Arte contemporanea novembre 2017: le mostre da non perdere

ARTE CONTEMPORANEA: LE MOSTRE DA NON PERDERE A NOVEMBRE 2017

Anche questo mese per gli appassionati di arte contemporanea ci sono tanti eventi. Ecco quelli che Alice Traforti ha selezionato per Art post Blog 😉

Dopo un mese scoppiettante, ci prepariamo per un novembre altrettanto carico di arte
contemporanea, sempre protagonista della nostra scena.

4 INAUGURAZIONI A NOVEMBRE 2017

Enrico Baj | Personaggio urlante

Enrico Baj: Personaggio urlante, 1964 – olio, collage, meccano, ovatta su stoffa, 130
x 97 cm – collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi.

  • Enrico Baj. L’arte è libertà
    La figura di Enrico Baj rappresenta in pieno lo spirito di libertà che si manifesta nel genio creativo, rimosso ogni ostacolo immaginativo e legame con la realtà così come la vediamo.
    Surrealista, lettrista, dadaista e patafisico, la Fondazione Marconi gli dedica una
    retrospettiva organizzata per temi e con taglio politico, evidenziando la denuncia contro ogni forma di potere e sopraffazione.
    In collaborazione con l’Archivio Baj di Vergiate.

Opening: 07 novembre 2017 alle ore 18.00
Quando: fino al 27 gennaio 2018
Dove: Fondazione Marconi, Milano

Grazia Varisco

Grazia Varisco – ne ho solo 80… – Milano.

  • Grazia Varisco – ne ho solo 80…
    Cortesi Gallery, in collaborazione con la Triennale di Milano e l’Archivio Varisco,
    festeggiano il traguardo dell’artista con una personale dedicata all’intera carriera
    dell’artista, dagli esordi col famigerato Gruppo T alle esperienze individuali tese a
    rincorrere a più riprese quell’idea di equilibro “tra regola e casualità nel divenire del tempo”.

Opening: 08 novembre 2017, ore 18.00 – 20.30
Quando: fino al 18 febbraio 2018
Dove: Cortesi Gallery, Milano

Glynn Jane | Avant Garde

Memory Lands. Glynn Jane, Avant Garde

  • MEMORY LANDS
    Ancora una mostra sulla guerra, ma non una mostra come tutte le altre. Memory lands, attraverso le foto e i video di 6 artisti (da Irlanda, Inghilterra, Francia, Bielorussia, Cina), indaga il lascito sul territorio martoriato dal conflitto, la memoria della storia che i luoghi di guerra portano con sé, verso nuove mete. Un tema storico, intimo e universale, rivisto in prospettiva, con mezzi contemporanei e ampio sguardo internazionale.

Artisti in mostra: Jane Glynn, Victoria Lucas, Gordon Belray, Ting Bao, Lesya Pchelka e
Vasilisa Palianinа.

Opening: 10 novembre 2017, ore 18.30
Quando: fino al 02 dicembre 2017
Dove: B#S Gallery, Treviso

Fausto Melotti | Scultura

Fausto Melotti: Scultura n°11, 1934 – gesso – collezione privata

  • Fausto Melotti. Quando la musica diventa scultura
    La Fondazione Cosso presenta un’antologica centrata sulla figura di Fausto Melotti e il suo
    rapporto con la musica, in più di 80 opere tra sculture, quadri e ceramiche.
    In particolare, un progetto musicale di Roberto Galimberti accompagna tutte le sale dell’esposizione, facendo dialogare le opere direttamente con le melodie amate dal maestro.
    A cura di Francesco Poli e Paolo Repetto.

Opening: 11 novembre 2017
Quando: fino all’11 febbraio 2018
Dove: Castello di Miradolo, San Secondo di Pinerolo (TO)

Bruno Munari | Curva di Peano

Bruno Munari: Curva di Peano, 1976 – acrilico su tela, 120x120cm

  • Bruno Munari – The game is on!
    Che stimo l’opera di Bruno Munari ormai vi è chiarissimo nella mente: precursore
    lungimirante nell’individuare il legame tra scultura e industrial design, pittura e cinema, animazione ed editoria, grafica e didattica, sotto l’insegna della libertà da qualsiasi forma di dogmatismo.
    MAAB Gallery ripercorre le tappe della sua sperimentazione: Astratti, Macchine inutili,
    Negativi-Positivi, Curva di Peano, Sculture da viaggio e una Sedia per brevissimi
    appuntamenti.
    A cura di Gianluca Ranzi

Opening: 13 novembre 2017
Quando: fino al 21 dicembre 2017
Dove: MAAB Gallery, Milano


ALTRE MOSTRE DA VEDERE A ROMA, LIVORNO, VENEZIA, FERRARA E MILANO

Riccardo Ajossa

Riccardo Ajossa #incerticonfini

  • Riccardo Ajossa #incerticonfini
    I soggetti classici di Riccardo Ajossa si arricchiscono di nuove sperimentazioni fotografiche fatte di riflessi, materiali, prove colore e interventi manuali, sconfinando tra epoche e tecniche, ma anche tra contesti e soggetti, come un Tiziano riflesso sulle spiagge portoghesi.
    A cura di Marco Antonio Nakata

Quando: fino al 22 novembre 2017
Dove: Spazio Nuovo, Roma

Parola alle immagini

La Parola alle immagini

  • La Parola alle immagini
    Questa intensa collettiva, dedicata alla Poesia visiva, Poesia Concreta, Lettrismo, Fluxus e personalità individuali, indaga l’uso della parola scritta come mezzo artistico dal secondo dopoguerra ad oggi.

Artisti in mostra: Vincenzo Accame, Al Hansen, Eric Andersen, Alain Arias-Misson,
Clarissa Baldassarri, Nanni Balestrini, Ben Vautier, Mirella Bentivoglio, Julien Blaine, Jean
Francois Bory, Gerard Philippe Broutin, Ugo Carrega, Luciano Caruso, Guglielmo Achille,
Cavellini, Giuseppe Chiari, Henri Chopin, Philip Corner, Paul De Vree, Fabrizio Dusi, Ivan
Falardi e Maurizio Milani, Irina Gabiani, Dick Higgins, Mimmo Iacopino, Isidore Isou, Joe
Jones, Allan Kaprow, Alison Knowles, Jirì Kolàr, Maurice Lemaitre, Arrigo Lora-Totino,
Roberto Malquori, Lucia Marcucci, Stelio Maria Martini, Eugenio Miccini, Rolando Mignani,
Magdalo Mussio, Nam Jun Paik, Maurizio Nannucci, Anna Oberto, Martino Oberto,
Luciano Ori, Ben Patterson, Michele Perfetti, Lamberto Pignotti, Dmitrij Prigov, Rudy
Pulcinelli, Roland Sabatier, Sarenco, Serge III, Renato Spagnoli, Adriano Spatola, Aldo
Spinelli, Luigi Tola, Alessandro Verdi, Franco Verdi, Jacques Villeglè, Rodolfo Vitone e Gil
J Wolman.

Quando: fino al 02 dicembre 2017
Dove: Gian Marco Casini Gallery, Livorno

Araki

Araki

  • Araki
    Il maestro giapponese Nobuyoshi Araki viene presentato attraverso 70 scatti che
    ripercorrono la sua ricerca: dai nudi femminili, alle composizioni floreali, agli scorci cittadini e ai cieli di Tokyo, ritratti nella loro massima esplosione di luminosità, per una riflessione sull’universo femminile, sull’eros e sulla morte.
    A cura di Filippo Maggia

Quando: fino al 03 dicembre 2017
Dove: Fondazione Bisazza, Montecchio Maggiore (VI)

Zeng Zhenwei

Zeng Zhenwei: frozen Away and Spirit Costrains

  • Zeng Zhenwei. HAPPINESS
    La personale di Zeng Zhenwei (1960, Cina) è tutta incentrata sulla felicità e intitola opere e sculture intorno alla parola “Happy” e alle sue molte declinazioni. La visione teatrale dello spazio vuole rappresentare null’altro che l’interiorità, senza volti, razze o appartenenze, se non al sentimento di gioia che permea tutta l’esposizione.
    A cura di Pier Paolo Scelsi e Sean Z. P. Zhang

Quando: fino al 20 dicembre 2017
Dove: One Contemporary Art, Venezia

Anna Di Prospero

Anna Di Prospero. Cuore Liquefatto. Affinità empatiche con Carlo Bononi

  • Anna Di Prospero. Cuore Liquefatto. Affinità empatiche con Carlo Bononi
    Le fotografie della giovane Anna Di Prospero dialogano direttamente con le opere
    seicentesce di Carlo Bononi (esposte parallelamente a Palazzo dei Diamanti) in
    un’indagine che immortala, in chiave e mezzi contemporanei, flash di corpi, gesti, emozioni e relazioni scolpite con la luce.
    A cura di Maria Livia Brunelli

Quando: fino al 07 gennaio 2018
Dove: MLB Home Gallery, Ferrara

Bill Viola | Cripta di San Sepolcro

Bill Viola alla Cripta di San Sepolcro

  • Bill Viola alla Cripta di San Sepolcro
    Impossibile non citare Bill Viola al San Sepolcro di Milano con 3 video da brividi, in un
    dialogo serrato con le architetture sacre per celebrare il sottile confine tra la vita e la
    morte, il rapporto tra antico e contemporaneo, le trasformazioni del cambiamento.

Quando: fino al 28 gennaio 2018
Dove: Cripta di San Sepolcro, Milano


PROMEMORIA: ANCORA MOSTRE DA VISITARE !

  • Osvaldo Licini – I segni dell’angelo
    fino al 30 novembre in Galleria Tega, Milano
  • Alberto Garutti “Il mio colore è il vostro…”
    fino al 02 dicembre da RossovermiglioArte, Padova
  • The Struggle for Raw. Verónica Vázquez
    fino al 23 dicembre da Marignana Arte, Venezia
  • È solo un inizio. 1968
    fino al 14 gennaio 2018 alla GNAM, Roma

Puoi leggere anche: mostre arte contemporanea ottobre 2017

Buona arte a tutti!
Alice

Post a cura di: Alice Traforti.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *