Il progetto di incontri online dell’Archivio Luigi Pericle

Luigi Pericle | archivio

IL PROGETTO DI INCONTRI ONLINE DELL’ARCHIVIO LUIGI PERICLE

Ho scoperto l’Archivio Luigi Pericle nei giorni dell’inaugurazione della 58. Biennale d’Arte di Venezia, quando si è svolta la prima mostra retrospettiva dell’artista, illustratore e intellettuale svizzero, nato a Basilea nel 1916 e morto nel 2001ad Ascona.

La mostra dedicata a Luigi Pericle mi ha permesso di scoprire un artista che ad un certo punto della sua vita scelse di scendere dalla “giostra” del mondo dell’arte, che sembra non fermarsi mai, per dedicarsi a una vita di studio e di ricerca alle pendici del Monte Verità ad Ascona (nel Canton Ticino), un luogo che ha affascinato artisti, filosofi, teosofi, pacifisti, vegetariani e intellettuali di ogni tipo sin dai primi del Novecento.
Ora l’Archivio Luigi Pericle inaugura un ciclo di incontri online per scoprire tutti gli aspetti della vita e dell’arte di questo artista.

Il progetto di incontri online dell’Archivio Luigi Pericle

Luigi Pericle | pittura

Luigi Pericle, tecnica mista su masonite

Luigi Pericle è stato un’artista visionario e dalle molte vite.
Il suo talento e la sua straordinaria cultura lo portarono ad essere protagonista del panorama artistico internazionale e una presenza costante nelle gallerie londinesi degli anni ’60 del Novecento ma, ad un certo punto, decise di dedicarsi alla ricerca di un senso più profondo della vita, scegliendo un’esistenza ritirata e lontana dai riflettori.
Nella sua casa, alle pendici nel Monte Verità, inizia un viaggio interiore e per molti aspetti misterioso, che solo il suo Archivio può svelare.

L’ARCHIVIO LUIGI PERICLE AVVIA IL PROGETTO “LUIGI PERICLE ON STAGE”

L’Archivio Luigi Pericle è il custode non solo delle opere di questo artista visionario, della sua sterminata biblioteca, dei suoi disegni, dei suoi manoscritti ma anche di tutta la sua storia artistica, che è stata caratterizzata dalla pittura ma, soprattutto agli inizi, dall’illustrazione. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che Luigi Pericle è stato il creatore della marmotta “Max”, protagonista delle storie a fumetti (senza testo) diventate famose in Europa, negli Stati Uniti e in Giappone.

Per conoscere meglio, dunque, la vita e le opere di questo artista poliedrico e per troppo tempo dimenticato, l’Archivio Luigi Pericle ha dato avvio al progetto “Luigi Pericle on stage”, una serie di incontri online, che permettono di scoprire questo artista.

La prima occasione per conoscere da vicino le opere e la vita di Luigi Pericle è stata la mostra del 2019, ospitata presso la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, mentre ora l’appuntamento per la scoperta di questo artista si sposta online e diventa accessibile a chiunque e in ogni parte del mondo.
Questo progetto conferma l’impegno dell’Archivio Luigi Pericle di Ascona nel proseguire in un percorso di valorizzazione di un patrimonio inestimabile di opere e documenti.

IL PROGRAMMA DI “LUIGI PERICLE ON STAGE”

Il programma ideato dall’Archivio Luigi Pericle inizia il 21 aprile 2020 sul sito www.luigipericle.com e sui canali social dell’archivio stesso (Facebook, Instagram, Twitter e YouTube).

Ogni martedì e venerdì verranno rese disponibili le clips d’arte che vedono protagonisti 20 professionisti tra storici, critici, curatori, giornalisti e studiosi, invitati a raccontare Luigi Pericle alla luce delle scoperte e degli studi fatti finora.
Gli incontri online hanno per protagonisti Andrea Biasca-Caroni, François Barras, Luca Bochicchio, Fabrizio Cassinelli, Angelo Lorenzo Crespi, Federico Crimi, Marco Pasi, Carla Schulz-Hoffmann, Anna de Fazio Siciliano, Chiara Gatti, Carole Haensler, Susanna Koeberle, Desirée Maida, Martina Mazzotta, Fabio Merlini, Nicoletta Mongini, Stefania Portinari, Michele Tavola, Italo Tomassoni e Piero Tomassoni.

L’ARCHIVIO LUIGI PERICLE

Se Luigi Pericle è uscito dall’oblio lo dobbiamo all’impegno di Andrea e Greta Biasca-Caroni, che nel 2016 hanno acquistato la casa dell’artista e hanno fondato l’Archivio per valorizzare e promuovere le opere e la vita di un artista decisamente atipico.
Un lavoro che non può prescindere da una catalogazione puntuale dei dipinti, dei disegni, delle chine, delle illustrazioni, dei bozzetti, della biblioteca, dei manoscritti e della corrispondenza che Luigi Pericle ha intrattenuto lungo tutta la sua vita con intellettuali, galleristi e artisti.

L’obbiettivo è l’apertura al pubblico dell’Archivio Luigi Pericle anche se, in realtà, è già disponibile per tutti gli studiosi che hanno richiesto di visionare i materiali dell’Archivio o lo faranno in futuro.
Nel frattempo, sono le nuove tecnologie a permetterci di scoprire Luigi Pericle attraverso le clips d’arte del progetto “Luigi Pericle on stage”.
Un’occasione da non perdere!

Luigi Pericle | opere

Le opere di Luigi Pericle presso l’Archivio omonimo

Luigi Pericle | incontri online

INFORMAZIONI SUL PROGETTO “LUIGI PERICLE ON STAGE” E SULL’ARCHIVIO LUIGI PERICLE

Luigi Pericle on stage
clips d’arte nello spazio virtuale

Appuntamenti: dal 21 aprile – il martedì e il venerdì.
Sul sito internet www.luigipericle.org e sulle pagine Facebook, Instagram, Twitter e su YouTube.

Archivio Luigi Pericle, Ascona, Svizzera
Andrea e Greta Biasca-Caroni
tel +41 (0)79 245 09 65 – +41 (0)79 621 23 43
c/o Hotel Ascona – Via Signore in Croce, 1 – CH – 6612 Ascona
www.luigipericle.org – [email protected]

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *