Guggenheim Venezia opere: i capolavori da vedere assolutamente

guggenheim venezia

GUGGENHEIM VENEZIA OPERE: I CAPOLAVORI DA VEDERE ASSOLUTAMENTE

Guggenheim Venezia opere da vedere assolutamente per evitare di perdersi i capolavori più importanti.
Non è facile fare una selezione delle opere imperdibili della Collezione Guggenheim Venezia, poiché non si tratta solo del museo che custodisce la più completa collezione di opere del primo Novecento ma è anche la casa di una collezionista visionaria e che ha dedicato la sua vita all’arte.

In questo post, invece, trovi gli imperdibili della Collezione Guggenheim Venezia.

Guggenheim Venezia opere

GUGGENHEIM VENEZIA OPERE DA VEDERE

Prima di visitare il Guggenheim di Venezia è necessario che tu sappia che non è sempre necessario prenotare ma, in alcuni periodi dell’anno, potresti dover fare una lunga fila all’ingresso per entrare.
Quindi ti consiglio di prenotare i biglietti ma soprattutto di perdere in considerazione l’idea di vistare il museo con una guida.
Infatti, si tratta di un museo collocato in quella che fu la casa della collezionista Peggy Guggenheim, che scelse questo Palazzo sul Grande per viverci e per esporre la sua collezione di capolavori. Ogni stanza e ogni opera, quindi, ha una storia da raccontare sul suo artista e sulla sua collezionista.
L’unico modo per conoscere gli aneddoti più interessanti è visitare il museo con una guida. Per prenotare leggi il post Biglietti Guggenheim Venezia: come prenotare e visitare il museo dove trovi i link utili e le possibilità.

Ecco le opere che devi vedere assolutamente !

MONDRIAN – COMPOSIZIONE N 1 (1938-1939)

Le opere di Mondrian sono composizioni geometriche perfette, una rappresentazione ordinata del mondo.
L’artista, infatti, rappresenta ciò che vede con una serie di linee orizzontali e verticali che formano spazi riempiti con i colori primari.
Le opere di Mondrian, come “Composizione N. 1”, sono una visione del mondo basata sulla precisione assoluta e un tentativo di dare ordine al caos.

Mondrian | Composition n. 1

Mondrian, Composition N. 1

MAX ERNST – LA VESTIZIONE ELLA SPOSA (1939-1940)

La collezione Peggy Guggenheim di Venezia custodisce molte opere di Max Ernst, il pittore surrealista che fu marito di Peggy.
“La vestizione della sposa” è probabilmente la più bella e ricca di simboli che fanno riferimento al rapporto che l’artista e la collezionista avevano.
L’opera rappresenta una sposa con il volto di un gufo, animale capace di vedere al buio e che allude al fatto che la donna con il matrimonio potrà accedere a un livello superiore e conoscere l’amore carnale.
I simboli e i significati, tuttavia, sono molteplici e complessi da decifrare. D’altronde l’arte di Max Ernst si fonda sull’inconscio e sulle percezioni personali che dell’artista, diverse da chi osserva.

Max Ernst | la vestizione della sposa

Max Ernst, La vestizione della sposa, 1940-1941

POLLOCK – ALCHIMIA (1947)

Alchimia è una delle opere più importanti realizzate da Jackson Pollock, poiché rappresenta la rottura definitiva con la pittura tradizionale e con il disegno.
Con quest’opera Pollock inizia a dipingere con la tecnica del dripping, ovvero dello sgocciolamento del colore direttamente sulla tela, trasformando l’atto del dipingere in una forma d’arte e dando alla composizione una struttura propria.
Il colore e anche altri materiali entrano nella tela come se fossero attirati da una forza che fa diventare il caos arte.

L’opera è stata restaurata nel 2015 e il progetto di restauro è stato il primo in Italia su un’opera d’arte del Novecento con una superficie pittorica così complessa.
Per saperne di più su questo restauro ti consiglio di leggere il post L’ Alchimia di Jackson Pollock che ho scritto quando ho partecipato alla presentazione all’opera dopo il restauro.

pollock | alchimia

Pollock, Alchimia

MAGRITTE – L’IMPERO DELLA LUCE (1954)

Questa è, secondo la mia modesta opinione, l’opera più bella della Collezione Peggy Guggenheim.
Una rappresentazione della realtà che ci permette di osservare con occhi nuovi un paesaggio ordinario.
Non si può mai dare nulla per scontato nelle opere di Magritte e qui sono presenti sia il giorno che la notte, facendosi apparire il paesaggio come assurdo, misterioso e armonioso nello stesso tempo.
Quante storie si possono inventare e immaginare osservando questo dipinto!

Magritte | impero della luce

René Magritte, L’impero della luce, 1953-1954

Se non conosci la storia di Peggy Guggenheim leggi il post Peggy Guggenheim Art Addict, che ho scritto quando è uscito il documento-film dedicato alla sua vita.

Condividi su

One thought on “Guggenheim Venezia opere: i capolavori da vedere assolutamente

  1. Oltre alle meraviglie storiche che vi sono a Venezia, il Guggenheim è proprio da visitare per vedere opere d’arte contemporanee, avendo così la possibilità di vedere quadri di artisti conosciuti in tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *