Divina Marchesa

mostra Luisa Casati Stampa 7

29x18xbandiera 0inglese.jpg.pagespeed.ic.B4zuCIsWey Marcel Duchamp e larte degli scacchi 

Venezia. C’è una donna che è stata rappresentata molte volte da vari artisti della prima metà del Novecento non solo con dipinti, ma anche attraverso la fotografia, la scultura e che è stata fonte d’ispirazione per alcuni personaggi letterari. Lei è Luisa Casati Stampa.
Una donna affascinante, eccentrica e stravagante, amante dell’arte e che fu capace di trasformare se stessa in un capolavoro e in una leggenda vivente.
Alla “Divina Marchesa”, come la definì d’Annunzio, Palazzo Fortuny a Venezia dedica la prima mostra, che conduce alla scoperta di una donna incredibilmente moderna.

Marchesa Casati

E’ impossibile non aver ancora incontrato Luisa Casati Stampa!
La troviamo nei dipinti di Carrà, nei ritratti di Giacomo Balla e di Giovanni Boldini, nelle sculture di Boccioni, nelle fotografie surreali di Man Ray, nei diari di guerra di Marinetti, nelle memorie di Depero, fu una musa per i futuristi e le avanguardie, ispirò personaggi letterari come la Isabella Inghirami, personaggio del romanzo di D’Annunzio “Forse che sì forse che no”.
Praticamente tutti quelli che l’hanno conosciuta non hanno potuto sottrarsi al suo fascino e chi ha potuto le ha dedicato un piccolo capolavoro.
Anche io sono rimasta stregata dalla sua personalità che affiora in ogni oggetto di questa mostra, dove tutto parla di lei!

La mostra non segue un percorso cronologico o tematico, ma si snoda negli ambienti della casa di Mariano Fortuny (avevo incontrato questo nome proprio qualche giorno fa all’Espace Loius Vuitton!), che la “Divina Marchesa” frequentò perché legata a questo artista e stilista da profonda amicizia e che era in grado di vestire i suoi sogni.
Qui ora sono riunti oltre un centinaio di dipinti, sculture, gioielli, abiti, fotografie provenienti da musei e collezioni internazionali, insieme ai tributi dedicati da artisti e stilisti contemporanei come Francesco Vezzoli, Marco Agostinelli, John Galliano per Dior e Karl Lagerfeld per Chanel.
Impossibile spiegarvi con le sole immagini di questo post una mostra su una personalità tanto vulcanica!
Pubblicherò dell’altro nelle prossime settimane 😉

Luisa Casati sosteneva gli artisti, ne collezionava le opere, dialogava con loro costantemente instaurando rapporti d’amicizia intensi e li amò profondamente (fu amante di D’Annunzio!), animava le loro notti con lussuosissime feste e trasformava le loro passioni in visioni attraverso performance teatrali incredibili.
Lei stessa voleva essere un’opera d’arte, con il suo volto, il suo corpo e le sue invenzioni.
La mostra è un percorso caleidoscopico, dove emergono luoghi, personaggi ed emozioni di una vita vissuta intensamente e sempre sopra le righe.
L’immagine che ne viene fuori è quella di una donna libera ed emancipata, che utilizza il titolo nobiliare e le ricchezze di famiglia per viaggiare e conquistare i salotti migliori dell’alta società, riuscendo a dare forma ad un epoca irripetibile, dove arte e vita potevano diventare tutt’uno. Contemporaneamente, però, è diventata lei stessa opera d’arte, capace di oltrepassare i confini del tempo e in grado di ispirare ancor oggi l’alta moda, l’arte e la grafica contemporanea.
Luisa Casati passa dalla Belle Époque (ricordate le donne di Corcos e la moderna femminilità?) a una stagione assolutamente folle, lasciando un segno indelebile nelle cronache e nella produzione artistica di quel tempo, arrivando fino a noi!
Non potete non andare a vedere questa mostra e conoscere questa donna straordinaria.
Aspetto i vostri commenti 🙂

Boccioni Luisa Casati Stampa Mostre Fortuny Mostre Fortuny 4 mostre Fortuny 2

Mostre Fortuny  9 Mostre Fortuny  8 Mostre Fortuny  7 Mostre Fortuny  6 mostra Luisa Casati Stampa

mostra Luisa Casati Stampa 6 mostra Luisa Casati Stampa 4 mostra Luisa Casati Stampa 3 mostra Luisa Casati Stampa 2 Luisa Casati Stampa Luisa Casati Stampa 5 Luisa Casati Stampa 4 Luisa Casati Stampa 3

Luisa Casati Stampa 2 Cartier Luisa Casati Stampa

INFO
“La Divina Marchesa. Arte e vita di Luisa Casati dalla Belle Époque agli anni folli”.
Dal 4 ottobre 2014 all’8 marzo 2015.
Palazzo Fortuny, San Marco, 3958 – Venezia

LINK
http://www.mostracasati.it/

http://fortuny.visitmuve.it/

 

 

 

Condividi su

4 thoughts on “Divina Marchesa

    • Nel 2014 è stato pubblicato il libro “Memorie di un’opera d’arte. La marchesa Casati”, scritto da Luca Scarlini per le edizioni Skira.
      Prima ancora era uscito “La Casati: La musa egoista” di Vanna Vinci e una prefazione di Natalia Aspesi (Lo trovi anche su per Kindle).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *