Frida Kahlo vita e frasi celebri: 5 cose da sapere

Frida Kahlo | ritratto

FRIDA KAHLO VITA E FRASI: 5 COSE DA SAPERE

Frida Kahlo vita e frasi celebri di un’artista unica.
Tutti conosciamo Frida e le sue opere ma chi era veramente? Una donna sfortunata, l’artista messicana più famosa al mondo, la rivoluzionaria, la moglie di Diego Rivera?

La sua vita è stata breve, intensa e dolorosa, e in questo post ve la racconto in cinque punti e cinque frasi celebri.

Frida Kahlo vita e frasi celebri

Frida Kahlo | foto

1. QUANDO E’ NATA FRIDA KAHLO

Frida Kahlo è nata il 6 luglio 1907 a Coyoacan, Città del Messico, ma amava raccontare di essere venuta alla luce tre anni dopo, nel 1919, nell’anno della rivoluzione messicana.
Il padre padre di Frida era nato in Germania ed era di origini ebraiche e ungheresi, mentre la madre era messicana.
La sua vita è stata segnata dalla sofferenza fisica sin dall’inizio.
La poliomielite, o forse la spina bifida, le lasciò una gamba più sottile dell’altra e all’età di diciotto anni l’autobus su cui viaggiava si scontrò con un tram. Frida non morì ma fu segnata per il resto della sua vita dalle conseguenze di questo grave incidente.
Ha subito ben 35 operazioni nel corso della sua vita a seguito di quell’incidente!

“Sono nata con una rivoluzione. Diciamolo. È in quel fuoco che sono nata, pronta all’impeto della rivolta fino al momento di vedere il giorno. Il giorno era cocente. Mi ha infiammato per il resto della mia vita.
Da bambina, crepitavo. Da adulta, ero una fiamma”

2. FRIDA KAHLO VITA E AUTORITRATTI

Dopo l’incidente Frida dovette stare immobile a letto per molto tempo e fu per questo che iniziò a dipingere.
I suoi genitori le procurarono colori, pennelli, tele e un cavalletto speciale per permetterle di dipingere stando stesa a letto. Attraverso uno specchio poteva osservare il suo volto e per questo il soggetto delle sue opere è sempre stato il suo viso, il suo corpo.
Frida Kahlo ha realizzato in totale 143 dipinti tra cui 55 autoritratti, nei quali descrive le sue di ferite fisiche e psicologiche.

“Dipingo autoritratti perché sono la persona che conosco meglio”.

Frida Kahlo | Diego Rivera

3. FRIDA KAHLO E DIEGO RIVERA

Quando Frida Kahlo incontra il famoso artista messicano Diego Rivera la sua vita cambia. Rivera era un artista, imponente perchè alto e grasso, con una personalità straboccante e soprattutto amante delle donne.
Diego rimane colpito dalle opere di Frida e tra i due scocca la classica scintilla. Tra alti e bassi, litigi e incontri appassionati, separazioni e matrimoni, Frida e Diego non si lasceranno mai più.
Si sposano nel 1929 e se da un lato creano opere d’arte e s’impegnano attivamente nelle lotte del partito comunista, dall’altro si ameranno e tradiranno allo stesso tempo.

“Ho subito due gravi incidenti nella mia vita… il primo è stato quando un tram mi ha travolto e il secondo è stato Diego Rivera”.

Durante i primi anni di matrimonio, Frida seguì Diego ovunque e vissero per qualche anno negli Stati Uniti.
Quando a Rivera venne chiesto di realizzare un murale presso il Rockefeller Center di New York le polemiche furono enormi, soprattutto quando Diego inserì il ritratto del leader comunista Vladimir Lenin nell’opera.
L’opera venne bloccata e la coppia tornò in Messico.

4. FRIDA KAHLO, IL DOLORE E L’ARTE

Gli anni americani furono molto difficili per Frida soprattutto perchè non riuscì a portare a termine alcune gravidanze e per lei era ormai chiaro che non avrebbe mai potuto avere figli.
Tuttavia, il suo più grande dolore fu scoprire che Diego Rivera la stava tradendo per l’ennesima volta, ma con la sorella di Frida. Questo provocò la separazione tra i due.

“Ho provato ad affogare i miei dolori, ma hanno imparato a nuotare”.

5. L’ULTIMA OPERA DI FRIDA KAHLO

Frida e Diego divorziarono 1939, ma non rimasero lontani per molto. Nel 1940 si risposarono e la coppia, pur vivendo nella stessa casa da separati, non si lasciarono più.
La casa in cui vivevano era Casa Azul (Casa Blu) a Coyoacán, un quartiere di Città del Messico, dove Frida era nata e cresciuta ma dove è possibile ancora oggi percepire la sua presenza.
Casa Azul è colorata, surreale ed eccentrica come i dipinti di Frida. Entrare in questa casa è come entrare nel mondo di Frida Kahlo, fatto di voglia di vivere.

Frida morì nel 1954, a soli 47 anni, e otto giorni prima mise la firma su un quadro: “Viva la Vida – Coyoacán 1954 Mexico”.
Una frase che suona come un incitamento, una sorta di dichiarazione, un inno alla vita che Frida ha vissuto fino in fondo.
Il dipinto rappresenta una natura morta con angurie intere, tagliate a metà e a fette, con un interno rosso vivo.
Questo dipinto è una sorta di testamento di Frida, che va osservato tenendo bene in mente le ultime frasi contenute nel suo diario:

“Spero che la fine sia gioiosa e spero di non tornare mai più”.

Frida Kahlo | dipinto

Viva la Vida | Frida Kahlo

LEGGI ANCHE – La storia d’amore tra Frida Kahlo e Diego Rivera.

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *