Museo Reina Sofia opere e biglietti: cosa devi vedere assolutamente

Museo Reina Sofia | Musei Madrid

MUSEO REINA SOFIA OPERE: COSA DEVI VEDERE ASSOLUTAMENTE

Questo post è dedicato a chi ha in mente di visitare Madrid e qui trovi tutto sul Museo Reina Sofia, opere da vedere e come organizzare la visita in quello che è il punto di riferimento per l’arte moderna e contemporanea.

Ho già inserito il museo Reina Sofia nel post con la lista dei musei più belli da vedere a Madrid e ora ti spiego perché visitarlo e quali opere vedere.

Museo Reina Sofia opere da vedere 

Guernica | musei Madrid

Guernica al Museo Reina Sofia di Madrid

Il Museo Reina Sofia è una delle collezioni d’arte più importanti in Europa e il suo capolavoro più importante è il dipinto di “Guernica”, realizzato da Picasso per il Padiglione della Repubblica spagnola all’Esposizione Universale di Parigi del 1937.

Il museo però non è solo “Guernica”.
Il percorso, suddiviso in tre sezioni, permette al visitatore di scegliere il tema al quale è più interessato con la possibilità di variare l’itinerario di partenza.
Sostanzialmente è un museo che lascia la libertà di capire l’arte del ‘900 e di seguire le sensazioni e gli interessi di ciascuno, senza imporre un ordino cronologico.
Ricerca, sperimentazione e coinvolgimento del pubblico sono i pilastri del museo, che devi visitare perché pensa che il visitatore debba costruire il suo percorso autonomamente.

MUSEO REINA SOFIA OPERE DA VEDERE

Pablo Picasso, Guernica (1937).
L’opera è il racconto della tragedia della città di Guernica che sconvolse il mondo nel 1937 quando la Luftwaffe (l’aviazione tedesca) bombardò la cittadina basca e uccise più di duemila persone.
Picasso descrive questo evento e lo trasforma nella sofferenza di tutta l’umanità sconvolta dalle guerre del Novecento.
L’artista decide di non usare il colore ma usa i bianchi, i neri e una vasta gamma di grigi , che enfatizzano la sofferenza e il panico delle figure rappresentate.

LEGGI ANCHE – Picasso Guernica: 5 cose da sapere sul capolavoro del ‘900

Salvador Dalì, Il grande masturbatore (1929).
Questo è un dipinto autobiografico, realizzato dopo aver trascorso un’estate insieme a Gala, che sarebbe diventata la compagna di vita di Dalì ma che all’epoca era spostata con il poeta Paul Eluard.
L’artista esprime in quest’opera la tensione tra erotismo e morte, tra maschile e femminile, riversando allo stesso tempo tutte le sue ossessioni.
Da vedere perché raramente a scuola si parla di questo dipinto suggestivo dove nulla è come sembra.

Salvador Dalì | Il grande masturbatore

Salvador Dalì, Il grande masturbatore (1929)

Joan Mirò, Uomo con Pipa (1925).
Mirò è l’artista fondamentale per lo sviluppo del Surrealismo.
In quest’opera Mirò elimina qualsiasi elemento figurativo, come l’orizzonte e la profondità, inserendo una figura quasi trasparente di uomo.
È un ritratto surreale, che ritrae quello che sembra più un extraterrestre che un essere umano e proprio per questo permette a chi osserva di interpretarlo in mod sempre diversi rendendolo un capolavoro.

LEGGI ANCHE – Cosa vedere a Madrid: il Cason del Buen Retiro

Joan Mirò | Uomo con Pipa

Joan Mirò, Uomo con Pipa (1925)

MUSEO REINA SOFIA: ORARI E BIGLIETTI

Il Reina Sofía si trova nell’Antico Ospedale Generale di Madrid, opera dell’architetto Francisco Sabatini, che è stato ampliato da Jean Nouvel con un auditorium, la biblioteca e le nuove sale espositive.

Orari: Lun-mer-gio-ven-sab: 10:00-21:00; Dom 10:00-14:30  Aperto tutto il Museo; Dom 14:30-19:00  Aperte solamente la Collezione 1 e un’esposizione temporanea. Il resto del Museo rimarrà chiuso.
Martedì chiuso, comprese le festività. 1 e 6 gennaio, 2 maggio, 16 maggio *, 9 novembre *, 24, 25 e 31 dicembre. (* Sono aperti solamente il Palacio de Velázquez e il Palacio de Cristal)

Biglietti: il biglietto intero costa 10 euro, ma ci sono riduzioni e biglietti cumulativi per l’ingresso anche in altri musei di Madrid
Per acquistare i biglietti basta collegarsi alla pagina ufficiale del museo —> Museo Reina Sofia biglietti.

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *