La Sedia industriale di Margarete Klöber per Polstergleich

 

LA SEDIA INDUSTRIALE DI MARGARETE KLÖBER PER POLSTERGLEICH

La sedia industriale di Margarete Klöber non è una sedia qualsiasi.
Creata negli anni ’30, è una delle sedie più famose e richieste dagli appassionati di design.

Margarete Klöber fondò Polstergleich nel 1935, la sua fabbrica, con l’idea di portare sedie confortevoli negli uffici.

LEGGI ANCHE – La lampada Arco: storia di un’idea geniale

Margarete era una segretaria e trovava assolutamente scomodo il suo sgabello di legno e quindi ne creò uno migliore. E’ così che ha sviluppato la sua prima sedia industriale !
Le sue sedie con schienale e sedile dotate di molle simulano il comfort di una sedia imbottita, ma sono anche regolabili per adattarsi a chiunque.
Questa idea geniale era un’innovazione nel mondo del lavoro negli anni ’30 e il successo fu immediato.
La sedia industriale di Margarete Klöber è stata la prima sedia ergonomica in assoluto.

Come riconoscerle per acquistare delle vere sedie Polstergleich?
La sedia industriale di Margarete Klöber ha un sedile e uno schienale realizzati in legno di faggio laminato, i piedi in massello di faggio e il resto della struttura è in metallo.
Sotto il sedile ci sono quattro molle in acciaio e lo schienale è regolabile in altezza e profondità. Il logo Postergleich deve essere sempre presente sulla manopola in bachelite che regola l’altezza dello schienale.
Inoltre non sarebbe una vera Polstergleich se non avesse i segni del tempo e dell’usura!

LEGGI ANCHE – Lampade di design: quelle che hanno fatto storia

 

Una vera sedia per intenditori questa e un pezzo di storia del design che mi piacerebbe possedere.
A voi non piacerebbe provarla?

LEGGI ANCHE – Negozio Olivetti Venezia, un salto nel Novecento

Condividi su

2 thoughts on “La Sedia industriale di Margarete Klöber per Polstergleich

    • Ho notato anche io questa tendenza a parlare di design solo agli addetti ai lavori. A me di un oggetto, invece, interessa la storia, come è nato, in quale contesto si è sentita la necessità di creare un oggetto nuovo che fosse funzionale ma anche bello 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *