Klimt opere: quali sono e dove si trovano le opere più belle di Klimt

Giuditta Klimt | Venezia musei

KLIMT OPERE: QUALI SONO E DOVE SI TROVANO LE OPERE PIÙ BELLE

Sono tanti e  bellissimi i capolavori di Gustav Klimt, opere famose e importanti, ma dove dove trovarle?
Dopo aver scritto il post con le 5 cose da sapere su Klimt ora pubblico la lista delle opere più belle del padre della Secessione Viennese e dei musei dove ammirarle.
E chissà che non sia l’occasione per un viaggio alla scoperta proprio dell’artista viennese 🙂

Klimt opere: quali sono e dove si trovano le sue opere più belle 

KLIMT OPERE A VIENNA

Il Bacio (1907-1908) – Österreichische Galerie Belvedere, Vienna.
Il Museo del Belvedere conserva uno delle opere più famose di Klimt: il Bacio.
L’opera fa parte del cosiddetto periodo aureo, ovvero la fase in cui l’artista, ispirandosi ai mosaici bizantini di Ravenna e di Venezia, usa l’oro come colore predominante.
Per saperne di più sul Bacio potete leggere il post dove vedere il bacio di Klimt e cosa rappresenta.

Il Fregio di Beethoven (1902 ) – Palazzo della Secessione, Vienna.
In occasione della XIV Mostra della Secessione Klimt dipinge sulle tre pareti di una sala uno dei suoi capolavori più intensi: il Fregio di Beethoven.
Si tratta di un’interpretazione della “Nona Sinfonia di Beethovene le parole migliori per descriverla sono state espresse proprio da Klimt, il quale disse che il suo capolavoro è come una storia suddivisa in tre capitoli: il desiderio della felicità, le forze ostili che impediscono il raggiungimento della felicita, il desiderio di felicità che si placa nella poesia, ovvero la pace e l’estasi raggiunta grazie alle arti.

Il Fregio di Beethoven è stato giudicato come una delle opere non trasportabili dello Stato austriaco e per questo è stata realizzata una copia a grandezza naturale che serve ad esporla nelle mostre estemporanee.

Gustav Klimt | il Bacio

Il Bacio di Klimt

KLIMT OPERE IN ITALIA

Le tre età della donna (1905) – Galleria Nazionale di Arte Moderna, Roma
Tra le opere di Klimt questa probabilmente è la mia preferita perché descrive le tre fasi che tutte le donne attraversano.
L’artista dona a questa rappresentazione la delicatezza e la malinconia più profonde e osservandolo si provano sentimenti contrastanti: la tenerezza, la dolcezza, la tristezza per il tempo volato via troppo presto.
L’opera fu acquistata dallo Stato Italiano nel 1911, in occasione della mostra internazionale per celebrare l’Unità d’Italia, confluendo subito nelle collezioni della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.

Giuditta II (1909) – Ca’Pesaro, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Venezia.
La Giuditta II fu esposta durante la Biennale del 1910, che aveva riservato all’artista la possibilità di organizzare una mostra personale con 22 opere.
In quella occasione il Comune di Venezia comprò l’opera per inserirla nella collezione della Galleria d’Arte Moderna (la cui sede attuale è Palazzo Ca’Pesaro) e fu un gesto di grande lungimiranza, poiché in quegli anni Klimt era molto famoso ma non godeva dell’approvazione di tutta la comunità artistica.
Per la realizzazione dell’opera Klimt si affidò ai testi dell’Antico Testamento, in cui Giuditta è l’eroina che permette di salvare l’assedio la sua città e impedire l’invasione della Giudea.

Klimt | Salomè

Klimt, Salomè – Museo Ca’ Pesaro, Venezia (dettaglio)

KLIMT OPERE NEGLI USA

Ritratto di Adele Bloch Bauer (1907) – Neue Galerie, New York.
Tra le opere di Klimt questo dipinto è il trionfo dell’oro.
La donna ritratta è Adele Bloch Bauer, una donna dell’alta borghesia viennese che l’artista trasforma in una dea con un abito riccamente decorato.
A rendere affascinate quest’opera non è solo la tecnica e lo stile usati da Klimt ma anche la storia recente dell’opera, che è stata protagonista di un intrigo avvincente.
Il dipinto, infatti, fu confiscato dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale e solo decenni più tardi la nipote di Adele Bloch Bauer ne richiese la restituzione.
Successivamente il ritratto fu acquistato nel 2006 da Ronald Lauder per collocarlo presso la Neue Galerie a New York, dove ancora oggi si trova.

Klimt | Ritratto di Adele Bloch Bauer

Ritratto di Adele Bloch Bauer – dettaglio

LEGGI ANCHE –  Le città più belle del mondo: 5 città di pittori famosi da vedere

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *