La scuola di Barbizon: alle origini dell’Impressionismo

Théodore Rousseau | Albero di Quercia

Théodore Rousseau, Albero di Quercia, Apremont (1850–1852). Image source. Wikipedia.it

LA SCUOLA DI BARBIZON

L’artista che dà avvio a quello che sarà il movimento che influenzerà in modo determinante gli artisti impressionisti si chiama Théodore Rousseau.

Théodore Rousseau (da non confondere con Henri Rousseau, importante punto di riferimento per le avanguardie deli primi del ‘900), nato a Parigi nel 1812, abbandona presto la pittura accademica che era stata la base della sua formazione e decide di dipingere in modo più libero, osservando la natura dal vero.
Dalla fine degli anni Trenta dell’800 la foresta di Fontainbleu è la protagonista assoluta dei suoi dipinti e diventa anche la sua casa, scegliendo di vivere nel villaggio di Barbizon.

Ben presto in questo luogo, ai margini della foresta, arrivano altri artisti affascinati da questo nuovo modo di dipingere e insieme creano la scuola che prende proprio il nome dal paese in cui questi vivono: nasce la Scuola di Barbizon.

Jean-François Millet | Le spigolatrici

Jean-François Millet, Le spigolatrici, 1857. Image source. Wikipedia.it

La pittura della Scuola di Barbizon

Il principio fondamentale che ruota intorno allo stile delle opere della Scuola di Barbizon è quello di uscire dall’atelier per dipingere immersi nella natura, per cogliere i cambiamenti della luce e le sfumature del paesaggio così come si presentano nel momento preciso in cui si dipinge. Tuttavia le opere non venivano realizzate completamente all’aperto (che è invece il principio fondamentale dell’impressionismo) ma concluse nello studio dell’artista.
Le opere della Scuola di Barbizon non sono quindi completamente realistiche perché, pur desiderando riprodurre la realtà, rappresentano il paesaggio come l’animo dell’artista lo percepiva in quel momento.

Lo stile e la tecnica della Scuola di Barbizon derivava dalle esperienze dei pittori fiamminghi e olandesi del Seicento e soprattutto dalle opere di John Constable.
Il modo con cui gli artisti della Scuola di Barbizon stendevano il colore per piccoli tocchi sarà fondamentale per le origini dell’Impressionismo, che proprio da questo movimento muove i primi passi.

Gli artisti della Scuola di Barbizon

Tra gli artisti che entrano a fare parte del movimento c’è Charles-François Daubigny, che più di altri pratica la pittura “en plein air”, che sarà un elemento fondamentale degli Impressionisti, navigando sulla Senna a bordo di un battello trasformato in casa galleggiante.
Claude Monet e Renoir saranno profondamente influenzati dalla sua pittura.

Gli altri artisti del gruppo sono: Jean-François Millet, che per primo introduce i personaggi umili nei paesaggi, Jean-Baptiste Camille Corot, autore di opere in cui la luce un elemento importantissimo, Jules Dupré, Hippolyte Camille Delpy, Constant Troyon e molti altri.

Constant Troyon | The Ford

Constant Troyon, The Ford, 1852. Image source: Wikipedia.en

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *