Musei di San Domenico a Forlì

musei san domenico | Forlì

Musei di San Domenico a Forlì. La città di Forlì non è un luogo di passaggio e per vederla ci devi andare se hai un motivo e io ci vado sempre per vedere le mostre allestite presso i Musei di San Domenico.

Il complesso museale si trova nel cuore della città ed è il risultato del recupero del Complesso Monumentale di San Domenico: Chiesa di San Giacomo e due chiostri.

Musei Forlì

La chiesa originaria risale al XIII sec., ma nel corso dei secoli è stata ampliata sino ad assumere, nel 1704, la forma attuale.
L’edificio nel periodo napoleonico diventa un luogo ad uso militare fino a che lo Stato italiano lo fa rientrare nelle sue proprietà nel 1866-67. Da quel momento inizia un degrado che termina negli anni Settanta del Novecento.

In questo luogo ora si conserva la collezione della Pinacoteca civica con i capolavori di Guido Cagnacci, Guercino, Beato Angelico e molti altri, ma il pezzo forte è l’Ebe di Antonio Canova, commissionata nel 1816 dalla contessa Veronica Zauli Naldi Guarini per collocarla presso Palazzo Torelli Guarini a Forlì.
La scultura fu venduta dagli eredi della contessa al comune.

Canova aveva già riprodotto in altri tre esemplari l’Ebe e quella di Forlì fu dotata di un meccanismo che ne permetteva la rotazione per poterla ammirare da ogni lato.

LEGGI ANCHE: Tutte le mostre che ho visto a Forlì, partendo dall’esposizione spettacolare dedicata a Giovanni Boldini, fino alla mostra di ricerca sul mito di Piero della Francesca.

Antonio Canova | Forlì musei san domenico

Ebe | Canova

LEGGI ANCHE: Dove mangiare, cosa fare, dove dormire a Forlì.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *