Jonathan Jones and The Loves of the Artists

A visitor to Venice in the early 16th century reckoned the city had 20,000 courtesans.
Un visitatore a Venezia nei primi anni del 16 ° secolo calcolò che la città aveva 20.000 cortigiane.

Jonathan Jones is perhaps the most important and fearedAmerican art critic. On his articles in the Guardian can decide the fate of an artist’s career or the success of an exhibition.These days out, for the moment only in English, his new book, which is already startingto discuss.The Jonathan Jones’s book “The Loves of the Artists” shows how the story of the Renaissance is the story of a sexual revolution. The great artists of the 15th and 16th century were not just visionaries, but lovers. Jonathan argues that the famous nudes of Michelangelo and Titian are not abstract images of ideal beauty, but erotic expressions of love and desire; and that in order to understand the Renaissance, we have to understand the sex lives of the men and women who defined it. Men like Raphael, who obsessively painted his lover La Fornarina in the nude, Michelangelo, who made beautiful drawings of naked male bodies to present to the young man he adored, and many other. “The Loves of the Artists” shows that the Renaissance invented eroticism as we know it, and that the new ways of thinking about sex it engendered are crucial to understanding not only art but European culture as a whole.

 

Jonathan Jones è forse il più importante e temuto critico d’arte americano. Il suoi articoli sul Guardian possono decidere il destino della carriera di un artista o il successo di una mostra. In questi giorni esce, per il momento solo in lingua inglese, il suo nuovo libro, che già inizia a far discutere. Il libro di Jonathan Jones Gli amori degli Artisti“, dimostra comela storia del Rinascimento sia la storia di una rivoluzione sessuale. I grandi artisti del 15 ° e 16 ° secolonon erano solo visionari, ma erano amanti. Jonathan sostiene che i famosi nudi di Michelangelo e Tiziano non sono immagini astratte di bellezza ideale, ma le espressioni erotiche dell’amore e del desiderio, e che, al fine di comprendere il Rinascimento, dobbiamo capire la vita sessuale degliuomini e delle donne che lo hanno definito. Uomini come Raffaello, che dipinse ossessivamentela sua amante La Fornarina nel nudo, Michelangelo, che ha fatto bei disegni di corpi maschili nudi per rappresentareil giovane che adorava, e molti altri. Gli amori degli Artisti” mostra che il Rinascimentoha inventato l’erotismo come lo conosciamo, e che i nuovi modi di pensare al sesso sono fondamentali per comprendere non solo la cultura dell’arte, ma la cultura europea nel suo complesso.
Bronzino was probably gay in today’s language
Bronzino, nel linguaggio odierno, era probabilmente omosessuale

 

Leonardo said eroticism is one of the greatest powers of art.
Leonardo ha detto che l’erotismo è una delle più grandi potenze d’arte.

 

Jonathan Jones
The Loves of the Artists: Art and Passion in the Renaissance
AMAZON

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *