Il Pensatore di Rodin: dove si trova e chi è l’uomo rappresentato

il Pensatore di Rodin

IL PENSATORE DI RODIN: CHI E’ E DOVE SI TROVA

Il Pensatore di Rodin fu esposto per la prima volta nel 1886 con il titolo “Il Poeta” e solo a partire dal 1889 viene indicato come “Il Pensatore“.
Si tratta di una delle opere più celebri dello scultore Auguste Rodin e dopo aver scritto il post il Bacio di Rodin: cosa rappresenta e dove vederlo non potevo non dedicare uno spazio speciale a questo grande capolavoro.

Il Pensatore di Rodin: chi è il soggetto rappresentato e dove vederlo

Museo Rodin | il Pensatore

Il Pensatore di Rodin fu concepito inizialmente come una parte della grande composizione per la “Porta dell’Inferno”, il portale in bronzo che Rodin doveva realizzare per il “Musée des arts décoratifs”.
Per lo stesso portale Rodin aveva anche ideato il gruppo scultoreo che poi diventò un’altra sua famosissima opera. Ne ho parlato nel post Il Bacio di Rodin: cosa rappresenta e dove vederlo.

CHI E’ IL PENSATORE DI RODIN

La “Porta dell’Inferno” era un’opera monumentale, mai portata a termine, ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri.
Questa scultura, inizialmente intitolata “Il Poeta”, doveva collocarsi proprio davanti alla porta per rappresentare Dante Alighieri nel momento di massima riflessione sul grande viaggio e sulla sua opera letteraria.
Il pensatore Rodin è quindi, semplicemente, la rappresentazione di Dante Alighieri, ma ben presto ogni riferimento con l’idea originale si perde e la scultura diventa il simbolo dell’artista e del suo tormento durante il processo creativo.

DOVE SI TROVA IL PENSATORE DI RODIN

Il Pensatore di Rodin si ispira allo stile maturo di Michelangelo, quel modo particolare di scolpire detto “non finito” e che si osserva negli ultimi capolavori del grande maestro del Rinascimento.

LEGGI ANCHE – Pietà Rondanini: l’ultima opera di Michelangelo

Questa immagine di un uomo assorto nei suoi pensieri, con un corpo forte e che suggerisce una grande capacità di azione, nell’ingrandimento realizzato nel 1904 (in gesso e in bronzo) diventa la rappresentazione di molti altri significati che contribuirono a rendere l’opera famosissima.
Osservando il Pensatore di Rodin si ha l’impressione di guardare un’artista nel momento della creazione, oppure si può immaginare di osservare l’uomo moderno mentre riflette sulla sua vita.

 

Auguste Rodin | il Pensatore

Una foto che ritrae Rodin mentre osserva il Pensatore. Foto realizzata da Edward Steichen

Una sottoscrizione pubblica permise la collocazione, nel 1906, del Pensatore di Rodin nella piazza del Pantheon di Parigi (si tratta dell’opera che ora si trova presso il Musee Rodin).
Esistono però molte versioni del Pensatore in tutto il mondo e in totale sono circa una ventina i musei che lo espongono.
In Italia, ad esempio, potete vedere il Pensatore presso la Galleria d’arte moderna di Ca’ Pesaro a Venezia.
E voi dove avete ammirato quest’opera?
Siete riusciti a trovarvi almeno una volta davanti a questo imponente pensatore?

Auguste Rodin volle una versione del Pensatore anche sulla sua tomba a Meudon, desiderava infatti che la sua opera più famosa diventasse la sua la sua lapide e il suo epitaffio.

LEGGI ANCHE – Rodin e Camille Claudel: una storia d’amore e d’arte

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *