Palazzo Pitti Firenze: biglietti, opere da vedere e come arrivare al Palazzo

Palazzo Pitti | Giardino di Boboli

PALAZZO PITTI FIRENZE: COME ACQUISTARE I BIGLIETTI, LE OPERE DA VEDERE E COME RAGGIUNGERE IL PALAZZO

Palazzo Pitti, Firenze, i giardini e i capolavori dell’arte sono le tappe obbligate per chi vuole immergersi completamente nella bellezza.
Tra tutte le meraviglie di Firenze però Palazzo Pitti è speciale, perché non solo è un palazzo che racconta un pezzo di storia della città ma è anche il contenitore di numerosi musei e che descrivono la storia di chi ha vissuto in questo edificio.

Palazzo Pitti venne costruito per volontà di Luca Pitti, rivale dei Medici, per opporsi, con lo sfarzo e l’ostentazione della sua ricchezza, proprio alla più potente famiglia di Firenze.

Palazzo Pitti Firenze: cosa vedere, dove acquistare i biglietti d’ingresso e come arrivarci

Palazzo Pitti | musei Firenze

Interno di Palazzo Pitti

PALAZZO PITTI FIRENZE: BREVE STORIA DEL PALAZZO

Palazzo Pitti fu progettato, probabilmente, da Brunelleschi nel 1445.
Dopo la morte di Luca Pitti e il tracollo economico della famiglia, il Palazzo fu acquistato da Cosimo I Medici per sua moglie Eleonora da Toledo, che la trasformò nella sua corte.

Palazzo Pitti fu ampliato e modificato molte volte nel corso della sua storia, rendendendo questo luogo il più sfarzoso di Firenze.
Il cortile interno, il Giardino di Boboli, il corridoio Vasariano che lo collega direttamente agli Uffizi lo hanno reso la residenza perfetta di chi ha governato non solo la città di Firenze.
Fu, infatti, il Palazzo dei Lorena e dei Savoia fino al 1871, passando per le brevi reggenze dei Borbone-Parma e di Elisa Bonaparte Baciocchi.

LEGGI ANCHE – i miei consigli su come passare una Domenica al museo: come organizzare una visita al museo

LE OPERE DA VEDERE A PALAZZO PITTI

Palazzo Pitti è oggi sede di importanti musei che riuniscono le collezioni d’arte raccolte da chi ha usato questo edificio come propria residenza.

Tra le opere da non perdere ti segnalo quelle di 2 artisti:

1. Nella Galleria Palatina non puoi perderti i dipinti di Raffaello come il “Ritratto di Agnolo Doni” (1505) e il ritratto femminile detto “La Velata (1515).

2. Nella Galleria d’arte moderna devi fermarti davanti a “I due Foscari” di Francesco Hayez.

Queste sono solo due degli grandi artisti di cui Palazzo Pitti conserva le opere, quindi il mio consiglio è di visitare con calma tutti i musei e anche il famoso Giardino di Boboli, che può essere considerato un museo all’aperto.
Si tratta infatti di uno dei più importanti esempi di giardino all’italiana al mondo con un incredibile numero di sculture classiche, edifici, fontane e grotte.
Il Giardino Bardini è collegato direttamente al Forte Belvedere, la fortezza della famiglia Medici.

BIGLIETTI PER PALAZZO PITTI: COME PRENOTARE E SALTARE LA CODA

Per visitare il museo consiglio di prenotare il biglietto usando il link Palazzo Pitti e Galleria Palatina – Salta la Coda
La prima domenica di ogni mese, il museo apre con orari normali e l’entrata è gratuita per tutti, ma è consigliabile comunque prenotare in anticipo.

Palazzo Pitti è, inoltre, accessibile con un biglietto unico che garantisce anche la visita al Giardino di Boboli e agli Uffizi, magari abbinando una visita guidata.
Per maggiori informazioni controlla tutte le possibilità nella pagina Palazzo Pitti – Biglietti Salta Fila e Visite Guidate

L’orario di apertura va da martedì a domenica: ore 8.15 -18.50 (Chiusura: tutti i lunedì, 1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre).

PALAZZO PITTI FIRENZE: COME ARRIVARE

IN MACCHINA: Il Garage Lungarno in Borgo San Jacopo è a soli 350 m da Piazza dei Pitti, meno di 4 minuti a piedi.

IN BUS: Autobus – D da Piazza Stazione a Piazza Ferrucci, direzione  Ferrucci 01 impiega circa 15 minuti per raggiungere Palazzo Pitti dalla Stazione centrale di Firenze.

A PIEDI: dalla Stazione Santa Maria Novella a Palazzo Pitti il percorso è di circa 1,5 km (sono circa 25/30 minuti).

LINK
Sito ufficiale di Palazzo Pitti – https://www.uffizi.it/palazzo-pitti

Palazzo Pitti Firenze

Palazzo Pitti – facciata

LEGGI ANCHE – Uffizi Firenze: le opere da non perdere

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *