibile ammirare i suoi dipinti e iniziare a scoprire qualcosa in più sulla sua vita.

Georges de La Tour | Maddalena Penitente | Metropolitan Museum of Art

Georges de La Tour, Maddalena Penitente – Metropolitan Museum of Art

Osservando le opere di de La Tour non si può fare a meno di pensare anche agli altri artisti che, come lui, hanno scelto di dipingere scene in cui il chiaroscuro avesse caratteristiche teatrali. 
Il mio primo pensiero va sicuramente alle opere di Gherardo delle Notti, il cui vero nome era Gerrit van Honthorst ma che nel nome italianizzato conserva la caratteristica delle ambientazioni notturne delle sue opere.

LIBRI CONSIGLIATI SU GEORGE DE LA TOUR

  • La Tour. L’Europa della luce – Questo libro, pubblicato in occasione della prima mostra italiana dedicata a Georges de La Tour, documenta l’opera di questo protagonista della storia artistica europea e mette a confronto le sue opere con quelle di altri grandi del suo tempo.
  • Georges de La Tour – La vita dell’artista francese ricostruita attraverso i documenti giunti fino a noi. Un’esistenza ancora avvolta nel mistero ma in questo libro vengono fissati alcuni elementi certi da cui continuare le ricerche.
Condividi su

2 thoughts on “Georges de La Tour: 5 cose da sapere sulla sua vita

    • E’ un artista da non dimenticare ma soprattutto da scoprire. Molte cose dobbiamo ancora scoprire su George de La Tour 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *