Mauritshuis opere: i capolavori da vedere

Mauritshuis

MAURITSHUIS OPERE: GLI IMPERDIBILI CAPOLAVORI DA VEDERE

Mauritshuis opere e capolavori imperdibili di un museo olandese famoso per la sua collezione di dipinti, che comprende i capolavori dell’arte del Secolo d’Oro Olandese tra cui le opere di Joannes Vermeer, Rembrandt van Rijn e Carel Fabritius.
Questo post è la prima tappa di un viaggio ad occhi aperti per scoprire l’arte, i musei e i capolavori dell’Olanda.

Ogni venerdì, a partire da oggi, per sei settimane dedicherò un approfondimento all’arte olandese.
Sei pronto per farti ispirare dalle meraviglie dell’arte olandese? Avanti allora, si parte!

Mauritshuis opere: i capolavori da vedere

Mauritshuis opere Se dovessimo tradurre letteralmente, “Mauritshuis” sarebbe “la casa di Maurizio”. L’edificio in cui si trova il museo, infatti, fu costruito nel Seicento ed era la dimora del collezionista John Maurice di Nassau-Siegen che, dopo vari passaggi di proprietà e alterne vicende, nell’Ottocento è diventato un museo.

Tra il 2012 ed il 2014, la sede della Mauritshuis è stata rinnovata ed ampliata. Si tratta di una tappa obbligata per un viaggio d’arte in Olanda perchè custodisce alcune delle opere più famose dell’arte olandese.

Nel canale YouTube di The Art post Blog pubblico un video a settimana su musei, capolavori e città d’arte. Dai un’occhiata a tutti i video caricati e iscriviti al canale.

MAURITSHUIS OPERE: I CAPOLAVORI DA VEDERE

Ragazza con Turbante di Vermeer

Vermeer | Ragazza con l'orecchino di perla

La Ragazza con l’orecchino di perla, Vermeer

La Ragazza con Turbante, nota anche come la Ragazza con l’orecchino di perla, è considerata la Gioconda olandese. La ragazza sembra si stia voltando delicatamente per rispondere a una chiamata e guarda negli occhi di chi osserva. Il dipinto è incredibilmente realistico e i riflessi, soprattutto sull’orecchino di perla, donano alla composizione una luce intensa.
Sembra quasi di percepire la presenza di una finestra da cui filtra la luce che illumina il volto di questa ragazza.

Nel 1665, anno in cui probabilmente l’opera fu realizzata, Vermeer dipinse tre opere simili a questa e chiamati “tronien”.
Si tratta di un genere diffuso nel Seicento, in Olanda, e che prevedeva la realizzazione di ritratti in cui il soggetto era rappresentato con un costume storico, biblico o mitologico. Forse Vermeer con questo dipinto voleva rappresentare una sibilla o una musa.

Lezione di anatomia del dottor Nicolaes Tulp di Rembrandt

Rembrandt | lezione anatomia

La lezione di anatomia di Rembrandt

Considerata una delle più belle opere di Rembrandt, la lezione dei anatomia del dottor Tulp fu dipinta per volere della Gilda dei Medici di Amsterdam e descrive il professor Nicolaes Tulp mentre seziona un corpo. Il dipinto è una carrellata di ritratti di personaggi reali e il libro che tiene in mano un assistente (che guarda noi che osserviamo la scena) contiene i nomi dei presenti.

Rembrandt era famoso per i suoi ritratti perfetti ma anche per la sua capacità di esprimere i sentimenti più vari. Anche in quest’opera l’artista riesce ad assegnare ad ogni personaggio un’emozione.

Il cardellino di Fabritius

Carel Fabritius | cardellino

Il cardellino di Carel Fabritius

Carel Fabritius è stato allievo di Rembrandt e ha realizzato un vero capolavoro su una piccola tavoletta conservata alla Mauritshuis. Si pensa che l’opera fosse destinata ad essere esposta in alto e che dovesse essere il trompe-l’oeil di un vero uccellino, come quelli che spesso si potevano vedere nelle case olandesi e che divertivano i loro proprietari.

Se vuoi osservare da vicino l’opera e dare un’occhiata ai dettagli ti consiglio di collegarti alla pagina di approfondimento del Cardellino sul sito della Mauritshuis, che permette di scoprire la storia e i segreti dell’opera.
Un modo innovativo e intelligente di presentare un’opera anche ai visitatori virtuali.

Veduta di Delft di Vermeer

Vermeer | Veduta di Delft

Veduta di Delft di Vermeer

La Veduta di Delft è una rarità nella produzione di opere di Vermeer.
L’artista, infatti, è considerato un pittore di interni e, in particolare, di ambienti privati e in cui si percepisce un’atmosfera intima.
Le stanze che Vermeer ha dipinto sono quelle delle famiglie borghesi di Delft e raramente l’artista volge la sua attenzione al mondo esterno.

Questo dipinto è uno sguardo sulla zona del porto di Delft, come si presentava agli occhi di Vermeer nel 1660 e l’artista è stato minuzioso nei dettagli, esattamente come lo era per la descrizione delle case olandesi.
Gli studiosi ipotizzano che Vermeer usasse la camera ottica e quindi è plausibile che abbia disegnato prima il paesaggio ma poi abbia completato e dipinto l’opera nel suo studio, esattamente come dipingeva Canaletto.

MAURITSHUIS OPERE: LA VISITA

Per pianificare la visita alla Mauritshuis puoi collegarti alla pagina ufficiale del museo e controllare tutte le informazioni: orari, mostre, biglietti.
Tuttavia, puoi visitare il museo anche da casa e scoprire la collezione d’arte grazie a una visita virtuale!

Condividi su

6 thoughts on “Mauritshuis opere: i capolavori da vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *