Richard Ginori: la fabbrica della bellezza

RICHARD GINORI: LA FABBRICA DELLA BELLEZZA 

Diventata  Richard Ginori nel 1896, ma fondata nel 1737 dal marchese Carlo Ginori, nei pressi di Firenze, la manifattura di porcellana di Sesto Fiorentino, è la più antica in Italia e ancora funzionante.

Il marchese Ginori creò una raccolta con i modelli provenienti dalle botteghe appartenute agli scultori attivi dal tardo Rinascimento al Barocco.
Contemporaneamente acquistava anche i modelli dagli ateliers degli scultori fiorentini del tempo oppure commissionava repliche in scala ridotta dalle più celebri statue antiche.
Fu così che creò una collezione unica al mondo.

LEGGI ANCHE: come era organizzata la bottega di un artista nel Rinascimento. 

Continua a leggere

La lampada Arco: storia di un’idea geniale

Image source: www.telasapiens.com

LA LAMPADA ARCO

Era il 1962 e la luce arrivava sul tavolo, sulla scrivania e sul giornale da leggere direttamente dal soffitto, quando arrivò la lampada Arco.
C’erano anche le lampade da terra, ma ingombranti e che non illuminavano esattamente il punto che serviva.
Ai fratelli Pier Giacomo e Achille Castiglioni viene un’idea.

LEGGI ANCHE: Cassettiera da ufficio. Storia di un’icona.

Continua a leggere

Kenny Random e O-Six: quando la Street Art incontra la moda

Perché un brand dell’occhialeria dovrebbe associare il proprio nome e la sua ultima collezione ad uno street artist e alle sue opere?

La nuova collezione O-Six nasce per cambiare prospettiva e ha parecchie cose in comune con le opere di Kenny Random, considerato il Banksy italiano, ma nelle cui opere più che l’ironia dell’artista britannico si trova il romanticismo e la poesia.
La Street Art di Kenny Random ci ricorda di osservare il mondo in modo diverso, che è necessario guardare oltre i vicoli di pietra e i passi carrai delle nostre città.
E’ per questo che l’AD del marchio O-Six ha scelto proprio i graffiti di Kenny Random per la nuova campagna eyewear, per cambiare prospettiva!

Ho fatto alcune domande a Riccardo Piazza, AD di O-Six per capire perché ha deciso di puntare sulle opere di Kenny Random per la nuova collezione di occhiali.

LEGGI ANCHE: Bansky #WithSyria

Continua a leggere

Cassettiera da ufficio. Storia di un’icona

Image source: pamono.com

CASSETTIERA DA UFFICIO. STORIA DI UN’ICONA 

Quante volte avete visto in un ufficio una cassettiera da ufficio come questa?
Non fate l’errore di considerarlo un oggetto banale e vecchio, perché questa è “La Cassettiera”.
Quindi se ne avete una come questa, prima di buttarla via fate attenzione leggete questo post.

La cassettiera da ufficio in acciaio nasce nel 1919, quando i computer, il wi-fi, i tablet e gli smarthone non esistevano ma tutti i documenti, rigorosamente cartacei, venivano archiviati in armadi in legno.
Erano gli inizi del periodo Art Dèco.

Continua a leggere

Vetro per arredare: l’idea del designer Vito Nesta

Vito Nesta | designer

NUOVA VITA PER IL VETRO OPALINO CHE SI UNISCE ALL’ACCIAIO NEL PROGETTO INNOVATIVO DEL DESIGNER VITO NESTA

Il vetro è un materiale antichissimo.
Nel passato sono stati realizzati grandi capolavori, come quelli che si trovano al Museo del Vetro di Murano, ma ancora oggi questo materiale è in grado di ispirare artisti e soprattutto designer.
E’ dedicata al rapporto con il vetro di Ettore Sottsass una delle mostre che vi ho consigliato di vedere in occasione della Biennale 2017.

All’ultimo Salone del Mobile il designer Vito Nesta, ha presentato un progetto innovativo che coniuga un materiale del passato come il vetro opalino con uno moderno come l’acciaio.
Con il progetto RISVOLTI, realizzato in collaborazione con Effetto Vetro, il vetro opalino ormai fuori produzione dagli anni ’50 viene associato all’acciaio Supermirror.
Ho rivolto alcune domande proprio a Vito Nesta, per capire da dove è nata l’idea di usare un vetro fuori produzione e che valore ha per lui il rapporto tra tradizione e innovazione.

LEGGI ANCHE: Kartell festeggia i 50 anni dei Componibili.

Continua a leggere