Il demone della modernita’

mostra Rovigo 1

Carissimi tutti, anche quest’anno l’influenza è arrivata puntuale e, come lo scorso anno, non mi ha lasciato scampo … mi ha costretto a qualche giorno di forzato riposo e che mi ha dato la possibilità di dormire tanto … ma tanto tanto!
Non ho mai dormito tanto in vita mia!
Avevo in programma la press preview della mostra “IL DEMONE DELLA MODERNITÀ. Pittori visionari all’alba del secolo breve” presso Palazzo Roverella a Rovigo, ma mi sono dovuta mettere comoda sotto le coperte e seguire le fasi della preview attraverso le immagini del mio amico Mostre-Rò, che ha postato sui suoi profili social le fasi salienti della giornata e che ho invidiato tanto!
Ora non mi resta che andare a vedere la mostra entro il 14 giugno, nel frattempo ecco quello che ho visto in rete e cosa mi aspetto di trovare.

mostra Rovigo 3

L’irrompere della modernità nel mondo tardo Ottocentesco e il suo deflagrare nei primi tre decenni del XX secolo sono il soggetto di questa mostra. Una modernità particolare, popolata da angeli e demoni, tra conscio ed inconscio, tra prefigurazioni di morte e destini di luce.
Quella che viene messa in scena è l’irruzione di una modernità inquieta e tempestosa, prefiguratrice di morte e allo stesso tempo esultante nei confronti di nuove conquiste e verso il futuro.
Questa mostra, attraverso i suoi capolavori, è il racconto di un passaggio drammatico e vitale stretto tra la fine di ciò che è stato e l’arrivo di qualcosa che ancora non è ben definito. Le stesse arti figurative conoscono la trasformazione e la modifica dei linguaggi, che tutto cambieranno nel panorama artistico rispetto al passato.

Mario De Maria, Il Mulino del Diavolo, Olio su carta applicata su tavola – collezione privata

Mario De Maria, Il Mulino del Diavolo, Olio su carta applicata su tavola – collezione privata

Gennaro Favai, New York, 1930 ca, olio su tavola – collezione privata (dettaglio)

Franz von Stuck, Il Peccato, 1900 ca, olio su tela – Zagreb, Museum of Arts and Crafts

Franz von Stuck, Il Peccato, 1900 ca, olio su tela – Zagreb, Museum of Arts and Crafts

Hans Unger: Salomé, 1917, Städtische Galerie Dresden - Kunstsammlung, Museen der Stadt Dresden.

Hans Unger: Salomé, 1917, Städtische Galerie Dresden – Kunstsammlung, Museen der Stadt Dresden.

Gustav Moreau: Le Voyageur ou Oedipe, voyageur. Musée de La Cour d'Or - Metz Métropole

Gustav Moreau: Le Voyageur ou Oedipe, voyageur. Musée de La Cour d’Or – Metz Métropole

INFO
IL DEMONE DELLA MODERNITÀ. Pittori visionari all’alba del secolo breve
Rovigo, Palazzo Roverella
Dal 14 febbraio al 14 giugno 2015

LINK
http://www.palazzoroverella.com/

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *