Cortina, cosa vedere: 5 cose su Cortina d’Ampezzo

CORTINA, COSA VEDERE: 5 COSE SU CORTINA D’AMPEZZO

Da un po’ di tempo avevo un desiderio.
Raccontarvi Cortina, cosa vedere e cosa fare nel luogo più elegante delle Dolomiti.

Frequentata da personaggi famosi e circondata da un paesaggio straordinario, Cortina è un luogo ricco di storia e in cui è possibile trascorrere una vacanza e sentirsi parte di un set cinematografico.

Ecco allora il post sulla mia vacanza a Cortina, cosa vedere e cosa fare nel luogo più chic delle Dolomiti.
E in fondo al post trovi anche il video con i miei consigli.

1. SCEGLIERE UN ALBERGO SPECIALE

Prima di arrivare a Cortina il mio consiglio è di scegliere con cura dove soggiornare, perchè la città offre tante soluzioni ma per vivere al meglio una vacanza della città che è considerata la “perla delle Dolomiti” vale la pena scegliere un luogo speciale.

Io ho scelto l’Hotel all’Ambra Cortina Luxury & Fashion Boutique Hotel, un’antica locanda trasformata in un luogo elegante e dedicato a chi desidera un’atmosfera sofisticata, oltre alla natura e al relax della montagna.

L’hotel Ambra si trova nel centro di Cortina e ha servizio di prima colazione, parcheggio gratuito e tutte le comodità di un boutique hotel, inoltre ha un legame speciale con l’arte.
Grazie alle collaborazioni con importanti gallerie d’arte l’hotel espone opere d’arte di artisti internazionali.
Io ho ammirato le sculture di Rabarama (leggi anche l’intervista che ho realizzato a Rabarama) e le opere di Omar Hassan presentate in collaborazione con Contini Art UK.

2. PASSEGGIARE PER LE VIE DEL CENTRO

Passeggiare per le vie del centro di Cortina significa immergersi nell’atmosfera di un luogo esclusivo dove arte, natura e vita mondana vanno a braccetto.

Il centro di Corina è il paradiso per chi ama lo shopping, perchè offre una serie di negozi che è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza: dagli sportivi all’artigianato locale, dalle gallerie d’arte alle gioiellerie, dai negozi di moda ai souvenir.

3. SCOPRIRE LA STORIA DELLA CITTA’

Nel 1420 Cortina d’Ampezzo entra a far parte della Repubblica di Venezia per poi subire alterne fortune sotto il dominio austriaco, ma è nell’Ottocento che inizia la vera fortuna di Cortina perchè diventa la meta per le vacanze della nobiltà e della borghesia europea prima e americana poi.

Tra i primi luoghi da vedere a Cortina d’Ampezzo c’è la Basilica dei Santi Filippo e Giacomo (costruita tra il 1769 e il 1775), la Casa delle Regole che è sede del Museo d’arte moderna Mario Rimoldi, il Museo Paleontologico e Etnologico con la più grande collezione di fossili delle Dolomiti, senza dimenticare il Palazzo del Ghiaccio che è stato teatro delle Olimpiadi Invernali del 1956.
Ci sono inoltre una serie di luoghi che fanno parte ormai della storia del cinema e del costume.

Tra Cortina e il cinema c’è sempre stato un grande amore e la città è apparsa in oltre un centinaio di film. 
Da “Il Conte Max” di Vittorio De Sica alla “Pantera Rosa” con Peter Sellers, dal James Bond interpretato da Roger Moore in in “Solo per i tuoi occhi” fino alla commedia all’italiana con le “Vacanze di Natale” dei fratelli Vanzina, sono tanti i film famosi girato a Cortina.

Grazie a questi film l’hotel de La Poste, le Tre Cime di Lavaredo, il Monte Cristallo, l’hotel Miramonti e molti altri luoghi sono diventati parte dell’immaginario collettivo e sono diventati elementi della storia di Cortina.

4. VIVERE LE DOLOMITI

Lo spettacolo che la natura offre è una delle principali attrazioni di Cortina che sia in inverno che in estate attira visitatori da tutti gli angoli del mondo.

Il territorio di Cortina d’Ampezzo fa parte dell’area protetta del Parco Naturale delle Dolomiti, la catena montuosa che nel 2009 è diventata Patrimonio dell’Umanità.
Le cime delle Cinque Torri, il Monte Cristallo, le Tofane, il Lago Sorapiss e le cascate del rio Fanes sono solo alcune delle 
meraviglie da vedere.

5. ASSAPORARE L’ATMOSFERA DELLA CITTA’

Cortina è ancora oggi la meta turistica per eccellenza del jet set internazionale e per tutti coloro che sperano di incrociare per le vie del centro un personaggio famoso.
Trascorrere una vacanza a Cortina ti fa entrare in un’atmosfera elegante e non è strano sentirsi parte di qualche scena da film.

Lo sport, le camminate le attività sulla neve sono gli elementi di forza di Cortina, che fa parte del circuito Dolomiti Superki, che comprende 1.200 km di percorsi suddivisi tra 450 piste da sci.
Nel 2021 Cortina ospiterà i Campionati del Mondo di Sci Alpino.

Dal 6 al 19 febbraio 2021 oltre 600 atleti da tutto il mondo si contenderanno gli 11 titoli mondiali in palio: 14 giorni di gare maschili e femminili di discesa, Super G, gigante, slalom e combinata.

Nel frattempo Cortina è già pronta ad ospitare, nei prossimi anni, 28 gare internazionali di sci, fra Coppa del Mondo e Mondiali, oltre a una serie di appuntamenti di Coppa Europa e competizioni juniores.
Il primo appuntamento è per il 20 e 21 gennaio 2018 con la Coppa del Mondo di sci alpino femminile, mentre l’ultimo appuntamento è già fissato con le finali di Coppa del Mondo nel 2020.

COME ARRIVARE A CORTINA

In auto: Cortina d’Ampezzo è raggiungibile con la A27 per chi proviene da Pian di Vedoja e Venezia proseguendo poi sulla SS.51 seguendo le indicazioni per S. Vito di Cadore-Cortina.
Per chi percorre la A22 è necessario uscire a Bressanone e da qui prendere la SS.49 fino a Dobbiacco e poi la SS.51 sino a Cortina.

In treno: Per chi arriva da sud la linea ferroviaria di riferimento è la Venezia-Calalzo con fermata a Calalzo di Cadore da dove parte un servizio navetta per Cortina.
Per chi arriva da Nord la linea ferroviaria principale è Fortezza-Dobbiacco, con fermata a Dobbiacco e trasferimento a Cortina con servizio navetta.

In autobus: Sono effettuati dei servizi di collegamento diretto da Venezia per Cortina d’Ampezzo con fermate a Mestre e Treviso e su richiesta anche presso l’aeroporto di Venezia.

Se questo video ti piace iscriviti al mio canale You Tube per ricevere le notifiche ogni volta che pubblicherò un nuovo contenuto.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *