Gustave Caillebotte e i piallatori di parquet

Gustave Caillebotte | i piallatori di parquet

GUSTAVE CAILLEBOTTE E I PIALLATORI DI PARQUET

Gustave Caillebotte e i piallatori di parquet sono l’esempio più importante di quanto siano ignorati dal grande pubblico artisti e capolavori, che invece sono più significativi di quanto sembra.
Gustave Caillebotte è l’impressionista che più fu sopraffatto dalla figura di Claude Monet e per questo considerato quasi un dilettante della pittura.
Eppure è proprio grazie a Gustave e a suo fratello se molte tele dei pittori impressionisti sono tanto famose oggi e hanno trovato posto nelle collezioni statali di Francia. I due fratelli Caillebotte, ricchi borghesi, comprarono molte opere per aiutare il movimento quando nessun altro le voleva.

Gustave Caillebotte e i piallatori di parquet

Caillebotte | piallatori di parquet

Gustave Caillebotte, i piallatori di parquet al Museè d’Orsay.

Nel 1875 Caillebotte realizza I piallatori di parquet, un’opera che è un manifesto del proletariato urbano e aggiunge all’Impressionismo la tematica sul lavoro manuale.
Dentro una stanza tre operai vengono rappresentati nel pieno del loro lavoro quotidiano.

Caillebotte amava concentrarsi sulla città e in particolare su quello che accadeva all’interno delle stanze e delle case.
Apre dunque una porta sull’umanità che vive negli edifici di Parigi, mentre i suoi colleghi artisti preferivano immergersi nella natura, dipingendo i paesaggio e i giardini francesi.

LEGGI ANCHE – La scuola di Barbizon: alle origini dell’Impressionismo

Il racconto della quotidianità parigina di Caillebotte è priva di critica sociale o di una morale. Gli operai della città, che erano stati fino ad allora ignorati dall’arte, diventano i protagonisti di un dipinto, come era stato qualche tempo prima per i contadini e gli umili lavoratori delle campagne.
Lo sguardo di Caillebotte è una lente d’ingrandimento sulla realtà: il ricciolo del legno, gli strumenti di lavoro poggiati sul pavimento, la bottiglia di vino, non c’è un particolare sfugge al suo occhio attento.

IL REALISMO DI GUSTAVE CAILLEBOTTE E I PIALLATORI DI PARQUET

Gustave Caillebotte e i piallatori di parquet sono l’esempio di un nuovo modo di osservare il mondo, documentando la realtà come un fotografo e riproducendo fedelmente ciò che accade nella vita reale.
L’artista utilizza una visione dall’alto che gli permette di tener fede alla prospettiva, con le assi del parquet che fuggono verso il fondo, in cui lo spazio si amplia.
Nonostante la poca fama, Gustave Caillebotte è stato invece un pittore moderno che ha saputo cogliere l’importanza della fotografia, che stava spopolando a Parigi dal 1850, ispirandosi alle inquadrature, ai punti di vista e al taglio fotografico per le sue pitture.

Gustave Caillebotte e i piallatori di parquet ci indicano un’impressionismo diverso, che poteva raccontare con precisione la Parigi di metà Ottocento, l’uomo moderno ed il progresso.

Gustave Caillebotte | piallatori di parquet

Esiste anche una seconda versione de I piallatori di parquet (1876)

LEGGI ANCHE – Federico Zandomeneghi: l’impressionismo di un Italiano

Related Post

Condividi su

Un pensiero su “Gustave Caillebotte e i piallatori di parquet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *