Portable Classic in Fondazione Prada

Fondazione Prada 10

Ormai per me è diventata una tradizione partecipare ogni anno alla preview della nuova mostra che la Fondazione Prada propone nella sua sede veneziana di Ca’Corner della Regina e che coincide con le giornate di Vernice della Biennale Arte o Architettura. Quest’anno, però, l’evento targato Prada si è celebrato contemporaneamente all’apertura della nuova sede della Fondazione a Milano, proponendo due mostre che uniscono idealmente Venezia e Milano e affrontano il tema dell’arte classica come seriale e portatile.

“Due mostre gemelle, un solo discorso: sugli usi e riusi dell’arte classica, ma anche sulla sua natura, le sue funzioni e il suo destino” – Salvatore Settis (dal saggio del catalogo “Serial / Portable Classic).

 

Fondazione Prada Venezia

La mostra non è grandissima ed è veramente piacevole da visitare. Suddivisa in 9 sezioni, che guardano alla straordinaria fortuna dell’arte classica a partire dal Quattrocento grazie alla diffusione di copie che diventano importanti tanto quanto l’originale.
Se a Milano la mostra “Serial Classic” è dedicata alla scultura classica e al rapporto tra imitazione e originale nella cultura romana e indaga il tema della diffusione di ripetute copie dei capolavori dell’arte greca (per un approfondimento su questa mostra e sulla Fond. Prada a Milano leggete l’articolo di Revolart), a Venezia la mostra “Portable Classic” esplora le origini e le funzioni delle riproduzioni in miniatura di sculture classiche.

Sia nell’antica Roma che nell’Europa del Rinascimento si vengono a formare dei modelli di sculture, che vengono considerate come la rappresentazione migliore di un determinato soggetto e che raggiungono una tale fama da essere replicate e riprodotte in varie dimensioni e materiali per un pubblico colto.
L’esempio di questa tendenza è l’Ercole Farnese, che viene proposto in mostra attraverso un enorme calco in gesso (317 com di altezza!) accanto ad una serie di riproduzioni realizzate con vari materiali.
Tutta l’esposizione si concentra su alcuni capolavori di piccole dimensioni che riproducono capolavori dell’arte classica e che erano riservate ad un pubblico colto e facevano parte delle collezioni più raffinate.
Una sezione importante della mostra è dedicata proprio ad alcuni importanti collezionisti del Cinquecento e si possono ammirare le tele di Lorenzo Lotto, Tintoretto e Bernardo Licitino che ritraggono questi uomini assieme alle loro raccolte.

“Portable Classic” sarà protagonista della prossima guida speciale gratuita e riservata agli iscritti alla Newsletter, quindi se siete curiosi di conoscere ogni sala della mostra e il percorso espositivo basterà aspettare di ricevere la mail con la guida da leggere, stampare e conservare. (Per riceverla basta cliccare QUI)

Entrambe le mostre sono co-curate da Salvatore Settis, che rappresenta una garanzia se si cerca una mostra di qualità, insieme ad Anna Anguissola per l’esposizione di Milano e Davide Gasparotto per Venezia.
Queste proposte in realtà costituiscono la prosecuzione di un percorso che la Fondazione Prada ha avviato vent’anni fa e che ha fatto della cultura il perno centrale delle sue attività. Ora, però, con una sede a Milano e una a Venezia le future attività della fondazione saranno ancor più orientate a rendere la cultura coinvolgente e utile alla nostra vita, favorendo la libera circolazione del pensiero e del sapere.
E questo a me piace da matti! E a voi piace?

Fondazione Prada 7 Fondazione Prada 1

Fondazione Prada 8 Fondazione Prada 2 Fondazione Prada 5 Fondazione Prada 9 Fondazione Prada 3

Fondazione Prada 4 Fondazione Prada 11 Fondazione Prada 6

INFO
Fondazione Prada Venezia
Ca’Corner della Regina
Santa Croce 2215 – 30135 (Venezia)

LINK
http://www.fondazioneprada.org

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *