Come visitare il teatro La Fenice a Venezia

teatro La Fenice | Venezia

La storia della città lagunare è strettamente intrecciata con quella della musica e l’esempio perfetto di questo connubio è il Teatro La Fenice, che si trova nel Sestiere di San Marco a Venezia. Il teatro neoclassico, distrutto e ricostruito più volte durante la sua storia, è stato il palco di prime mondiali nel Settecento e nell’Ottocento e ancora oggi è uno dei templi della musica lirica, con più di cento spettacoli in programmazione ogni anno. Visitarlo è un’esperienza unica e permette di scoprire un altro lato di Venezia, città conosciuta in tutto il mondo per gli esempi di arte gotica e bizantina, come la Basilica di San Marco e Palazzo Ducale con il suo Ponte dei Sospiri, ma anche per la musica.

Teatro La Fenice: perché visitarlo?

I biglietti per il Teatro La Fenice danno accesso a un vero e proprio luogo di culto per gli amanti della musica e dell’opera lirica. Voluto dalla Nobile Società dei Palchettisti in seguito alla loro estromissione dal Teatro San Benedetto, è stato inaugurato nel 1792 e nel corso del XIX e XX secolo ha ospitato prime mondiali di opere di Rossini, Verdi, Stravinskij, Prokof’ev.

L’accesso prioritario permette di saltare la coda e comprende un’audioguida che vi farà scoprire la storia del teatro. All’interno vi si trova anche una mostra sugli anni veneziani della soprano Maria Callas. Il foyer e il teatro dell’opera sono accessibili anche in carrozzina a rotelle, così come le Sale Apollinee, raggiungibili tramite un ascensore. Il biglietto non può essere riprogrammato ma può essere selezionata l’opzione per annullarlo entro le 23:59 del giorno precedente alla visita, che può essere prenotata tutti i giorni dalle 9:30 alle 18.

Con i biglietti per il Teatro La Fenice potrete vedere le decorazioni in stucco e oro in stile neoclassico e gli spazi dove si tengono gli spettacoli, che possono ospitare più di mille spettatori, oltre a un’orchestra di 98 elementi e a un coro di 66.

Visita guidata al Teatro La Fenice

Con il biglietto per la visita guidata al Teatro La Fenice, in un’ora una guida vi accompagnerà alla scoperta di questo teatro, ancora oggi molto attivo, con più di cento esibizioni operistiche all’anno e un’attenzione particolare anche alle produzioni contemporanee. La visita è possibile anche per chi è in carrozzina a rotelle e, in caso di imprevisti, l’annullamento e la riprogrammazione sono possibili fino a 24 ore prima. Per la visita guidata al Teatro La Fenice il punto d’incontro è di fronte al teatro e la spiegazione tenuta dalla guida, disponibile in più lingue, si svolge all’interno.

Il nome stesso del teatro, nonostante risalga alla sua fondazione, può essere considerato rappresentativo della sua storia: come un’araba fenice che risorge dalle sue ceneri, è andato a fuoco più volte (nel 1836 e anche più recentemente, nel 1996), per poi essere ricostruito secondo il progetto originario di fine Settecento di Giannantonio Selva.

Combinare la visita a La Fenice con altre esperienze

Se il Teatro La Fenice è un vero e proprio gioiello della città lagunare e una tappa unica per gli appassionati di musica lirica e non solo, i luoghi di interesse imperdibili a Venezia sono molti.

È possibile acquistare un ingresso combinato per il Teatro La Fenice e il campanile di San Marco, uno dei simboli di Venezia, ad esempio. Entrambi i biglietti permettono di saltare la coda all’ingresso e comprendono un’audioguida scaricabile – per usufruirne però sarà necessario portarsi i propri auricolari.

Il campanile di San Marco è la torre più alta di Venezia, e, diversamente da molti campanili antichi, ha un ascensore, che permette anche a chi è in carrozzina a rotelle o ha una ridotta mobilità di salire fino in cima e godere del panorama, proprio lì dove Galileo Galilei fece la prima dimostrazione con il suo telescopio.

Se il Teatro La Fenice fu costruito alla fine del Settecento, il campanile risale al XVI secolo e al tempo aveva anche la funzione di faro per le imbarcazioni che arrivavano a Venezia, in virtù della sua ubicazione proprio vicino all’acqua. È aperto in estate tutti i giorni dalle 9:30 alle 20:45 e in inverno dalle 9:30 alle 18 e in fase di acquisto del biglietto può essere selezionata l’opzione con annullamento e rimborso entro le 23:59 del giorno precedente alla prenotazione.

Se l’arte contemporanea vi appassiona più di quella gotica e bizantina, è invece possibile combinare il biglietto per il Teatro La Fenice con l’ingresso alla 18a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, una delle manifestazioni artistiche più antiche e importanti al mondo.

Nata nel 1895 come Esposizione Internazionale di Arte, nel tempo si sono aggiunti vari settori, come la musica, il cinema, la danza, e, nel 1980, l’architettura. La mostra di architettura, intitolata quest’anno “The Laboratory of the Future” e curata da Lesley Lokko, si svolge fra i Giardini e l’Arsenale della Biennale, che distano dieci minuti a piedi uno dall’altro, ed è aperta dal martedì alla domenica dalle 11 alle 19, mentre il lunedì è il giorno di chiusura.

Quest’anno gli artisti partecipanti sono 89, e più della metà sono africani o nati dalla diaspora africana, coerentemente con la tematica scelta, che si concentra sulla neutralità carbonica, la decolonizzazione e la decarbonizzazione. La mostra è stata inaugurata a fine maggio e si protrarrà fino al 26 novembre; il biglietto non può essere rimborsato né riprogrammato.

Infine, se è la musica che vi entusiasma di più, è possibile acquistare il biglietto per il Teatro La Fenice e per un concerto nella Chiesa di Vivaldi. Quest’ultima, chiamata anche Chiesa della Pietà o di Santa Maria della Visitazione, prende il nome del celebre compositore perché è proprio qui che ha composto la sua musica.

Il concerto delle “Quattro stagioni” di Vivaldi viene eseguito da uno degli ensemble più prestigiosi, I Virtuosi italiani, in questo luogo suggestivo che risale al XVIII secolo. Le porte aprono circa mezz’ora prima del concerto ed è possibile entrare fino a cinque minuti prima. L’annullamento e la riprogrammazione sono possibili fino alle 23:59 del giorno precedente alla prenotazione.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *