Cosa vedere a Prato: i musei, le mostre e i luoghi che dovresti visitare

DIMMI DOVE VAI E TI DIRO’ COSA VEDERE

MuseiChieseLuoghi di interesse turisticoEventi e MostreCome spostarsi

Ti sei mai chiesto quale sia la città toscana che racchiuda al suo interno un patrimonio d’arte, storia e gastronomia ancora poco esplorato dal turismo di massa? Con questo post ti invito a scoprire cosa vedere a Prato, una perla incastonata tra le colline della Toscana, dove i tessuti pregiati si mescolano ai sapori antichi.

In questa pagina trovi tutti i suggerimenti per esplorare ogni angolo della città toscana. Qui troverai una raccolta dei musei di Prato che ritengo imperdibili; alcuni dei più suggestivi palazzi da visitare; chiese e luoghi di interesse che devi assolutamente vedere e anche fotografare.

 

Musei da visitare a Prato

Prato è una città che custodisce un patrimonio artistico e storico ricco e variegato. Il Centro Pecci è il punto di riferimento per l’arte contemporanea, convive armoniosamente con il Museo di Palazzo Pretorio, che ci racconta storie di arte antica. In questa città l’arte sacra si può ammirare nelle chiese, che sono luoghi in cui è possibile scoprire la storia della città.

Ti starai domandando allora da dove cominciare per visitare i musei più importanti.
Per me questi sono i 3 musei da vedere assolutamente per iniziare a conoscere la città, la sua storia e i suoi capolavori.

Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci

Se visiti Prato non puoi perderti il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci. Una meraviglia architettonica inaugurata nel 1988 e ampliata nel 2016 grazie al genio dell’architetto Maurice Nio.
Al suo interno trovi un caleidoscopio di espressioni artistiche che spaziano dalle arti visive alle performance, dal cinema alla musica, passando per l’architettura, il design, la moda e la letteratura.

Maurice Nio ha immaginato il Centro Luigi Pecci come una “città nella città”, creando uno spazio espositivo di 3.000 mq dedicati interamente alla cultura contemporanea. al suo interno si trova anche una biblioteca specializzata con oltre 60.000 volumi un auditorium-cinema, un bookshop, un ristorante, un bistrot e persino un teatro all’aperto.

Museo di Palazzo Pretorio

Nel centro della città di Prato si trova il Museo di Palazzo Pretorio, un edificio del XIII secolo caratterizzato dalla sua facciata di mattoni rossi e pietra.
Il museo che si trova all’interno del palazzo vanta una collezione di oltre 3.000 opere d’arte, che spaziano dal Medioevo all’Ottocento.

Ti invito a esplorare ogni sala e ad immergerti nei capolavori di grandi artisti. Non perdere l’occasione di ammirare la gipsoteca di Lorenzo Bartolini, insieme alle opere di Donatello, Filippo e Filippino Lippi.

Museo del Tessuto

Prato è una città famosa per i suoi tessuti e il Museo del tessuto racconta la storia dell’arte tessile. Qui puoi esplorare una vasta gamma di tessuti: antichi, stampati, etnici, archeologici e contemporanei, tutti parte di una collezione che non ha eguali nel mondo.

Il Museo del Tessuto di Prato si trova all’interno di quella che era un’antica fabbrica, permettendoti di visitare anche i locali dove si realizzavano i tessuti e di ammirare gli strumenti di lavoro: dall’antica caldaia ai macchinari tessili.

 

Chiese e luoghi di culto a Prato

Gli edifici sacri di Prato sono un patrimonio culturale da visitare. Qui vi segnalo il più importante. 

Cattedrale di Santo Stefano

La Cattedrale di Santo Stefano è di straordinaria bellezza. Un esempio magnifico dello stile romanico pisano-lucchese, che rappresenta una delle principali attrazioni da visitare a Prato.
La sua facciata, in stile tardo-gotico, si distingue per le sue strisce alternate in marmo verde e in marmo bianco.

All’interno, la Cattedrale si apre in tre navate adornate da un pavimento geometrico e custodisce una serie impressionante di affreschi realizzati da Filippo Lippi con l’aiuto di Fra’ Diamante. Di notevole importanza anche i dipinti di Paolo Uccello nella Cappella dell’Assunta.

Altri luoghi caratteristici da vedere a Prato

Sono tantissimi i luoghi di interesse turistico a Prato che potrei elencare, ma qui ti voglio suggerire alcuni dei posti iconici che non puoi perdere.

  • Castello dell’Imperatore, un magnifico esempio di architettura sveva, costruito intorno al 1240 su progetto di Riccardo da Lentini e che ospitò re Enzo, figlio di Federico II.
  • Palazzo Datini, residenza del più grande imprenditore e benefattore di Prato: Francesco Datini. Nel lontano 1382 creò una grane azienda con succursali nelle principali città europee dell’epoca. La sua casa è il tipico esempio di palazzo mercantile medievale.
  • Parco Archeologico di Carmignano, a pochi passi dal centro storico di Prato e con una serie di reperti etruschi tutti da ammirare. Di questa grande area fanno parte i siti archeologici della necropoli di Ratimino a Prato Rosello, il tumulo di Montefortini, la tomba dei Boscehtti a Comeana e l’insediamento fortificato di Pietramarina e il Museo Archeologico di Artimino.

Per approfondire la storia e gli angoli più segreti della Toscana, però, la raccomandazione è quella di unirsi a un tour guidato.

 

Eventi e Mostre a Prato

Prato non ha un ricco programma di mostre d’arte tutto l’anno ma spesso ospita degli eventi interessanti e soprattutto da Prato è facile raggiungere una città come Firenze, che rappresenta il punto di riferimento per molti eventi temporanei.

Per restare aggiornato su tutti gli eventi e le mostre in corso ti consiglio di dare un’occhiata alla pagina degli Eventi e Mostre per controllare cosa viene proposto a Prato e dintorni.

 

Come spostarsi a Prato

Gli aeroporti più vicini sono l’Amerigo Vespucci di Firenze, il Galileo Galilei di Pisa oppure il Guglielmo Marconi di Bologna. Un volta atterrati puoi usufruire dei collegamenti in autobus o in treno. Puoi anche noleggiare un auto e percorrere l’autostrada A1 Milano-Napoli oppure l’A11 Firenze-Pisa Nord. All’interno della città e nei suoi dintorni è meglio noleggiare un’auto, per potersi spostare dal centro storio e ammirare il paesaggio toscano circostante.

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *