PIERO DELLA FRANCESCA. Indagine su un mito

Sorry, this entry is only available in Italian.

Related Post

Condividi su

6 thoughts on “PIERO DELLA FRANCESCA. Indagine su un mito

  1. Sembra molto interessante! Il polittico della misericordia viene esposto intero? Incredibile che quest’opera lasci Sansepolcro.
    Senz’altro una mostra da visitare, visto anche l’anniversario della nascita di Piero della Francesca.

    • Elisabetta, pare di sì anche se in realtà nessun comunicato dichiara in modo esplicito che il Polittico sarà in mostra.
      Tutte le comunicazioni, che anticipano questa mostra straordinaria, affermano che il percorso espositivo partirà da un confronto tra la Madonna della Misericordia e il ritratto di Silvana Cenni di Felice Casorati. Un accostamento che dà conto degli scritti di Bernard Berenson e Roberto Longhi che nel Novecento hanno dato vita al mito moderno di Piero.
      Non vedo l’ora di partecipare all’inaugurazione per raccontarvi quali capolavori di Piero della Francesca ci saranno 😉

  2. Sono un pizzico spaventata dalla vastità della mostra (200 opere? Avranno previsto un biglietto con possibilità tornare almeno una seconda volta?) e mi chiedo quali opere degli altri pittori citati saranno in mostra, perché anche solo in termini assicurativi le spese saranno esorbitanti se arrivano i pezzi forte di Mantegna, Antonello da Messina e C.
    Ergo, raccontaci tutto appena vai all’inaugurazione, ok?

  3. Anche la mostra sul Liberty di due anni fa era vastissimae ben curata, su due piani, e oltre alla mostra si poteva visitare la collezione permanente del museo…
    Forse nell 200 opere sono compresi anche schizzi, disegni e magari non le opere maggiori dei vari Mantegna, Antonello da Messina ecc.
    Oggi leggevo sul sito dell’Ansa la presentazione della mostra e davano per certa la presenza della pala! incredibile.

    • Credo che la mostra sarà proprio incredibile e ho molte aspettative!
      Sicuramente ci saranno opere che permetteranno un confronto tra Piero della Francesca e altri autori, ma ci sarà anche uno sguardo all’eredità che questo artista ha lasciato alle generazioni successive.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *