Le opere di Simon Berger con i ritratti incisi nel vetro

img Simon Berger_photo credit Gallotti e Radice, Soloshow Unbreakable Identities, Milano Design Week 2022

LE OPERE DI SIMON BERGER CON I RITRATTI INCISI NEL VETRO

Le opere di Simon Berger con i ritratti incisi nel vetro sfidano le modalità della percezione e la materia stessa.
Si tratta di opere in cui il vetro è messo alla prova per liberare tutto il suo potenziale e trasformare la superficie liscia della lastra di vetro in un’intricata rete di crepe e fratture che ricreano il volto umano.

Simon Berger usa il martello, uno strumento che non dovrebbe avvicinarsi a un materiale fragile come il vetro ma che, nelle mani dell’artista non è uno strumento ma un amplificatore di effetti. Basta dare un’occhiata ai Reel di @simonbergerart, il suo profilo Instagram, per rendersi conto di quanto sia stupefacente la sua tecnica!

Le opere di Simon Berger

img Simon Berger Shattering Beauty

Simon Berger è un poliedrico artista svizzero che ha sviluppato, sin da giovanissimo, un grande interesse per diversi materiali, come il legno e il metallo, ma che è sempre stato attivo anche come street artist.
Proprio durante la creazione di un’opera di street art ha scoperto, lavorando su alcune carcasse di auto, che il metallo del parabrezza e il vetro, sono materiali interessanti per nuove esplorazioni artistiche a colpi di martello.

L’originalità della tecnica di Simon Berger e le sue opere d’arte di vetro sono state accolte con crescente interesse e sono molte le istituzioni, le gallerie ed i festival in tutto il mondo che lo hanno invitato ad esporre le sue opere.

I progetti più recenti hanno visto la creazione dei ritratti di Kamala Harris e Kemal Atatürk, mentre diverse tele di vetro per l’iniziativa “We are Unbreakable” hanno reso omaggio alle vittime dell’esplosione del porto di Beirut nel 2020.

Dal formato bidimensionale dei suoi ritratti in vetro, Simon Berger è passato di recente a quello tridimensionale della scultura, esplorando ulteriormente le potenzialità del mezzo scelto.

I RITRATTI INCISI NEL VETRO DI SIMON BERGER

Contrariamente alla tradizione del vetro soffiato o modellato, il gesto scultoreo di Simon Berger ricorda l’atto di incidere e scolpire sulla superficie vitrea.
Si tratta di un approccio alternativo al ritratto in vetro, che l’artista stesso definisce morfogenesi e che riesce a valorizzare le illimitate possibilità espressive di questo materiale secolare ancora troppo poco esplorato.

Berger mette alla prova il vetro spingendolo fino al suo limite, fino alla rottura: le pennellate diventano colpi di martello su una lastra di vetro, provocando spaccature e rotture nei tratti del viso.
Questa tecnica porta con sé una fondamentale inversione di senso che sprigiona nuovi significati: la frantumazione del vetro, che potrebbe risuonare come un atto di distruzione, una forma di anti-creazione, è il mezzo privilegiato per liberare l’essenza più pura della bellezza dalle profondità della materia.

img Simon Berger_dettaglio_photo credit Oliver Kuemmerli Network of Arts (1)

LE OPERE DI SIMON BERGER IN MOSTRA

SHATTERING BEAUTY. SIMON BERGER
Museo del Vetro di Murano (VE)
Fondamenta Marco Giustinian, 8
Dal 28 gennaio al 7 maggio 2023.

Il Museo del Vetro di Murano è aperto tutti i giorni, dalle 10.00 alle 17.00.
Ultimo ingresso ore 16.00.
Ingresso compreso con biglietto del Museo del Vetro.

La mostra è concepita come un’installazione immersiva e presenta una ventina di opere, tutte inedite, che esplorano la fragilità della condizione umana attraverso l’ipnotica e innovativa pratica scultorea dell’artista.

img Simon Berger_Layers of Meaning in a Cube 40x40 Lato 3 (25)

L’esposizione è a cura di Sandrine Welte e Chiara Squarcina in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia e Berengo Studio, che recentemente ha collaborato anche con la mostra Ai Weiwei. La Commedia Umana.

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *