Il Novecento – L’Impero della luce di Magritte

Magritte Guggenheim 1

IL NOVECENTO
Un nuovo post in collaborazione con St-ART che ci porta alla scoperta di un capolavoro di René François Ghislain Magritte (1898-1967).
“The empire of light / L’impero della luce” (1953-1954), Collezione Peggy Guggenheim, Venezia.

Magritte Guggenheim 2

Dell’opera “Impero della luce” di Magritte esistono numerose versioni, che sono esposte in vari musei del mondo.
La versione che vi propongo si trova esposta presso la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia e quando mi trovo davanti a questo dipinto provo sempre la stessa sensazione di meraviglia e paradosso.

Magritte è famoso e affascinante proprio per le sue composizioni assurde e surreali.
Ogni suo capolavoro, e questo ne è un esempio, gioca sulla contrapposizione di elementi che provengono dal sogno e dall’inconscio per mescolarsi alla realtà.
Sembra che il suo unico obbiettivo sia far sgretolare le nostre certezze con un sorriso, ma che in pochi minuti si trasforma in un senso profondo di smarrimento.

“Impero della luce” rappresenta una strada buia che fa “a pugni” con un cielo ricco di luce e quasi primaverile.
Le domande che mi vengono in mente ogni volta che lo osservo sono: qual’è la stagione e l’ora? Che sia estate o inverno? Chi vive in quella casa?
La tecnica pittorica è semplice, poiché ciò che interessa al pittore è che lo spettatore si addentrarsi oltre il limite del razionale, utilizzando la pittura per indagare i misteri dell’universo.
Come ci suggerisce Marina di St-ART Magritte rivelava:

“In “Impero della luce” ho rappresentato due idee diverse, vale a dire un paesaggio notturno e un cielo come lo vediamo di giorno. Trovo che questa contemporaneità di giorno e notte abbia la forza di sorprendere. Chiamo questa forza poesia”.

Un’immagine surreale, che la semplicità e la banalità del panorama rende ancor più paradossale.
La forza poetica di quest’opera, come voleva Magritte, sta proprio nel saperci sorprendere, estraniandoci dalla realtà per provocare una nostra riflessione.

Oltre a questa versione del dipinto esposta a Venezia, altre sono conservate al Museum of Modern Art di New York, ai Musées Royaux des Beaux-Arts de Belgique a Bruxelles.

Magritte Guggenheim

LINK
Vai alla pagina di St-ART dedicata a quest’opera – clicca QUI.

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *